Scriviamo una lettera di sostegno a Eran che è in un carcere militare israeliano perché si rifiuta di servire nell’esercito

Lug 4, 2021 | Iniziative

da: Refuser Solidarity Network,

2 luglio 2021. 

Mi chiamo Eran, ho 19 anni e vivo a Tel Aviv. Mi rifiuto di essere arruolato nell’esercito israeliano perché non sono disposto a prendere parte all’occupazione israeliana dei territori palestinesi. Ho già scontato 14 giorni di carcere militare e domenica scorsa sono stato condannato ad altri 20 giorni di carcere.

Fin da ragazzo, mi sono sforzato di comprendere la situazione politica in Israele e le relazioni di potere tra Israeliani e Palestinesi. Dopo aver studiato l’argomento, sono arrivato a capire la realtà quotidiana dei Palestinesi che vivono sotto l’occupazione israeliana. Più ho appreso del blocco di Gaza e della mancanza di diritti umani fondamentali per i Palestinesi in Cisgiordania, più è stato chiaro per me che non potevo accettare di diventare un soldato e prendere parte all’oppressione del popolo palestinese.

Nella mia dichiarazione al Comitato dell’esercito per la concessione di esenzioni per motivi di coscienza, ho dichiarato le ragioni del mio rifiuto del servizio militare:

  • Rifiuto perché ritengo che sia immorale e irragionevole tenere il popolo palestinese sotto controllo militare e sotto un blocco continuo, senza concedergli diritti civili e politici e violando costantemente i suoi diritti umani.
  • Mi rifiuto perché credo che tutti gli esseri umani dovrebbero essere governati da istituzioni che li rappresentano.
  • Mi rifiuto perché credo che l’arruolamento nell’esercito legittimi l’occupazione e la serva.
  • Rifiuto perché credo che Israele potrebbe e dovrebbe porre fine immediatamente all’occupazione, sia con un accordo, sia con il ritiro, sia concedendo la cittadinanza al popolo palestinese e stabilendo uno stato binazionale sia per i Palestinesi che per gli Israeliani.
  • Mi rifiuto perché rispetto le regole e le norme del diritto internazionale e della comunità internazionale, che rifiutano l’occupazione israeliana.

Il giorno della mia leva, mi sono rifiutato di essere arruolato e sono stato rinviato a giudizio in un tribunale militare. Uno degli ufficiali mi ha detto che voleva evitarmi di andare in prigione e che aveva una soluzione che mi avrebbe permesso di fare il servizio militare se mi univo alle forze di polizia israeliane. Ho accettato, credendo che in quel modo avrei potuto servire il paese senza prendere parte all’occupazione. Sono stato invitato a un colloquio per le forze di polizia nel quartier generale nazionale a Sheikh Jarrah, nella Gerusalemme Est occupata. Ho rifiutato perché non voglio invadere i territori palestinesi. Di conseguenza, sono stato respinto dalla polizia come obiettore di coscienza e sono stato rimandato al tribunale militare. L’ufficiale che mi aveva suggerito di entrare nella polizia era arrabbiato per la mia “testardaggine”, ma ha detto che avrebbe cercato di cambiare la decisione della polizia. Sono stato chiamato per un’altra intervista a Gerusalemme Ovest. Lì, sono stato respinto per aver affermato che non avrei segnalato o utilizzato informazioni riguardanti i territori occupati che avessi ricevuto durante il mio servizio di polizia. Sono stato processato ancora una volta dal tribunale militare e condannato a 14 giorni di carcere. Dopo i falliti tentativi dei militari di trovare per me una possibilità di servizio che non fosse contro la mia coscienza, la mia conclusione è che non è possibile prestare servizio nell’esercito o nella polizia senza prendere parte all’occupazione. Dopo 54 anni, l’occupazione è penetrata in tutte le posizioni di sicurezza in Israele. Questo è inevitabile e cesserà solo quando l’occupazione stessa avrà fine.

In solidarietà,

Eran

Scrivi a Eran una lettera di sostegno

da questo link

https://mail.google.com/mail/u/0/?shva=1#inbox/WhctKKWxWFxKKLHBnQVGlkMXdKdSRxghwQjMFzrjpmzRPzwmzPTHFlPRqKFtdBKPGlDwjDV

.

1 commento

  1. Laura Marcheselli

    Queste testimonianze sono molto importanti e vanno diffuse il più possibile

    Rispondi

Trackback/Pingback

  1. Occupazione israeliana dei territori palestinesi? Mi rifiuto! – Pax Christi Ivrea - […] assopacepalestina.org […]

Rispondi a Laura Marcheselli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio