L’Aliyah ultraortodossa in Israele sta superando ogni record. Ecco perché

Dic 3, 2021 | Riflessioni

di Judy Maltz,

Haaretz, 30 novembre 2021. 

Per decenni, gli Haredim della diaspora hanno rifiutato l’idea di immigrare in Israele. Ora non più. Ora, gli ebrei americani ultra-ortodossi si vedono come “la prossima grande frontiera dell’aliyah” e si trasferiscono in Israele in numero crescente.

Ebrei ultraortodossi all’aeroporto Ben-Gurion. Per molti decenni, è stato considerato un tabù per gli Haredim anche solo pensare di fare l’aliyah in Israele.Credito: Ohad Zwigenberg

Nesanel Cadle, un rabbino ultra-ortodosso della periferia di Philadelphia, si trasferirà in Israele quest’estate con sua moglie e i suoi cinque figli. “B’ezras Hashem [con l’aiuto di Dio]”, si assicura di aggiungere.

Saranno raggiunti da altre 70 famiglie della East Coast, tutte dirette verso un nuovo quartiere Haredi di lingua inglese costruito appositamente per loro nella periferia di Afula, nel nord di Israele.

In una telefonata dalla sua casa di Yardley, dove gestisce una piccola sinagoga, Cadle spiega cosa lo ha spinto a muoversi: “Gli ebrei non si sentono più a loro agio come una volta in America”.

Menachem Leibowitz, insieme alla moglie e agli otto figli, si è trasferito tre mesi fa a Ramat Beit Shemesh, una destinazione popolare per gli immigrati religiosi di lingua inglese.

Da quando si è trasferito in Israele da Lakewood, N.J. –uno dei più grandi centri Haredi del Nord America– Leibowitz ha guidato un’iniziativa per portare dalla East Coast due grandi gruppi di famiglie ultra-ortodosse nel 2022. Un gruppo è composto principalmente da famiglie di Lakewood e l’altro da famiglie sparse in tutta la East Coast.

Si dirigeranno in due nuovi quartieri costruiti appositamente per loro: uno in una città del nord e l’altro in una città del sud. “I sindaci volevano mantenere il segreto, così ho accettato di non pubblicare i nomi di queste città finché le famiglie non si fossero trasferite”, dice Leibowitz.

Entro i prossimi mesi, il primo gruppo di circa 20 famiglie dovrebbe sbarcare in Israele, e il piano è di portare altre 100 famiglie entro l’estate. Si stanno prendendo accordi, dice Leibowitz, in modo che nelle famiglie in cui gli uomini studiano a tempo pieno nelle kolel (yeshivas per uomini sposati) e le donne sono le principali capofamiglia, queste donne potranno continuare a lavorare a distanza.

 “Negli ultimi anni, all’interno della comunità Haredi degli Stati Uniti, c’è stata una grande impennata nel desiderio di trasferirsi nella Eretz Yisroel [Terra di Israele]”, dice Leibowitz, che come molti ebrei ultraortodossi preferisce usare il nome biblico di Israele. “In effetti, è stato travolgente, e stiamo già ponendo le basi per altre località”.

Il rabbino Pesach Lerner è il fondatore e presidente di Eretz Hakodesh, la prima lista Haredi che si sia mai presentata alle elezioni del Congresso Sionista Mondiale. Ha ottenuto risultati fenomenali nelle elezioni dell’anno scorso, emergendo come il terzo più grande partito.

La decisione di lanciare questo partito è stata vista come un segno che i venti sono cambiati all’interno di una comunità che ha tradizionalmente preso le distanze dal sionismo e dal moderno stato ebraico, spesso fino al punto di una vera e propria ostilità. Infatti, la maggior parte degli Haredim si opponeva con veemenza alla creazione dello Stato di Israele, convinti che la sovranità ebraica dovesse attendere la venuta del Messia. Per quanto li riguardava, meglio nessuno Stato che uno Stato gestito da un gruppo di miscredenti.

Un uomo ultraortodosso arriva all’aeroporto Ben-Gurion (foto illustrativa).Credito: Tomer Appelbaum

“In passato, non si parlava di aliyah all’interno della comunità Haredi americana”, dice Lerner. “Ora se ne parla”.

Questo è il motivo per cui il partito Eretz Hakodesh, da quando si è avventurato nel mondo della politica sionista, ha come una delle sue principali priorità quella di assicurare più fondi e risorse per l’aliyah Haredi.

Con il suo “incoraggiamento”, come lo definisce Lerner, Nefesh B’Nefesh –l’organizzazione privata che gestisce l’aliyah dal Nord America per conto del governo israeliano– ha recentemente creato uno sportello Haredi destinato a servire questo particolare gruppo.

“Ci deve essere qualcuno che sappia passare dalle parole ai fatti e sia in grado di guidare queste persone”, dice Lerner.

All’interno della comunità Haredi in Israele, gli uomini di solito studiano a tempo pieno nelle kolel e le famiglie vivono di sussidi governativi. Al contrario, nota Lerner, la comunità che lui rappresenta negli Stati Uniti tende a essere composta principalmente da uomini d’affari e professionisti.

Una donna ultraortodossa spinge un passeggino nel quartiere Haredi di Ramat Beit Shemesh. Credito: Emil Salman

“Per molti di loro, una grande preoccupazione era come si sarebbero guadagnati da vivere se si fossero mai trasferiti in Israele; e una delle cose importanti che hanno imparato durante la pandemia è che è possibile lavorare a distanza”, dice. “hanno capito che in Israele possono guadagnare molto meno, ma vivere meglio perché non devono pagare le tasse scolastiche per le scuole private dei loro figli, che per questa comunità è una delle spese più grandi”.

In media, circa 3.000 ebrei nordamericani immigrano in Israele ogni anno. Secondo le cifre rese disponibili da Nefesh B’Nefesh, circa il 40% di coloro che sono venuti negli ultimi anni si identificano come ultraortodossi, Chabad o ortodossi – in altre parole, più strettamente osservanti degli Ortodossi Moderni. Per quanto riguarda Lerner, questo li qualifica come Haredi.

“Sono rimasto scioccato quando ho scoperto che erano così tanti”, dice. (Presumibilmente, molti di coloro che si identificano come semplici “ortodossi” sono ciò che è noto negli Stati Uniti come “yeshivish” e in Israele come “Chardali“, un acronimo per Haredi-Dati-Leumi, o “ultra-ortodossi religiosi sionisti”).

Infrangere il tabù

Avraham Shusteris

Avraham Shusteris, 36 anni, è cresciuto a Fairlawn, N.J., in quella che descrive come una “famiglia laica russo-ebraica”. Mentre partecipava a un viaggio Birthright, ha sviluppato un forte legame con Israele ed è tornato qualche anno dopo per studiare in una yeshiva Haredi. Aveva preso in considerazione l’aliyah per un po’ di tempo, ma fu solo dopo una conversazione con il rabbino Chaim Kanievsky –una delle principali autorità Haredi in Israele– che finalmente decise di agire. “Mi ha incoraggiato a prendere la mia giovane famiglia e trasferirmi in Israele”, racconta Shusteris, che da tre anni vive a Beit Shemesh con sua moglie e i suoi quattro figli.

L’aliyah, dice Shusteris, fino a poco tempo fa era considerato un argomento “tabù” nella società Haredi degli Stati Uniti. Ma una combinazione di crescente antisemitismo, spesso diretto contro gli ebrei ultraortodossi, e l’aumento del costo della vita ha portato molti a ripensare il loro futuro in America, dice. Infatti, nota Shusteris, diversi rabbini Haredi di spicco negli Stati Uniti hanno persino rilasciato dichiarazioni pubbliche che incoraggiano gli ebrei religiosi ad andarsene.

“Mentre gli ebrei religiosi hanno sempre saputo di non essere a casa nella diaspora, ora, nel mondo post-coronavirus, stanno davvero cominciando a sentirlo più acutamente”, dice. “Intanto, le opportunità di lavoro a distanza sono aumentate oltre le più ottimistiche previsioni. Questo significa che vivere in Israele e lavorare per un’azienda americana è più realistico che mai”.

Contabile di formazione, Shusteris nota che lui stesso ha lavorato per diversi anni a distanza per una ditta di Philadelphia mentre viveva in Israele.

All’inizio di quest’anno, ha creato un’organizzazione chiamata Nachliel Project, che mira a promuovere l’aliyah Haredi dagli Stati Uniti. L’organizzazione produce video sulla vita in diverse comunità Haredi di lingua inglese in Israele, organizza tour per potenziali immigrati e pubblica articoli sulla stampa Haredi degli Stati Uniti sottolineando il vantaggio della vita in Israele per gli ebrei osservanti della Torah.

Gli americani ultraortodossi, secondo lui, sono “la prossima grande frontiera dell’aliyah” e un “adattamento naturale” per Israele.

“Hanno un’affinità naturale con la Terra d’Israele in virtù del fatto che pregano rivolti verso Israele tre volte al giorno, menzionano Israele innumerevoli volte durante il giorno nel loro apprendimento della Torah e nelle benedizioni che fanno, visitano Israele nelle loro vacanze e mandano i loro figli a studiare in Israele”, spiega.

Un altro fattore dietro questa nuova ondata di aliyah è il crescente senso di alienazione politica e sociale tra gli ebrei ultraortodossi negli Stati Uniti.

Questo senso di alienazione è iniziato con la crisi del coronavirus quando, come nota Cadle, gli ebrei Haredi sono stati “presi di mira” perché non rispettavano le regole e sono stati incolpati della diffusione della malattia. È continuato con la sconfitta di Donald Trump nelle elezioni presidenziali del 2020 e l’ascesa della sinistra progressista.

Infatti, gli Haredim negli Stati Uniti erano tra i più fedeli sostenitori di Trump, condividendo molti degli stessi “valori familiari” –cioè l’opposizione all’aborto e ai diritti LGBTQ– ed erano la sua base evangelica. “Oggi, vedono un rapido declino della moralità e dei valori negli Stati Uniti”, dice Shusteris.

Cadle lo dice in modo ancora più schietto: “Lo spostamento a sinistra degli Stati Uniti, in particolare nei valori sociali che rappresenta, è molto inquietante per molti di noi”.

Opportunità nelle periferie

Anche se Gerusalemme e Beit Shemesh rimangono destinazioni molto ambite per gli immigrati Haredi provenienti dagli Stati Uniti, l’alto costo degli immobili in queste grandi città sta inducendo molti a considerare località alternative in parti remote del paese, dove gli alloggi sono più accessibili. Ma piuttosto che venire da soli, preferiscono trasferirsi in gruppi, ciò che dà loro il vantaggio automatico di un sistema di supporto da parte di altri anglofoni.

Yoel Berman, che è cresciuto a Los Angeles e vive a Sanhedria, un quartiere Haredi di Gerusalemme, è la mente dietro una nuova iniziativa che mira ad attirare gli immigrati Haredi di lingua inglese in quelle che lui descrive come “comunità fuori città”.

Yoel Berman

“Il mio pubblico di riferimento comprende sia gli studenti sposati della yeshiva che sono già qui e che potrebbero rimanere a lungo termine se avessero opportunità economicamente più convenienti o più adatte a loro fuori città, sia persone degli Stati Uniti che potrebbero anche considerare l’aliyah se sapessero di tali opportunità”, dice il quarantenne Berman, uno scrittore di professione, la cui impresa si chiama “Avira D’Eretz Yisroel” (“Atmosfera della Terra di Israele”).

Berman è venuto in Israele da solo all’età di 19 anni per studiare alla prestigiosa Mir Yeshiva a Gerusalemme, e non è più andato via. Quando gli si chiede cosa ha spinto la sua aliyah, risponde: “Come persona molto legata alla storia ebraica, la realizzazione di un sogno nazionale di 2000 anni fa, condiviso con molti dei grandi personaggi della nostra nazione che ho ammirato come modelli –il Gaon di Vilna, per esempio, il Baal Shem Tov e lo Chatam Sofer– mi attirava molto”, dice. “Mi sono sentito in sintonia specialmente con coloro che non solo vedevano Israele come un luogo sacro dove poter vivere il resto della loro vita, ma anche un luogo dove gli ebrei sarebbero tornati a vivere e a prosperare come nazione. Mi sento di continuare a seguire le loro orme”.

Chaim Ekstein, cresciuto nella comunità chassidica Satmar, si è trasferito a Gerusalemme con sua moglie e i suoi sette figli poco più di un anno fa. Sarebbero venuti prima se non fosse stato per la pandemia, dice Ekstein, 43 anni, che possiede una società di assicurazioni e investimenti.

Chaim Ekstein

Ekstein dice che voleva trasferirsi 12 anni prima, ma c’è voluto così tanto tempo perché sua moglie si convincesse e accettasse di lasciare la loro casa nella comunità chassidica di Monroe, N.Y.

“Molte persone nel mondo Haredi crescono con un senso di disconnessione da Eretz Yisroel perché hanno vissuto così a lungo nel galus [esilio]”, dice. “Per me, soddisfare il mitzvah [comandamento] di vivere in Eretz Yisroel è una parte importante del mio ebraismo”.

Le circostanze sono cambiate drasticamente rispetto ai giorni della fondazione dello Stato, nota Ekstein, quando le principali autorità Haredi denunciavano il sionismo e scoraggiavano gli ebrei religiosi dal trasferirsi in Israele.

“C’erano profonde preoccupazioni allora che sarebbe stato difficile rimanere religiosi in Israele perché lo stato era gestito da ebrei secolari”, dice. “Ma oggi, non c’è posto al mondo in cui sia più facile essere un ebreo religioso che in Israele”.

Quando gli viene chiesto se il gruppo di 70 famiglie che sta portando in Israele quest’estate è sionista, Cadle fa un momento di pausa. “Questa è una buona domanda”, dice. “Mettiamola così: Ognuno di loro ama la Terra d’Israele, il popolo ebraico e anche l’idea di vivere in uno stato ebraico. Allo stesso tempo, devo dire che hanno molto poco in comune con i sionisti secolari”.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.HIGHLIGHT.MAGAZINE-ultra-orthodox-aliyah-to-israel-is-breaking-records-here-s-why-1.10427636

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio