L’Autorità Palestinese sta perdendo il controllo della Cisgiordania, dicono i ben informati e gli attivisti

Set 3, 2021 | Riflessioni

di Lubna MasarwaDania Akkad

Middle East Eye, 26 agosto 2021. 

Mesi di crescente repressione e arresti pongono l’interrogativo, anche a chi sostiene l’AP, se questa sia sull’orlo del collasso

Scontri tra manifestanti palestinesi e forze di sicurezza dell’AP a Ramallah il 26 giugno 2021, dopo una manifestazione per la morte dell’attivista per i diritti umani Nizar Banat (AFP)

Lo scorso fine settimana, un esperto di ciò che riguarda l’Autorità Palestinese, guardando le forze di sicurezza dell’AP arrestare una trentina di manifestanti che chiedevano risposte sulla morte di Nazar Banat, rievocava quanto accaduto in Egitto 40 anni fa.

“Mi ricorda gli ultimi giorni di Sadat”, ha detto, sotto anonimato per garantire la sua sicurezza, a Middle East Eye.

Nelle settimane che culminarono con l’assassinio del presidente egiziano nel 1981, Sadat fece retate di circa 1.600 egiziani appartenenti a tutto lo spettro politico.

“Iniziarono ad arrestare chiunque, giornalisti e scrittori e chiunque si opponesse a Sadat”.

La fragilità dell’AP è stata al centro dell’attenzione per mesi, dicono gli addetti ai lavori e gli osservatori, a partire da aprile con il rinvio delle elezioni parlamentari da parte del presidente Mahmoud Abbas e poi a maggio quando l’AP è stata ampiamente spinta ai margini da Israele che bombardava Gaza.

Le forze di sicurezza dell’AP bloccano una strada mentre i manifestanti si radunano a Ramallah il 3 luglio 2021 per denunciare l’AP dopo la morte di Nizar Banat (AFP)

Durante l’estate, l’AP ha risposto alle proteste contro le sue attività –e anche a quelle di solidarietà con i Palestinesi di Gaza– con l’arresto di decine di attivisti, mentre si chiudeva nel silenzio più assoluto quando le forze di sicurezza israeliane uccidevano 40 Palestinesi in Cisgiordania.

Gli arresti dello scorso fine settimana, dicono gli attivisti e il ben informato sull’AP, sono solo l’ultimo segno della debolezza dell’AP che, dicono, li ha lasciati col dubbio che essa stia perdendo il controllo della Cisgiordania.

I dimostranti, tra i quali accademici, registi e poeti, protestavano contro la morte di Banat, l’attivista apertamente critico verso l’AP morto a giugno, a seguito dell’irruzione nella casa in cui si trovava delle forze dell’AP che lo arrestarono usando violenza.

Ore dopo, quando si teneva una veglia di protesta contro gli arresti, le forze dell’AP hanno arrestato un altro dimostrante, Khader Adnan, famoso per il primato dei suoi scioperi della fame durante i molteplici periodi da lui trascorsi sotto detenzione amministrativa nelle prigioni israeliane.

Fadi Quran, un attivista per i diritti umani e un esperto di diritto internazionale, che era tra gli arrestati, ha detto di essere stato interrogato sul perché avesse distribuito delle bandiere palestinesi e, durante un’apparizione in tribunale, ha chiesto al giudice di condannarlo così da poter essere il primo Palestinese accusato di possedere la bandiera del paese.

In molti si chiedono se l’assurdità del momento, e la crescente oppressione messa in atto dall’AP di fronte alle critiche, sia lo sfogo di un ultimo atto di disperazione.

“Ci sono tutti gli elementi per il collasso dell’AP”, ha detto Jamal Juma’a, direttore della campagna Stop the Wall che ha sede a Ramallah. 

“Politicamente, sono finiti. Come progetto nazionale, sono finiti. Aggiungete a questo la corruzione, e ci sono già tutte le condizioni per il collasso dell’AP”.

L’esperto sull’AP ha detto: “Non posso dire che l’AP collasserà presto. Ma davvero l’AP è in crisi e non sono sicuro di dove questo ci condurrà”.

Fuori controllo a Jenin

Per vedere come potrebbe essere la perdita di controllo sulla Cisgiordania dell’AP, Jenin è un buon punto di partenza.

Negli ultimi due mesi, ci sono stati diversi scontri a fuoco nel campo profughi di Jenin tra giovani residenti armati e le forze di sicurezza israeliane che fanno regolarmente irruzione nel campo.

Dopo due incidenti in luglio e in agosto nei quali le forze di sicurezza israeliane hanno ferito dei Palestinesi a Jenin, la scorsa settimana le stesse forze hanno ucciso quattro Palestinesi durante un’incursione nel campo che si è trasformata in uno scontro a fuoco.

In risposta, il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha condannato le forze israeliane e ha chiesto alle Nazioni Unite e alle organizzazioni internazionali di fornire protezione al popolo palestinese.

Ma Shatha Hamaysha, una giornalista freelance che contribuisce a MEE, ha detto che lo scontro a fuoco della scorsa settimana è stato accelerato dagli incauti tentativi dell’AP di cercare di controllare la situazione a Jenin.

L’AP, ha detto, aveva proposto di mediare tra gli Israeliani e i giovani combattenti armati e, poco prima dello scontro, ha arrestato diversi abitanti che rifiutavano di seguire il piano proposto. Quelli che hanno combattuto rifiutano l’interferenza dell’AP, compresi alcuni giovani che solo recentemente si sono uniti ai combattenti proprio perché frustrati dall’AP.

La giornalista ha detto che l’AP sta tentando di risolvere la situazione a Jenin “a modo suo” dando l’immagine di avere il controllo della situazione, mentre la realtà all’interno della città è molto diversa.

“L’Autorità ha perso la sua presenza sociale a Jenin e sta tentando in vari modi di controllare la sicurezza, imporre l’ordine e ristabilire la calma”, ha detto.

Tuttavia, ha detto Hamaysha, le tensioni sono state solo alimentate. Questa settimana, le forze israeliane stanno svolgendo esercitazioni militari ai posti di blocco che circondano Jenin “per inviare un messaggio velato a Jenin e ai giovani di Jenin” e che localmente sono viste come vuote dimostrazioni di potere.

Il membro dell’AP ha detto che l’incapacità delle forze di sicurezza dell’AP di proteggere i residenti dagli Israeliani o di controllare i gruppi armati all’interno dei campi profughi sono un chiaro segnale. “L’AP oggi è molto debole. Non possono entrare in un posto come Jenin”, ha detto.

Quel che sta avvenendo a Jenin si diffonderà? Questa è la domanda che molti si pongono in Cisgiordania.

MEE ha chiesto all’AP se sta mediando tra i giovani armati e gli Israeliani; se sta arrestando individui ricercati dagli Israeliani; se aveva compiuto queste attività prima dello scontro a fuoco della scorsa settimana e se aveva perso il controllo di Jenin.

Al momento della pubblicazione l’AP non aveva ancora risposto.

Facce diverse, altre proteste

Un altro segnale che l’AP sta andando fuori controllo sono gli individui che arresta. Non si tratta di sostenitori di Hamas, bersagli abituali dell’AP, ma di attivisti laici, alcuni che avevano precedentemente supportato l’AP.

Mazin Qumsiyya, professore di biologia alla Bethlehem University e alla Birzeit University e attivista politico, era tra quelli che protestavano a Ramallah lo scorso fine settimana. Ha detto che diciassette suoi amici sono stati arrestati durante la manifestazione.

Ha detto che crede che gli arresti riflettano un’AP insicura su cosa fare perché le sue solite strategie sono inefficaci su persone che non hanno più paura.

Manifestazione a Ramallah il 25 agosto per denunciare l’Autorità Palestinese a seguito della morte di Nizar Banat (AFP)

“Pensavano che la faccenda di Nizar Banat sarebbe finita dopo un mese, ma non è così. Sta crescendo”, ha detto Qumsiyya. “La gente non sta zitta e prende parte a un’azione che si sta espandendo”. 

“Credo che stiamo andando in direzione del collasso dell’AP, soprattutto del settore sicurezza. La gente non ha più paura dell’AP. Anche quelli che vengono arrestati non hanno paura. Quando l’ostacolo della paura non c’è più, tutto è possibile”.

Hani al-Masry, direttore generale di Masarat, il Palestinian Centre for Policy Research and Strategic Studies con sede a Ramallah, ha detto che il recente atteggiamento dell’AP riflette un’istituzione che attacca perché non sa cosa altro fare dopo aver perso il sostegno popolare.

“L’AP si è trovata nuda dopo la perdita delle fonti interne di legittimità, la legittimità rivoluzionaria, la legittimità della resistenza e del consenso nazionale, la legittimità delle urne elettorali e la legittimità dei risultati raggiunti”, ha detto.

“Ha solo fonti esterne di legittimità –la legittimità del potere e della sicurezza– dopo che il suo progetto politico è fallito e non ha adottato un nuovo progetto”.

Ha poi aggiunto: “Ha abbandonato la leadership del suo popolo nell’Intifada di Gerusalemme in tutte le sue manifestazioni e ha capito che gli eventi l’avevano superata. Ha voluto prendere di nuovo l’iniziativa arrestando più di 120 persone dal maggio scorso, per mandare un messaggio forte ossia che nessuno, non importa quanto vecchio, è fuori dal pericolo di essere arrestato”.

Un sondaggio condotto dal Palestinian Centre for Policy and Survey Research e dalla Konrad Adenauer Foundation all’inizio di giugno, subito dopo il rinvio delle elezioni da parte di Abbas, ha mostrato che il 56 percento dei Palestinesi vede l’AP come un peso per il popolo palestinese.

Il ben informato sull’AP ha detto che non crede che sia nell’interesse degli Stati Uniti o di Israele permettere all’AP di collassare, ma ha detto che prevede tempi molto difficili per l’organismo diviso da lotte intestine.

“C’è un grande conflitto su chi prenderà il posto di Abu Mazen [Mahmoud Abbas] e anche per le poltrone dei ministeri”, ha dichiarato la fonte.

“Fatah oggi non è unito. C’è una spaccatura e molti non concordano con quel che sta accadendo, soprattutto sugli arresti”.

La necessità di un’alternativa politica più forte

Sia Juma’a sia Qumsiyya hanno detto che i Palestinesi hanno bisogno di un’alternativa politica più forte per sostituire l’AP, o che le alternative già esistenti la sfidino seriamente.

“Ci sono tante cose che stanno accadendo e l’AP sta arrestando i Palestinesi. Ma dove sono le correnti politiche? Cosa stanno facendo per fermare tutto questo?”, ha detto Juma’a.

“L’OLP deve agire e interferire. Le correnti politiche all’interno dell’AP devono rassegnare le proprie dimissioni invece di fornire copertura all’AP”.

Il problema, ha detto Qumsiyya, è che i Palestinesi vedono solo due scelte davanti a loro: Hamas o Abbas.

“Ma non è vero. Abbiamo molte scelte. Molti gruppi erano candidati alle elezioni e uno di questi era Nizar Banat stesso. E lui non era Fatah o Hamas”, ha detto.

“La gente vuole un cambiamento totale, non solo uno di facciata. Vogliono che Abu Mazen e tutto il suo sistema vadano via”.

Tra gli arrestati della scorsa settimana c’è già chi pianifica ulteriori proteste.

Dopo essere stato rilasciato, il regista Mohammed Alatar ha ringraziato sulla sua pagina Facebook coloro che gli avevano inviato messaggi di solidarietà durante il suo arresto.

“In realtà, mi vergogno che noi in Palestina ci congratulavamo l’un l’altro quando venivamo [rilasciati] dalle prigioni dell’occupazione e ora ci congratuliamo quando usciamo dalle nostre stesse prigioni”, ha scritto.

“Spero che tutto questo disastro finisca presto e che torniamo a concentrarci sulla nostra prima e basilare missione: l’affrancamento dall’occupazione e la libertà”.

E ha poi incoraggiato le persone a tornare a Manara Square a Ramallah, il luogo degli arresti di sabato, per un’altra protesta.

https://www.middleeasteye.net/news/palestine-west-bank-authority-losing-control-insiders-activists?fbclid=IwAR2yiRDPkaTRQfi4kSGVGg3RyUNbHVtH7UUUvjEsfIkWCvpS6CBYfqyfAv4

Traduzione di Elisabetta Valento – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio