Ad ovest, gli Stati Uniti affermano di avere “valori” ma continuano a consentire a Israele di colonizzare la Palestina

Gen 8, 2022 | Riflessioni

di Michael Jansen,

The Jordan Times, 5 gennaio 2022. 

Durante le vacanze ho iniziato un libro che ho letto molti anni fa. Il libro è “Dust in the Lion’s Paw”, di Freya Stark, un’araba italo-britannica che ha servito come ufficiale della propaganda e dell’intelligence in Yemen, Egitto e Iraq durante la seconda guerra mondiale. Mentre risiedeva in Yemen nel 1939-40, cercò di persuadere gli yemeniti a sostenere la parte britannica nel conflitto con la Germania, ma scoprì che erano più preoccupati per gli eventi in Palestina che per l’avanzata militare della Germania nazista in Europa e per la situazione precaria della Gran Bretagna.

Durante l’intensa campagna di bombardamenti sulla Gran Bretagna da parte della Germania, Stark scrisse che i suoi sforzi per persuadere gli arabi a sostenere la lotta britannica/alleata contro Hitler erano falliti perché la propaganda non poteva riparare i danni causati dalla politica britannica in Palestina. Nell’aprile 1941, scrisse al vice ammiraglio britannico Edmund Rushbrook: “…la questione palestinese è alla radice di tutti i nostri problemi. Tutti quelli che conoscono queste terre lo dicono da anni..” Nel 1942 divenne capo dell’intelligence navale britannica.

All’inizio delle ostilità nella guerra mondiale, la rivolta palestinese del 1936-39 contro la Gran Bretagna e i sionisti colonizzatori si era affievolita e gli inglesi avevano dovuto ridurre l’immigrazione ebraica. Ciò, tuttavia, non diminuì l’ostilità palestinese e araba al progetto sionista e all’immigrazione ebraica e non diminuì la critica al cambiamento nella politica britannica da parte di potenti personaggi nei paesi alleati con la Gran Bretagna nella lotta contro Hitler.

Nel 1943, Stark fu inviata negli Stati Uniti per coltivare il sostegno alla Gran Bretagna tra le persone influenti che, ignorando la Palestina, generalmente appoggiavano i sionisti. Durante questo tour fu accusata di essere antisionista e antisemita (razzismo antiebraico), epiteti ancora troppo facilmente applicati a qualsiasi persona o paese critico nei confronti di Israele. Non riuscì a convincere nessuno degno di nota ad accettare la posizione britannica poiché gli Stati Uniti erano, allora come oggi, totalmente impegnati nell’impresa sionista. Il tempo non ha offuscato i legami di Washington con Israele e con tutte le sue azioni.

Il mese scorso, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato a stragrande maggioranza a favore di una risoluzione che avalla il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione. Cinque paesi, tra cui Israele e Stati Uniti, hanno votato contro e dieci si sono astenuti. L’ambasciatore palestinese alle Nazioni Unite Riyad al-Maliki ha esortato le Nazioni Unite ad “assumersi le proprie responsabilità per salvaguardare questo diritto inalienabile e non negoziabile e ad adottare misure pratiche che mettano fine all’occupazione e smantellino gli insediamenti israeliani”. Sapendo benissimo che l’assemblea generale non può fare e non farà nulla, Israele porterà avanti il ​​suo progetto coloniale.

Dopo il voto dell’assemblea, il relatore speciale delle Nazioni Unite Michael Lynk ha ribadito la sua critica all’ONU per la sua incapacità di agire sulle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele. Ha affermato: “Nel quinto anniversario dell’adozione della risoluzione 2334 da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la comunità internazionale deve prendere sul serio le proprie parole e le proprie leggi”.

Questa risoluzione 2334, adottata da 14 membri del Consiglio il 23 dicembre 2016, con l’astensione per la prima volta degli Stati Uniti su una simile misura, ha riaffermato “l’inammissibilità dell’acquisizione di territorio con la forza” e ha ricordato a Israele i suoi obblighi, ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra, di proteggere la popolazione civile palestinese La risoluzione condanna gli sforzi di Israele “per alterare la composizione demografica, il carattere e lo status del territorio palestinese occupato dal 1967” costruendo colonie e trasferendo i suoi cittadini nei territori occupati, espropriando terre palestinesi, demolendo case palestinesi e sfollando i palestinesi.

Sebbene questa risoluzione non sia stata l’unica nella storia dell’elusione internazionale all’obbligo di affrontare Israele per il suo comportamento, quest’anno potrebbe, dico potrebbe, esserci una resa dei conti. Alla fine del 2021, 125 membri delle Nazioni Unite hanno sostenuto il finanziamento per un’indagine a tempo indeterminato sul bombardamento israeliano di Gaza nel maggio dello scorso anno. Inoltre, il mandato della commissione che conduce l’indagine è stato esteso per includere le violazioni dei diritti umani dei palestinesi all’interno dell’intera Palestina colonizzata. Ciò equivale a un drammatico cambiamento di rotta per l’ONU che, fino ad ora, ha sostenuto il progetto sionista e ha accordato a Israele l’impunità per aver commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità nei confronti del popolo palestinese.

Ad esempio, l’UNRWA, l’agenzia istituita per provvedere a 750.000 palestinesi che Israele cacciò dalle loro case e dal loro paese nel 1948-49, ha sollevato Israele dalla responsabilità di prendersi cura e reinsediare i rifugiati. Il bilancio dell’UNRWA è sempre stato finanziato dalla comunità internazionale che non fa pressioni su Israele perché contribuisca. Pertanto, Israele non ha dovuto pagare per aver creato il problema dei rifugiati in primo luogo e poi per averlo aggravato scacciando altri 250.000 palestinesi da Gerusalemme Est, dalla Cisgiordania e da Gaza dopo la guerra del 1967. Giordania, Siria e Libano così come la Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza sono state costrette ad ospitare questi rifugiati a tempo indeterminato. Nessuno fa appello a Israele perché consenta loro di tornare a casa.

Non c’è da stupirsi che i cittadini arabi dal Golfo all’Atlantico siano stati per decenni irritati e ostili verso paesi come la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, i loro alleati e compagni di viaggio che rivendicano il loro alto livello morale e affermano di avere “valori”, ma continuano a consentire a Israele di colonizzare la Palestina e violare i diritti, le terre e le vite dei suoi indigeni.

https://www.jordantimes.com/opinion/michael-jansen/west-us-claims-have-%E2%80%98values%E2%80%99-continues-allow-israel-colonise-palestine

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio