Israele non è riuscito a indagare sulle centinaia di sparatorie mortali alle proteste di Gaza, dicono i gruppi per i diritti umani

Dic 2, 2021 | Notizie

da The Associated Press,

Haaretz, 2 dicembre 2021. 

L’esercito israeliano ha respinto i risultati delle indagini, dicendo che le “rivolte di massa” organizzate dai militanti governativi di Hamas a Gaza erano finalizzate a fornire una copertura per gli attacchi transfrontalieri.

Una manifestante palestinese alza la bandiera nazionale mentre partecipa a una dimostrazione presso la recinzione di confine con Israele, a est di Gaza City nel 2021. Credito: Said Khatib/AFP

Gruppi per i diritti hanno detto giovedì che Israele non è riuscito a indagare sulle sparatorie che hanno ucciso più di 200 palestinesi e ferito migliaia di persone durante le violente proteste lungo la frontiera di Gaza negli ultimi anni, rafforzando il caso per l’intervento della Corte Penale Internazionale.

L’esercito israeliano ha respinto le conclusioni, dicendo che le “rivolte di massa” organizzate dai governanti militanti di Hamas a Gaza avevano lo scopo di fornire una copertura per gli attacchi transfrontalieri. L’esercito ha detto che i presunti abusi sono stati indagati a fondo con i soldati ritenuti responsabili.

A partire da marzo 2018, gli attivisti di Gaza hanno organizzato proteste settimanali che inizialmente avevano lo scopo di evidenziare la condizione dei rifugiati palestinesi espulsi da quello che ora è Israele, che costituiscono i tre quarti della popolazione di Gaza di oltre 2 milioni di persone.

Ma Hamas, il gruppo militante islamico che governa Gaza, ha presto cooptato le proteste e le ha usate per spingere all’allentamento del blocco israelo-egiziano imposto sul territorio quando Hamas ha preso il potere dalle forze palestinesi rivali nel 2007.

Ogni settimana, per circa 18 mesi, migliaia di palestinesi si sono riuniti in diversi punti lungo la frontiera, spesso dopo essere stati portati lì da Hamas. Gruppi di manifestanti bruciavano pneumatici, lanciavano pietre e bombe incendiarie e cercavano di sfondare la recinzione di sicurezza.

Candelotti di gas lacrimogeno sparati dalle forze israeliane atterrano tra i manifestanti durante una manifestazione lungo il confine con Israele a est di Gaza City nel 2018. Credit: Majdi Fathi/AFP

I cecchini israeliani hanno sparato munizioni vere, proiettili rivestiti di gomma e gas lacrimogeni da terrapieni di sabbia dall’altra parte, in quella che Israele ha detto essere autodifesa, per evitare che migliaia di palestinesi –compresi militanti di Hamas potenzialmente armati– si riversassero in Israele.

Il fuoco israeliano ha ucciso almeno 215 palestinesi, la maggior parte dei quali disarmati, tra cui 47 persone sotto i 18 anni e due donne, secondo il Centro Al-Mezan per i Diritti Umani di Gaza. Centinaia di altri sono stati gravemente feriti nelle manifestazioni che si sono concluse alla fine del 2019. Molti erano lontani dalla recinzione di confine quando sono stati colpiti.

Un soldato israeliano è stato ucciso da un cecchino palestinese nel 2018 e diversi altri sono stati feriti.

Un rapporto pubblicato giovedì dal gruppo israeliano per i diritti B’Tselem e dal Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) con sede a Gaza ha detto che i militari non sono riusciti a indagare sugli ordini emessi dagli alti comandanti e non hanno preso praticamente nessun provvedimento contro i soldati.

Ad aprile, su 143 casi trasferiti ai procuratori militari da un meccanismo israeliano di accertamento dei fatti, 95 sono stati chiusi senza ulteriori azioni. Solo uno –l’uccisione di un palestinese di 14 anni– ha portato a un’incriminazione, mentre gli altri sono ancora in sospeso, dice il rapporto. Ha citato cifre ottenute dall’esercito israeliano attraverso una richiesta di libera di informazione.

Manifestanti donne sventolano bandiere nazionali palestinesi mentre scappano dai gas lacrimogeni sparati dalle truppe israeliane, vicino alla recinzione del confine della Striscia di Gaza con Israele nel 2018. Credit: Adel Hana/AP

Il soldato incriminato, dopo un patteggiamento, è stato condannato per “abuso di autorità, tale da mettere in pericolo la vita o la salute” e ha scontato un mese di servizio comunitario, dice il rapporto.

Questo dopo che più di 13.000 palestinesi sono stati feriti in circa 18 mesi di proteste, compresi più di 8.000 colpiti da fuoco vivo. Almeno 155 hanno subito amputazioni, dice il rapporto. Ha detto che il meccanismo di accertamento dei fatti dell’esercito ha esaminato solo 234 casi in cui i palestinesi sono stati uccisi, compresi alcuni incidenti mortali non collegati alle manifestazioni.

L’esercito israeliano ha rilasciato una dichiarazione dicendo che ha condotto le indagini in “modo approfondito e completo” e ha depositato i capi d’accusa in due incidenti in cui i soldati sono stati condannati alla “reclusione durante il servizio militare, alla libertà vigilata e alla retrocessione”.

Ha detto che altri casi sono ancora in sospeso “a causa della complessità degli eventi e della necessità di un esame approfondito”. Ha detto che “decine di incidenti sono stati trattati” da quando B’Tselem ha pubblicato le sue cifre, che i militari hanno detto essere “superate”.

La Corte Penale Internazionale ha lanciato un’indagine all’inizio di quest’anno sui potenziali crimini di guerra commessi da Israele e dai militanti palestinesi a Gaza dal 2014, quando le due parti hanno combattuto la terza delle quattro guerre da quando Hamas ha preso il potere.

Manifestanti palestinesi bruciano pneumatici dopo una dimostrazione lungo il confine tra la Striscia di Gaza e Israele a est di Gaza City nel 2018 Credit: Mahmud hams/AFP

Israele ha respinto l’indagine, dicendo che il tribunale è prevenuto nei suoi confronti e che il sistema giudiziario israeliano è in grado di condurre le proprie indagini che soddisfano gli standard internazionali. Dice che le sue forze di sicurezza fanno ogni sforzo per evitare vittime civili e per indagare sui presunti abusi.

Israele non è parte della CPI, ma i funzionari israeliani potrebbero essere soggetti all’arresto in altri paesi se essa emettesse dei mandati. Israele potrebbe potenzialmente respingere l’indagine dimostrando di aver avviato indagini credibili per conto proprio.

B’Tselem e il PCHR dicono che Israele non ha soddisfatto questi requisiti. Le sue indagini “consistono interamente nell’indagine dell’esercito su se stesso e non hanno riguardato i regolamenti illegali sull’apertura del fuoco consegnati alle forze di sicurezza o le procedure attuate durante le proteste”, hanno detto.

“Si concentrano invece esclusivamente sui soldati di grado inferiore e sulla questione se abbiano agito in contrasto con questi ordini illegali”.

Yuval Shany, senior fellow presso l’Israel Democracy Institute e membro della Facoltà di Legge dell’Università Ebraica di Gerusalemme, ha detto che Israele potrebbe essere vulnerabile all’azione della CPI per la sua risposta alle proteste, ma che la barra è relativamente bassa perché un paese possa dimostrare di aver indagato su se stesso.

“Non si tratta certamente di perseguire qualcuno. Si tratta davvero di indagare genuinamente sugli incidenti”, ha detto. Spetta ai procuratori decidere, e non è chiaro se Israele coopererà con la Corte per cercare di provare la sua tesi.

Un palestinese dà fuoco a pneumatici lungo il confine tra Gaza e Israele a est di Khan Yunis nel sud della Striscia di Gaza nel 2020. Credit: Said Khatib/AF

C’è anche la questione se i procuratori considerano la risposta di Israele alle proteste come un atto di applicazione della legge o come un conflitto armato con Hamas.

Israele ha detto che gli attivisti di Hamas erano tra i manifestanti, giustificando così le sue regole di apertura del fuoco nel contesto delle ostilità di lunga data con il gruppo.

“Nel contesto di un conflitto armato, si ha una più ampia possibilità di applicare la forza letale verso i militanti”, ha detto Shany. “Se si tratta invece di un’operazione per applicare la legge, allora si deve sostanzialmente usare più moderazione”.

https://www.haaretz.com/israel-news/right-groups-israel-failed-to-probe-fatal-shootings-of-palestiniansat-gaza-protests-1.10433726

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

1 commento

  1. Sebastiano Comis

    L’armata più morale
    del mondo spara in testa,
    dove fa meno male,
    a chi istiga e protesta
    e specie a chi le gambe
    avendo perse entrambe
    in un pregresso inferno
    è un bersagliò più fermo.

    42 rotule*

    Il comandante in capo
    dell’armata canaglia
    detta le nuove regole
    d’ingaggio a chi sorveglia
    i recinto del campo.
    “Consegna dei cecchini
    è di non dare scampo
    a quella maramaglia,
    gentaglia, regazzaglia
    che osa fare festa
    e roghi di protesta
    nella fascia interdetta.
    Ma da ora in avanti
    prenderete a bersaglio
    una volta la testa,
    un’altra piedi e gambe
    o ancor meglio i ginocchi,
    di modo che li privi
    di uno o entrambi gli arti
    o comunque li azzoppi,
    li rendi inoffensivi
    senza farne dei martiri
    come quando li accoppi,
    E poi, restando vivi
    anche se resi invalidi,
    sono solo feriti,
    così chiudi la bocca
    ai nuovi antisemiti”.

    * è il record, citato da Gideon Levy su Haaretz, di un cecchino israeliano in un venerdì di protesta

    Israele e la CPI

    Difendersi nel processo?
    Difendersi dal processo,
    Siamo il Popolo Eletto
    mica il popolo fesso!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio