Il dossier segreto israeliano non fornisce prove per dichiarare “terroriste” le ONG palestinesi

Nov 4, 2021 | Riflessioni

di Yuval Abraham,Oren Ziv eMeron Rapoport,

+972 Magazine, 4 novembre 2021.   

Israele sperava che un documento riservato dello Shin Bet avrebbe convinto i governi europei a smettere di finanziare i gruppi per i diritti dei palestinesi. Ma +972 ha ottenuto informazioni sul dossier e non ha trovato prove reali per giustificare le affermazioni di Israele.

Foto illustrativa di soldati israeliani che partecipano a una irruzione nella città cisgiordana di Hebron, 18 giugno 2014, (Oren Ziv)

Il 22 ottobre, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha designato sei importanti gruppi palestinesi per i diritti umani come “organizzazioni terroristiche”, citando presunti legami con il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), partito palestinese di sinistra e movimento militante. Nonostante la gravità della dichiarazione, che secondo quanto riferito si basava sull’intelligence raccolta dallo Shin Bet, Israele non ha presentato alcun documento che colleghi direttamente o indirettamente le sei organizzazioni al FPLP o a qualsiasi attività violenta.     

Quindi, su quali prove si sarebbe basata questa dichiarazione? Questa domanda è stata posta nelle ultime due settimane dalla comunità dei diritti umani, così come da un piccolo numero di membri della Knesset e da alti rappresentanti di paesi amici di Israele. Una fonte interna all’establishment della difesa è stata ampiamente citata dai media israeliani, dicendo che la prova contro i gruppi palestinesi era “solida come una roccia”.    

Tuttavia, le informazioni provenienti da documenti riservati che riveliamo qui per la prima volta gettano seri dubbi su tale affermazione.

Dal maggio di quest’anno, rappresentanti del ministero degli Esteri israeliano hanno ripetutamente fatto appello alla comunità internazionale dicendo che le sei organizzazioni palestinesi –Al-Haq, Addameer, Bisan Center, Defense For Children International-Palestine, Union of Agricultural Work Committees e Union of Palestinian Women’s Committees– sono strettamente legate al FPLP e sono persino coinvolte nel finanziamento di attività terroristiche.       

Per corroborare le accuse contro le ONG, alcune delle quali molto rispettate in ambito internazionale, nel maggio 2021 gli emissari israeliani hanno inviato un dossier riservato di 74 pagine, preparato dallo Shin Bet, ai rappresentanti dei paesi europei, nella speranza di persuaderli a smettere di finanziare le organizzazioni. Tuttavia, secondo le prove che abbiamo raccolto, il dossier non è riuscito a convincere questi governi stranieri. Alti funzionari di almeno cinque paesi europei hanno affermato che il dossier non conteneva “prove concrete” e hanno quindi deciso di continuare a sostenere finanziariamente le organizzazioni.

+972, Local Call e The Intercept sono venuti in possesso del dossier riservato dello Shin Bet, nonché di centinaia di pagine di riassunti in ebraico degli interrogatori dello Shin Bet e della polizia israeliana a due contabili palestinesi: Said Abdat e Amro Hamuda. Entrambi i contabili lavoravano per un’organizzazione palestinese che non è elencata nell’ordine di Gantz, gli Health Work Committees, ed entrambi sono stati licenziati dalla ONG perché sospettati di illeciti finanziari. Sono ancora tutti e due in detenzione israeliana. 

Il documento inviato agli europei si basa quasi interamente sulle testimonianze di Abdat e Hamuda. Afferma che queste testimonianze dimostrano che le sei organizzazioni in questione facevano parte di una rete gestita dal FPLP e che i fondi ricevuti dalle organizzazioni venivano utilizzati per le attività armate del FPLP.

(Da sinistra a destra) Ubai al-Aboudi, capo del Bisan Center, Shawan Jabarin, capo di Al-Haq, e Sahar Francis, capo di Addameer, durante una visita di solidarietà di rappresentanti di 20 gruppi israeliani per i diritti umani negli uffici di Al-Haq, Ramallah, 27 ottobre 2021. (Oren Ziv)

Tuttavia, un esame delle “prove” del dossier, insieme a un esame dei riassunti dei ripetuti interrogatori di Abdat e Hamuda, rivela che i contabili –che non lavoravano per nessuna delle sei organizzazioni prese di mira– basavano la maggior parte delle loro accuse su ipotesi generali, cose che, secondo loro, erano “note a tutti” o su informazioni che sostenevano essere ampiamente “conosciute”.

Cosa ancora più importante, anche le testimonianze infondate di Abdat e Hamuda indicano, al massimo, che alcune di queste organizzazioni erano coinvolte in attività civiche e pubbliche come eventi studenteschi, assistenza ai malati e lezioni di poesia che fanno parte del lavoro del FPLP come movimento della società palestinese. Un avvocato che rappresenta uno dei contabili, Abdat, sostiene inoltre che il suo cliente potrebbe essere stato costretto a testimoniare in seguito a metodi di interrogatorio che potrebbero equivalere a tortura o maltrattamenti.

Questi aspetti critici delle testimonianze di Abdat e Hamuda sono stati omessi dal dossier dello Shin Bet. Infatti, contrariamente a quanto affermato dal ministero della Difesa israeliano, il dossier non ha fornito una sola prova che dimostrasse che le sei organizzazioni hanno dirottato i loro fondi verso il FPLP o verso attività violente.

Le accuse del dossier contro le sei ONG sono quasi identiche a quelle dell’annuncio di Gantz di due settimane fa. Gli interrogatori dei commercialisti, avvenuti tra marzo e maggio di quest’anno, sono stati citati anche dal ministero come fonte delle accuse.

Da maggio, Israele ha fatto irruzione negli uffici di tre dei sei gruppi per i diritti umani e potrebbe aver ottenuto ulteriori prove per cercare di dimostrare un legame diretto tra le organizzazioni e il FPLP. Tuttavia, alti funzionari di due paesi europei che hanno parlato con +972, Local Call e The Intercept a condizione di anonimato hanno affermato che, dopo l’annuncio di Gantz, Israele ha ignorato tutte le richieste di ulteriori informazioni sulla questione. Alti funzionari di altri tre paesi europei hanno rilasciato dichiarazioni in tal senso ai media.  

Soldati israeliani confiscano apparecchiature e documenti informatici in un raid negli uffici di Defense for Children International – Palestina, Al-Bireh, Cisgiordania, 29 luglio 2021. (DCI-P)

Inoltre, due fonti americane informate sui dettagli della questione hanno affermato che una delegazione israeliana è stata inviata a Washington per controllare i danni derivanti dall’indignazione per le designazioni terroristiche e ha incontrato deputati e membri dello staff del Congresso per cercare di spiegare l’annuncio di Gantz. Una delle fonti ha affermato che il documento che la delegazione ha presentato ai legislatori statunitensi era molto simile a quello presentato agli europei a maggio, aggiungendo “Questo è tutto ciò che hanno visto i membri del Congresso”. Le due fonti americane, che hanno chiesto l’anonimato perché non autorizzate a parlare di diplomazia, hanno detto che c’era l’intenzione di presentare gli stessi documenti al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che, secondo precedenti notizie di cronaca, aveva chiesto maggiori informazioni al governo israeliano sulle definizioni di Gantz.  

Le “prove” dello Shin Bet

Il dossier riservato, che ha il logo dello Shin Bet, è intitolato: “Risultati dell’inchiesta: Finanziamenti esteri per il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina attraverso una rete di organizzazioni della società civile”. Il documento si apre con un background sul FPLP –che Israele, Stati Uniti e Unione Europea considerano una “organizzazione terroristica”– e le sue operazioni armate a partire dagli anni ’70, e prosegue sostenendo che il FPLP ha istituito organizzazioni della società civile per servire come gruppi di copertura. Secondo il documento, anche se alcune di queste ONG hanno obiettivi umanitari, una parte delle donazioni fatte a loro “ha raggiunto l’organizzazione terroristica stessa”.

Il dossier cita la Svizzera, la Germania, i Paesi Bassi, il Regno Unito, il Belgio, la Svezia, la Spagna e l’Unione Europea come paesi e organismi che sostengono finanziariamente le sei ONG, e il suo scopo era molto probabilmente quello di persuaderli a tagliare i fondi alle ONG. Ciò nonostante, sia il ministro degli Esteri olandese che quello belga per lo sviluppo economico hanno dichiarato pubblicamente che il dossier non conteneva “nemmeno una singola prova concreta”. A seguito del dossier, Belgio e Svezia hanno dichiarato di aver condotto verifiche indipendenti sulla condotta finanziaria delle sei organizzazioni in questione e sul loro collegamento con il FPLP. Nessuno dei due paesi ha trovato prove per le affermazioni dello Shin Bet.

In effetti, la maggior parte del dossier non discute proprio delle sei ONG dell’annuncio di Gantz, ma si concentra piuttosto su una settima organizzazione palestinese, gli Health Work Committees. L’organizzazione, che gestisce centri medici in tutta la Cisgiordania occupata, non è stata inclusa nella dichiarazione di Gantz poiché era già fuorilegge dal gennaio 2020, dopo che il vicedirettore del gruppo, Walid Hanatshah, è stato accusato di aver complottato per uccidere il diciassettenne israeliano Rina Shnerb in un attentato dinamitardo su strada nell’agosto 2019. All’inizio di quest’anno, cinque dipendenti di Health Work Committees, incluso il suo direttore, Shatha Odeh, sono stati arrestati e interrogati con l’accusa di appropriazione indebita di fondi per le attività del FPLP utilizzando rapporti finanziari falsi.  

La deputata palestinese Khalida Jarrar è accolta dai suoi sostenitori dopo essere stata scarcerata, Ramallah, 28 febbraio 2019. (STR/Flash90)

Inoltre, due dipendenti appartenenti alla Union of Agricultural Work Committees, una delle sei ONG in questione, sono stati arrestati per l’omicidio di Shnerb, forse l’unico legame noto tra un membro dei sei gruppi e l’attività violenta. In seguito all’omicidio, le forze di sicurezza israeliane hanno arrestato dozzine di attivisti politici, dipendenti di varie organizzazioni per i diritti umani, attivisti e studenti con l’accusa di legami con il FPLP, tra cui Khalida Jarrar, membro del Consiglio Legislativo Palestinese per il FPLP. Nel caso di Jarrar, lo Shin Bet ha rilasciato una drammatica dichiarazione che la collegava alle attività violente del FPLP, ma l’accusa era del tutto assente dal suo atto d’imputazione e lei non è mai stata condannata per legami con la violenza.        

Finanziare il terrore, senza alcuna prova

Il dossier contiene nove ricevute false emesse dagli Health Work Committees, oltre a una registrazione audio di Hamuda, in cui avrebbe ammesso di aver falsificato tali ricevute. Il dossier cita una telefonata avuta con un altro dipendente, in cui Hamuda avrebbe affermato: “Per ogni progetto comprerai qualcosa di reale e comprerai qualcosa che non è reale. Ciò che non è reale, lo gonfieremo e lo trasferiremo al finanziatore, che pagherà l’importo. In questo modo chiuderemo i debiti degli Health Work Committees».

Tuttavia, queste ricevute, insieme alle altre centinaia di pagine dello Shin Bet e delle indagini della polizia, non offrono alcuna prova che la presunta appropriazione indebita dei fondi dell’organizzazione sia stata fatta allo scopo di finanziare attività violente.

Ad esempio, durante l’interrogatorio di Hamuda del 29 marzo, l’interrogatore lo ha ripetutamente accusato di “giocare con le fatture” per sostenere il FPLP. Secondo i documenti, Hamuda ha risposto che mentre “aveva fatto qualche giochetto qua e là, non era per favorire il FPLP” e ha detto che invece “aveva aiutato a gonfiare le fatture [a causa dei] debiti di Health Work Committees nei confronti dei fornitori di servizi”. Queste sezioni dell’inchiesta non compaiono nel dossier israeliano inviato agli europei.

Le false ricevute presentate agli europei provengono esclusivamente da Health Work Committees e sono accompagnate da accuse generali di Abdat e Hamuda. Parlando dell’Union of Agricultural Work Committees, Abdat ha detto durante il suo interrogatorio del 7 aprile: “Presumo che la tipografia Bisan [non collegata al Bisan Center, uno dei sei gruppi nella dichiarazione di Gantz] fornisca servizi alla Union of Agricultural Work Committees e li aiuti anche a falsificare le ricevute”. Per quanto riguarda l’Union of Palestinian Women’s Committees e il Centro Bisan, Abdat ha affermato di aver insegnato ai dipendenti di quelle organizzazioni come “falsificare documenti e ricevute, al fine di realizzare profitti”. Nessuna prova è stata fornita per sostenere la sua affermazione.

Data la natura non comprovata delle testimonianze, il valore delle prove dello Shin Bet sembra molto scarso, soprattutto se si considera che i contabili non hanno mai lavorato per le sei organizzazioni su cui hanno testimoniato e sono stati licenziati dagli Health Work Committees per il sospetto di scorrettezze finanziarie.

Supporto ideologico per le lezioni di danza

Abdat e Hamuda avrebbero affermato che era “risaputo” che le sei organizzazioni erano “affiliate” con il FPLP. Ad esempio, quando il 7 aprile è stato interrogato su Al-Haq, Abdat ha detto che a chi non è membro del FPLP è “proibito di lavorare ad Al-Haq”. Parlando della UAWC e del DCI-Palestina, Abdat ha detto agli interrogatori che entrambe le organizzazioni sono associate o operano sotto il FPLP.

L’interrogatore dello Shin Bet ha riassunto le osservazioni di Abdat nell’interrogatorio del 6 aprile come segue: “Le istituzioni appartengono al FPLP, sono collegate tra loro e costituiscono la linfa vitale dell’organizzazione dal punto di vista economico e organizzativo. Cioè attraverso il riciclaggio di denaro sporco e finanziando le attività del FPLP”. L’interrogatore ha riassunto così le osservazioni di Hamuda nel suo interrogatorio del 31 marzo: “Il FPLP gestisce istituzioni, centri e comitati in modo centralizzato allo scopo di ricevere finanziamenti per le attività del FPLP”. Alla domanda su come il denaro venga trasferito al FPLP e per quali scopi, Hamuda ha risposto che “non lo sapeva esattamente”.

Tuttavia, in tutti i casi in cui è stato chiesto ad Abdat e Hamuda di specificare cosa intendessero per “attività del FPLP”, hanno descritto solo progetti educativi o umanitari apertamente riferibili all’organizzazione. In nessun caso hanno descritto il finanziamento di attività violente. Quando gli è stato chiesto come fosse arrivato a capire che “il denaro ha raggiunto le attività del FPLP”, Abdat ha risposto di aver “visto ricevute che sono state utilizzate per varie attività del FPLP, come i corsi di dabke [una danza tradizionale palestinese] tenuti a Ramallah, Betlemme, e Gerusalemme”. Solo la prima parte di questa frase è stata presentata agli europei, mentre la seconda parte –dalla quale si deduce che le ricevute si riferiscono a lezioni di ballo– è stata omessa dal dossier.  

Giovani palestinesi eseguono la tradizionale danza “dabke” per celebrare il completamento della maratona inaugurale della Palestina, 21 aprile 2013. (Ryan Rodrick Beiler/Activestills.org)

Durante l’interrogatorio di Hamuda del 29 marzo, gli è stato chiesto quali attività del FPLP sono state finanziate da Health Work Committees, e lui ha risposto: “Sono diverse attività per gli studenti, come i campi estivi”. In un diverso interrogatorio, Hamuda ha risposto di aver finanziato “corsi sulla leadership con docenti esterni e corsi per le donne sui diritti delle donne”. Quando, il 29 marzo, gli è stato chiesto in che modo queste organizzazioni contribuiscono al FPLP, Hamuda ha risposto che “non lo sapeva”.

Infatti, nelle centinaia di pagine di sintesi degli interrogatori, c’è un solo riferimento ad attività militari. Secondo il riassunto del suo interrogatorio dell’8 aprile, Abdat ha affermato che esiste un comitato del FPLP che “decide come dividere i fondi tra attività militari e organizzazioni”. Mentre questa parte compare nel dossier, non c’è menzione del fatto che Abdat aveva anche aggiunto: “Non so come arrivino i fondi al comitato e come distribuiscano i fondi”. Quando gli è stato chiesto di descrivere le attività del FPLP, Abdat ha parlato solo di “attività nel campus universitario, sostegno ai feriti o ai malati e sostegno alle famiglie dei martiri e dei prigionieri”.

Abdat ha anche detto agli interrogatori che tre delle sei organizzazioni in questione hanno sostenuto un’iniziativa educativa intitolata “Progetto Kanan”, che a suo dire è affiliata al FPLP. Nei suoi incontri con i giornalisti israeliani, il Ministero della Difesa ha anche menzionato il Progetto Kanan come uno dei motivi per cui la UAWC è stata dichiarata un’organizzazione terroristica.

Tuttavia, anche in questo caso, i dettagli delle attività stesse non sono stati presentati nel dossier, molto probabilmente per creare l’impressione di attività clandestina. I documenti dell’indagine rivelano che il 6 aprile Abdat ha detto al suo interrogatore che il Progetto Kanan “si concentrava sulla riabilitazione dei giovani; lezioni di dabke; Corsi PFLP con contenuti PFLP; preparazione ai campi estivi; competizioni sportive; opportunità di volontariato; studi e ricerche; attività nel campus; e attività per gli adolescenti di Gerusalemme contro l’occupazione sionista. Tutti i corsi sono gestiti da membri del PFLP e includono contenuti relativi al PFLP. Secondo lo Shin Bet, il progetto Kanan è sostenuto dal governo basco attraverso la fondazione Mundubat.

Lo stesso giorno, gli interrogatori dello Shin Bet hanno anche chiesto ad Abdat di un progetto aggiuntivo, intitolato “Cinque Associazioni”, in cui sarebbero coinvolte quattro delle sei organizzazioni e le cui attività sono pubbliche. Gli interrogatori hanno riassunto le risposte di Abdat come segue:

Nell’ambito del progetto Cinque Associazioni:

  1. La Defense for Children International-Palestine ha pubblicato gli arresti e gli attacchi contro gli adolescenti di età inferiore ai 18 anni da parte dell'”occupazione israeliana”.
  2. Il Bisan Center si è occupato del finanziamento di un avvocato per i detenuti e dei campi estivi per i prigionieri del FPLP scarcerati.
  3. Gli Health Work Committees si sono occupati dell’esercizio dei diritti medici dei residenti di Gerusalemme Est nei confronti delle istituzioni israeliane e delle attività dei giovani per conto del FPLP, come le lezioni di teatro e poesia.
  4. La Union of Palestinian Women’s Committees si è occupata del rispetto dei diritti delle donne, soprattutto a favore delle donne che sostengono il FPLP.

Presunte “pressioni” negli interrogatori

Nessuna delle testimonianze menzionate nel dossier Shin Bet è supportata da prove concrete, inclusi documenti o ricevute che dimostrino le accuse dei contabili.

Inoltre, i riassunti degli interrogatori di Abdat e Hamuda rivelano quanto poco essi conoscessero le sei organizzazioni elencate nella dichiarazione di Gantz. Ad esempio, durante il suo interrogatorio del 31 marzo, Hamuda ha menzionato i sei gruppi, ma ha erroneamente notato che la parlamentare Khalida Jarrar è la direttrice di Addameer, un’organizzazione che difende i diritti dei prigionieri politici palestinesi, nonostante essa non sia più a capo dell’organizzazione dal 2006 (l’attuale direttore di Addameer è l’avvocata Sahar Francis).

L’avvocato Labib Habib, che rappresenta Abdat, ha affermato che gli inquirenti israeliani hanno ripetutamente fatto pressioni sul suo assistito perché incriminasse le altre sei organizzazioni e che le indagini sono continuate fino a quando non ha accettato di dire che esse appartenevano al FPLP.

“Questa affermazione non ha alcun valore probatorio”, ha detto Habib, “perché [Abdat] non ha i dati rilevanti in base ai quali si può determinare cosa appartiene o non appartiene [al FPLP]. Al di là della contabilità che ha fatto per l’organizzazione in cui ha lavorato, non ha alcun modo per stabilire una cosa del genere”.

Attivisti israeliani tengono una dimostrazione delle tecniche di tortura dello Shin Bet durante una manifestazione, fuori dagli uffici dell’agenzia, contro la detenzione amministrativa, Tel Aviv, 10 dicembre 2020. (Oren Ziv)

Habib ha detto di aver presentato un’istanza per squalificare la testimonianza del suo cliente. “È stato sottoposto a molte pressioni, [gli interroganti] hanno minacciato di arrestare sua moglie e la sua famiglia, hanno fatto pressione sui suoi familiari”. Secondo Habib, in alcuni giorni il suo cliente veniva interrogato per 22 ore di fila. Ha anche detto che Abdat è svenuto diverse volte durante l’interrogatorio, dopo di che gli agenti dello Shin Bet gli hanno versato dell’acqua addosso e hanno continuato l’interrogatorio senza consentirgli un adeguato trattamento medico.

Habib ha anche affermato che durante l’interrogatorio le mani di Abdat sono state legate dietro la schiena e anche le sue gambe sono state legate (una posizione nota come “shabah”), causandogli un forte dolore. Gli è stato anche impedito di incontrare il suo avvocato per la maggior parte della durata dell’interrogatorio. Secondo i documenti che abbiamo ricevuto, Abdat è stato interrogato 32 volte.

Khaled al-Araj, l’avvocato di Amro Hamuda, ha dichiarato: “Non c’è una sola frase nell’inchiesta in cui Hamuda affermi di aver trasferito denaro al FPLP… [gli investigatori] hanno distorto la sua testimonianza per perseguitare le organizzazioni per i diritti umani, e questa è una cosa che fanno da anni”.

L’avvocato Tal Steiner, direttore esecutivo del Comitato Pubblico Contro la Tortura in Israele, ha affermato che le pratiche dello Shin Bet delineate dall’avvocato di Abdat possono equivalere a tortura. “La shabah è una posizione di stress che provoca al detenuto gravi sofferenze fisiche, fino alla tortura”, ha detto Steiner. Ha aggiunto che la privazione del sonno provoca gravi danni fisici e mentali al detenuto e che l’uso di membri della famiglia per esercitare una pressione psicologica sul detenuto –un atto vietato dall’Alta Corte israeliana– può essere considerato tortura psicologica.

Paesi europei: “Nessuna prova concreta”

Secondo diverse fonti, il dossier israeliano non è riuscito a convincere i funzionari europei che le organizzazioni erano effettivamente legate al FPLP o ad attività violente.

Ad esempio, durante una discussione al parlamento federale belga a luglio, il ministro della cooperazione allo sviluppo del paese Meryame Kitir ha affermato che il suo governo aveva ricevuto il dossier, dopodiché ha incaricato l’amministrazione di “esaminare a fondo” il documento. “La nostra indagine ha rivelato che non c’è una sola prova concreta nel documento israeliano che induca al sospetto che queste organizzazioni abbiano commesso frodi”, ha continuato Kitir. “Ho incaricato l’amministrazione di esaminare nuovamente le informazioni… le indagini sono state completate e i risultati mi sono stati consegnati a luglio. Su tale base, ho stabilito che non c’è motivo di congelare i fondi per queste organizzazioni”.  

A maggio, mentre era ancora in carica, l’ex ministro degli Esteri olandese Sigrid Kaag –il cui paese aiuta a finanziare tre delle sei organizzazioni– ha affermato che il suo governo “ha ricevuto informazioni da Israele in cui si afferma che esiste un collegamento tra le organizzazioni palestinesi e il FPLP. Le informazioni sulle organizzazioni che sono indirettamente finanziate dai Paesi Bassi sono state esaminate dal Ministero degli Affari Esteri olandese e non ci sono prove concrete che colleghino le organizzazioni al FPLP”.  

Palestinesi che celebrano il 43° anniversario del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) a Gaza City, 11 dicembre 2010. (Mustafa Hassona/Flash90)

Due diplomatici europei in Israele che hanno visto il dossier hanno detto a +972, Local Call e The Intercept che, nonostante ripetute richieste, da maggio Israele non ha fornito loro nuove prove a sostegno delle accuse secondo cui le sei organizzazioni avrebbero deviato alla violenza i fondi europei.

“C’è stata molta pressione su di noi per fermare i finanziamenti, ma in un documento presentato da Israele non c’erano prove concrete contro le organizzazioni”, ha detto un vice ambasciatore europeo in Israele che aveva visto il dossier. “Questa settimana ci siamo rivolti al ministero della Difesa [israeliano] e abbiamo detto che per fare un passo così deciso, avremmo avuto bisogno di [vedere] documenti reali che dimostrino le loro affermazioni. Abbiamo chiesto di inviarci altro materiale, ma da allora non abbiamo ricevuto nulla. I rappresentanti di altre ambasciate hanno ricevuto risposte simili”.

Un alto funzionario dell’UE con cui abbiamo parlato questa settimana ha anche affermato che “il documento fornitoci da Israele a maggio non era, a dir poco, convincente. Abbiamo contattato nuovamente [gli israeliani] subito dopo l’annuncio per chiedere maggiori informazioni, ma al momento non abbiamo ricevuto nulla. Ci è stato detto che qualsiasi ulteriore informazione sarà trasmessa solo attraverso i canali dell’intelligence”.

‘Un attacco politico con il pretesto della sicurezza’

Il dossier arriva alla fine di un decennio in cui Israele ha esercitato un’enorme pressione sui donatori europei affinché smettessero di finanziare le organizzazioni della società civile palestinese. La pressione è aumentata in modo significativo quando l’ormai scomparso Ministero degli Affari Strategici israeliano ha dedicato un finanziamento speciale alla campagna di pressione. Il ministero ha compilato rapporti secondo cui molti gruppi palestinesi per i diritti umani, così come attivisti che promuovono il boicottaggio di Israele, sono affiliati a organizzazioni terroristiche. I paesi donatori non erano chiaramente convinti e non hanno congelato i loro finanziamenti.  

I sei gruppi hanno denunciato pubblicamente le affermazioni di Israele, definendole “persecuzione politica”. In una conferenza stampa tenuta a Ramallah la scorsa settimana da cinque dei sei gruppi, i rappresentanti delle organizzazioni hanno affermato di essere stati presi di mira con false accuse per mettere a tacere loro e il loro lavoro di denuncia delle violazioni israeliane dei diritti umani.

“Il nostro lavoro è completamente legale e trasparente”, ha detto a +972 due settimane fa il ricercatore senior di Al-Haq Hisham Sharbati. “I nostri finanziatori ricevono rapporti dettagliati. Siamo sotto stretto controllo e tutti sanno dove va a finire ogni singolo shekel”.  

“Siamo stati presi di mira per anni, per una semplice ragione: stiamo riuscendo a cambiare il paradigma in tutto il mondo parlando di apartheid”, ha detto la direttrice di Addameer Sahar Francis a +972. “Dobbiamo tornare alle radici di questo attacco”.

Secondo l’avvocato per i diritti umani Michael Sfard, che rappresenta Al-Haq nella sua battaglia legale contro la designazione di Gantz, il dossier è stato inviato per convincere gli europei a smettere di finanziare le organizzazioni, ma “dopo che questo passo è fallito, poiché gli europei non hanno creduto alle accuse, [le autorità israeliane] hanno usato una guerra non convenzionale, dichiarando le organizzazioni gruppi terroristici”.

Sfard ha detto che la storia delle sei ONG “è iniziata nel Ministero degli Affari Strategici, non nel Ministero della Difesa, quando sono state classificate per la prima volta come organizzazioni che ‘delegittimano Israele’. Tutto inizia e finisce con il fatto che queste organizzazioni sono viste come promotrici del boicottaggio di Israele e delle indagini sui crimini di guerra presso la Corte Penale Internazionale. L’attacco contro di loro è politico, con il pretesto della sicurezza”.

Lara Friedman, che dirige la Fondazione per la Pace in Medio Oriente (FMEP), ha definito il dossier “un insieme di citazioni fuori contesto che implicano le [sei] organizzazioni, e che sono state ottenute durante gli interrogatori di persone arrestate per altre cose, insieme a presunti documenti che suggeriscono che non tutti i dollari che gli europei hanno dato a uno dei gruppi sono andati allo scopo previsto, ma senza poter collegare quei soldi al terrore. In un tribunale, questo non si può considerare una prova di alto livello. Questa non è una prova”. (Per dare un’informazione completa: FMEP è un sostenitore finanziario dell’organizzazione no profit che pubblica +972 Magazine)

Friedman afferma che il motivo per cui gli europei, al contrario degli americani, sono molto più reticenti ad accettare le accuse israeliane come verità è il risultato di una “lunga escalation”.

“Gli israeliani hanno cercato a lungo di convincere gli europei a smettere di finanziare questi gruppi: prima accusandoli di delegittimare Israele, poi accusandoli di essere gruppi terroristici, e ora accusandoli di affiliazione con gruppi terroristici. Negli Stati Uniti, invece, c’è una generale ignoranza del processo di delegittimazione di queste organizzazioni per bloccare i loro finanziamenti. Quindi, quando gli israeliani si presentano a Washington e dicono di avere le prove, gli americani non sono in grado di replicare”, ha detto Friedman.

Non tutti i legislatori statunitensi sono disposti ad accettare le accuse di Israele. Secondo quanto riferito, l’ufficio di Bernie Sanders al Senato sta pianificando di ospitare una riunione per i membri dello staff del Congresso con alcune delle sei ONG come relatori, nonché l’avvocato per i diritti umani Sfard. “Abbiamo pensato che fosse importante che il personale ascoltasse gli stessi gruppi palestinesi per avere una piena comprensione delle ramificazioni legali, nonché del contesto per la repressione dell’attivismo per i diritti civili”, ha affermato Matt Duss, consulente di Sanders per la politica estera.

Fino alla pubblicazione di questo articolo, il ministero della Difesa israeliano non ha risposto alla nostra domanda se l’establishment della difesa avesse ulteriori prove sulle sei organizzazioni oltre a quelle presentate ai paesi europei e agli Stati Uniti.

Questo articolo è stato pubblicato in collaborazione con The Intercept e in ebraico con Local Call.   

Yuval Abraham è uno studente di fotografia e linguistica.

Oren Ziv è un fotoreporter, membro fondatore del collettivo di fotografia Activestills e uno scrittore dello staff di Local Call. Dal 2003 ha documentato una serie di questioni sociali e politiche in Israele e nei territori palestinesi occupati, con particolare attenzione alle comunità di attivisti e alle loro lotte. Il suo reportage si è concentrato sulle proteste popolari contro il muro e gli insediamenti, alloggi a prezzi accessibili e altre questioni socio-economiche, lotte contro il razzismo e la discriminazione, e la lotta per liberare gli animali.

Meron Rapoport è un editore di Local Call.

https://www.972mag.com/shin-bet-dossier-palestinian-ngos/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio