Soldati israeliani fotografati mentre aiutano a costruire un avamposto illegale in Cisgiordania

Giu 14, 2021 | Notizie

di Hagar Shezaf,

Haaretz, 11 giugno 2021. 

Le immagini ottenute da Haaretz mostrano le truppe israeliane che prestano assistenza a Evyatar, un avamposto illegale destinato all’evacuazione. Secondo l’esercito, i soldati hanno agito senza autorizzazione e la questione sarà indagata

I soldati assistono nel trasporto di abitazioni temporanee prefabbricate a Evyatar. Zecharia Fenton

Le foto ottenute da Haaretz mostrano soldati israeliani che prendono parte alla costruzione di un avamposto di coloni non autorizzato in Cisgiordania che il ministro della Difesa Benny Gantz ha ordinato di smantellare.

Le foto, che si pensa siano state scattate circa due settimane fa, mostrano truppe che trasportano strutture temporanee prefabbricate a Evyatar. I soldati, che nelle scorse settimane stavano sorvegliando regolarmente l’avamposto, sono stati identificati. 

I comandi dell’esercito hanno affermato che i soldati non avevano ricevuto l’approvazione da un comandante e che, se necessario, avrebbero avviato un’indagine e adottato provvedimenti disciplinari nei loro confronti.

Evyatar è sotto un ordine di verifica topografica che dovrebbe portare all’evacuazione dell’avamposto nel giro di pochi giorni. L’ordinanza vieta inoltre di portare materiali da costruzione nell’avamposto o di costruire al suo interno. Nelle ultime settimane, un certo numero di politici ha visitato l’avamposto per mostrare il proprio sostegno.

Giovedì, il presidente del partito Sionismo Religioso Bezalel Smotrich ha preso parte a una cerimonia di inaugurazione del rotolo della Torah a Evyatar, mentre i legislatori del Likud Miki Zohar e Shlomo Karhi hanno partecipato a una manifestazione il mese scorso. Anche il parlamentare di Sionismo Religioso Simcha Rothman ha visitato Evyatar e il leader dei coloni Yossi Dagan vi ha trasferito temporaneamente il suo ufficio questa settimana.

L’esercito ha detto venerdì che le truppe dovevano sorvegliare l’avamposto per proteggere i suoi residenti dai violenti scontri verificatisi con i Palestinesi e che si sarebbe indagato sul coinvolgimento dei soldati nella costruzione dell’avamposto.

I leader dei coloni sostengono che la terra su cui è stato progettato l’avamposto non è stata ancora classificata dall’amministrazione civile come proprietà privata o come proprietà dello stato. L’Amministrazione Civile ha detto ad Haaretz che la questione era ancora in fase di esame.

Giovedì, Gantz ha criticato aspramente la richiesta di Benjamin Netanyahu di ritardare l’evacuazione di Evyatar, affermando che il  primo ministro non ha autorità in merito agli ordini di evacuazione.

In risposta alla lettera del primo ministro di mercoledì in cui si affermava che l’ordine di evacuazione dell’avamposto di Evyatar era improprio, l’ufficio di Gantz ha rilasciato una dichiarazione in cui diceva: “Non c’è alcuna disposizione di legge in cui si affermi che un ordine di evacuazione nell’area della Giudea e Samaria richiede l’approvazione del premier».  

L’ avamposto, costruito sul sito di una base dell’esercito in un terreno di proprietà dei villaggi di Beita, Qabalan e Yatma, è stato costruito in risposta all’attentato avvenuto in quel punto all’inizio di maggio, in cui uno studente di yeshiva [scuola ebraica], Yehuda Guetta, è stato ucciso.  

L’avamposto prende il nome da Evyatar Borovsky, un residente dell’insediamento di Yitzhar che è stato assassinato in un attacco terroristico nel maggio 2013. Dopo il suo omicidio ci sono stati tre tentativi di costruire un avamposto nel sito – nel 2013, 2016 e 2018 – ma i caravan e altre strutture erette sul posto sono state rapidamente evacuate.     

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israeli-soldiers-photographed-helping-build-illegal-west-bank-outpost-1.9897082

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio