“Non posso essere ottimista”. La difficile lotta dei palestinesi di Gaza dopo l’offensiva israeliana

Set 18, 2021 | Riflessioni

di Maram Humaid,

Al Jazeera, 13 settembre 2021. 

I palestinesi di Gaza dicono che il processo di ricostruzione dell’enclave assediata si è bloccato dopo l’ultima offensiva di Israele che ha distrutto le infrastrutture della Striscia.

Gente che passa accanto alle macerie lasciate dall’attacco israeliano di maggio nel centro di Gaza City [Hossam Salem/Al Jazeera]

Gaza City –Per quattro mesi, da quando Gaza City è stata bombardata, Ahmad Alzaem ha evitato di passare davanti alla torre di Al-Jawhara rasa al suolo.

Essendo uno dei proprietari della torre, Alzaem ha vissuto ad Al-Jawhara per 14 anni, fino a quando non è stata bombardata dalle forze israeliane durante l’ultima offensiva di 11 giorni su Gaza lo scorso maggio.

“L’edificio è stato bombardato con più di cinque missili. Le fondamenta sono state completamente distrutte ed è impossibile, secondo gli esperti locali, ripararle o restaurarle”, ha detto Alzaem ad Al Jazeera.

“Ho vissuto lì con la mia famiglia di sei persone. Anche il mio negozio era nello stesso edificio. Dopo il bombardamento, ho perso tutto”, ha detto il padre di quattro figli.

Alzaem è ora disoccupato e vive con la sua famiglia in un appartamento in affitto.

“La mia vita si è completamente fermata dopo l’offensiva. Mio padre e mio fratello non hanno più i loro appartamenti. Abbiamo perso la nostra unica fonte di reddito. Quello che è successo è una catastrofe finanziaria e sociale”, ha detto ad Al Jazeera.

Secondo Alzaem, circa 1.000 persone lavoravano in aziende, uffici stampa e cliniche allestite nell’edificio. Molti sono rimasti senza lavoro dopo l’offensiva israeliana.

All’inizio di questo mese, camion carichi di materiali da costruzione sono stati ammessi nella devastata Striscia di Gaza dopo che centinaia di palestinesi avevano protestato lungo la recinzione di confine con Israele per fare pressione affinché togliesse l’assedio e consentisse la ricostruzione dell’enclave.

Ma Alzaem ha detto che tutto ciò che ha ricevuto finora è stata un’indennità di locazione dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione dei Rifugiati Palestinesi (UNRWA) e un inventario dei danni dal ministero dei lavori pubblici.

“Finora non sono stati offerti piani di ricostruzione o indennizzi. Abbiamo sentito molte dichiarazioni sugli aiuti o sulla ricostruzione, ma non è successo niente”, ha detto Alzaem. “Ho perso la speranza.”

“Non posso essere ottimista”

L’offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza a maggio ha ucciso più di 260 palestinesi, tra cui 66 bambini. In Israele sono morte 13 persone.

Più di 4.000 case di Gaza sono state distrutte o danneggiate. Sono stati distrutti anche circa 74 edifici pubblici, compresi i comuni locali, con perdite stimate dalla Banca mondiale fino a 380 milioni di dollari.

Come Alzaem, Nael Mushtaha, 41 anni, proprietario dell’edificio Aladnan, anch’esso preso di mira dagli attacchi israeliani durante l’offensiva di 11 giorni su Gaza, è rimasto traumatizzato.

“Una delle notti più orribili della mia vita. Gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato due edifici molto vicini al nostro. Ci siamo precipitati fuori nelle prime ore del mattino mentre i bombardamenti continuavano”, ha detto. “Nessuno di noi poteva credere di essere sopravvissuto”.

La costruzione dell’edificio di sei piani di Mushtaha è stata completata nel 2018. Vi si è trasferito con la sua famiglia nel 2019.

“Era la casa dei miei sogni”, ha detto ad Al Jazeera. “Abbiamo vissuto lì meno di tre anni, poi è andato tutto distrutto”.

Le bombe israeliane durante l’offensiva implacabile hanno lasciato ingenti danni all’edificio di Mushtaha e l’hanno fatto inclinare da una parte.

“Abbiamo perso ogni speranza di riparare i danni”, ha detto Mushtaha, spiegando che gli esperti hanno consigliato di demolirlo immediatamente per evitare il pericolo.

Mentre guardava i bulldozer che demolivano il suo edificio, Mushtaha ha raccontato ad Al Jazeera la sua lunga odissea per costruirsi la casa a Gaza.

“Mi ci sono voluti circa due anni per finire di costruirlo. I materiali da costruzione sono molto costosi a Gaza a causa dell’assedio. A volte, sono vietati del tutto”, ha spiegato.

“C’erano restrizioni ad ogni passo. E una volta finito, è stato bombardato”, ha detto.

“Procedimenti legali e accuse”

Qatar ed Egitto hanno promesso fondi per sostenere la ricostruzione di Gaza. Dopo aver già investito più di 1 miliardo di dollari in vari progetti a Gaza a partire dal 2014, alla fine di maggio il Qatar ha promesso altri 500 milioni di dollari.

Lunedì scorso, l’inviato Mohammed al-Emadi ha annunciato che gli stipendi del Qatar per i dipendenti pubblici e le famiglie povere, sospesi da maggio, riprenderanno nei prossimi giorni con un nuovo meccanismo che coinvolge le Nazioni Unite e l’Autorità palestinese (AP).

Ma venerdì, al-Emadi ha affermato che l’AP si è ritirata dall’accordo “per timore di azioni legali e dell’accusa che le banche stessero sostenendo il terrorismo”. Hamas è considerato un gruppo “terrorista” da Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito e altre potenze.

Mushtaha ha detto che molte delle promesse di ricostruire la Striscia di Gaza erano del tutto vane. “Ne sentiamo sempre parlare, ma non vediamo nulla”, ha detto ad Al Jazeera, riferendosi a quelle che percepiva come parole vuote.

“Non possiamo credere a nessuna promessa di aiuto o ricostruzione”.

Mohammed Alghefari, la cui azienda di ceramiche a Gaza è stata bombardata durante l’ultima offensiva israeliana, ha affermato che non era la prima volta che la sua azienda veniva presa di mira dagli aerei da guerra israeliani.

“Durante le passate guerre del 2009, 2012 e 2014, i negozi della mia azienda sono stati pesantemente colpiti dai bombardamenti israeliani. Ma questa volta è stata la più distruttiva”, ha detto Alghefari ad Al Jazeera.

“Il secondo giorno dell’offensiva, abbiamo ricevuto una chiamata che ci informava che i nostri negozi a nord di Gaza erano in fiamme. Ma non siamo riusciti a raggiungere la zona, a causa dei pesanti bombardamenti. Finita l’offensiva, siamo andati a vedere cosa fosse successo, ma non abbiamo trovato più niente. Distruzione totale.”

“Grande perdita”

“Questa è stata una perdita enorme”, ha detto Alghefari, spiegando che suo padre aveva avviato l’azienda di famiglia nel 1979.

Ha spiegato che molte strutture commerciali di Gaza sono state prese di mira dal fuoco israeliano anche durante le guerre precedenti.

“Ma nessuno fa luce sulle nostre perdite”, ha detto. “Stiamo già soffrendo per portare merci a Gaza a causa delle restrizioni, dell’assedio e delle continue chiusure”.

Commentando la promessa del Qatar di fornire aiuti per la ricostruzione di Gaza, Alghefari ha affermato che, sebbene in passato molti uomini d’affari non siano stati risarciti per le loro perdite, spera ancora che questo accordo porti un po’ di sollievo.

“Stiamo solo cercando di guadagnarci da vivere. Non abbiamo niente a che fare con la politica”, ha detto.

Intervento urgente

Omar Shaban, un analista politico ed economico con sede a Gaza, ha detto che nonostante ci sia stato un leggero cambiamento nella posizione del governo israeliano riguardo alla Striscia di Gaza, le cose sembrano assai desolanti.

“Si parla costantemente di sforzi compiuti per facilitare le condizioni nella Striscia di Gaza, ma sul campo non ci sono azioni”, ha detto Shaban, spiegando che la ricostruzione è stata interrotta per la mancanza di fondi provenienti dai paesi donatori.

“Si è parlato di ricostruzione dal Qatar e dal Kuwait, ma nulla è stato fatto”, ha aggiunto.

“Il processo di ricostruzione è necessario per stimolare l’economia, dopo che molte strutture commerciali sono state distrutte”, ha affermato Shaban. “Povertà e disoccupazione sono in aumento e la situazione è molto molto difficile.

“Gaza ha bisogno di un intervento esterno urgente”, ha aggiunto.

https://www.aljazeera.com/news/2021/9/13/frustration-over-gaza-reconstruction-after-latest-offensive

 Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

 .

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio