Un medico da Gaza: “La vita manca di un senso di sicurezza”

Mag 20, 2021 | Riflessioni

Dal dott.Yasser Abu Jamei,

we4gaza, 16 maggio 2021.  

Il dottor Abu Jamei, direttore generale del programma di salute mentale della Comunità di Gaza.  BBC World Service

Dopo i bombardamenti di sabato nel cuore di Gaza City che hanno ucciso almeno 43 persone tra cui 10 bambini e 16 donne, gli abitanti di Gaza stanno ancora una volta alle prese con ricordi traumatici. Le atrocità che stanno accadendo ora portano ricordi. Gli aerei israeliani hanno distrutto le nostre famiglie in tempi così terrificanti e memorabili per decenni. Ad esempio, più e più volte per tre settimane durante Piombo fuso nel dicembre 2008 e gennaio 2009; sette settimane in luglio e agosto 2014.

I blocchi di edifici crollati e i buchi spalancati in Alwehdah Street, dove una settimana fa c’era una vita normale, sono visioni traumatiche, che fanno scattare ricordi di quelle atrocità precedenti.

Oggi ci sono centinaia di feriti da curare nei nostri ospedali affollati che sono disperatamente a corto di molti rifornimenti a causa degli anni dell’assedio israeliano. Enormi sforzi sono in corso da parte della comunità per cercare persone sotto le macerie degli edifici.

Tra le persone uccise: il dottor Moen Al-Aloul, uno psichiatra in pensione che ha curato migliaia di abitanti di Gaza presso il Ministero della Salute; La signora Raja ’Abu-Alouf una psicologa devota che è stata uccisa insieme al marito e ai figli; Il dottor Ayman Abu Al-Ouf, con sua moglie e due figli, un consulente di medicina interna che guidava il team che curava i pazienti con COVID all’ospedale di Shifa.

I ricordi di ogni trauma precedente sono impossibili da dimenticare perché tutti noi a Gaza viviamo sempre senza un senso di sicurezza. I droni israeliani non hanno mai lasciato il cielo sopra di noi tra il 2014 e il 2021. Lo sgranamento ha continuato a verificarsi durante notti casuali. Sebbene i bombardamenti fossero rari, sono stati sufficienti ogni volta per ricordarci a tutti ciò a cui siamo stati esposti e che saremo di nuovo.

L’attacco del fine settimana è avvenuto senza alcun preavviso. È l’ennesimo massacro. Solo una sera prima sono state uccise dieci persone, tra cui otto bambini e due donne. Una famiglia di sette persone è stata sterminata tranne solo il padre e un bambino di tre mesi. Il padre è vissuto perché non era a casa, e il bambino è stato salvato dopo essere stato trovato sotto le macerie, protetto dal corpo della madre.

Queste non sono scene nuove per gli abitanti di Gaza, sfortunatamente. Questo è qualcosa che continua a succedere durante queste offensive. Durante l’offensiva del 2014 è stato riferito che 80 famiglie sono state uccise senza che nessuno fosse rimasto in vita, solo rimuovendole dai registri. Nel 2014 in un solo attacco, Israele ha distrutto un edificio di tre piani che appartiene alla mia famiglia allargata, uccidendo 27 persone, tra cui 17 bambini e tre donne incinte. Quattro famiglie semplicemente non c’erano più. Un padre e un figlio di quattro anni erano gli unici sopravvissuti.

Ora le notizie e le paure di una possibile invasione di terra ci stanno travolgendo con altri ricordi devastanti mentre affrontiamo ogni nuovo orrore.

Un attacco barbaro ha incluso 160 caccia a reazione che attaccano per oltre 40 minuti nelle aree molto settentrionali della Striscia di Gaza, accompagnati da bombardamenti di artiglieria (500 proiettili) che hanno colpito il lato orientale di Gaza City e le aree settentrionali. Molte case furono distrutte, sebbene la maggior parte delle persone riuscì a fuggire dalle proprie case. Si stima che ben 40.000 persone si siano nuovamente dirette nelle scuole dell’UNRWA o dai parenti, in cerca di rifugio.

Per la maggior parte degli abitanti di Gaza, questo è un promemoria del primo attacco nel 2008. Erano le 11.22 di sabato quando 60 caccia a reazione hanno iniziato a bombardare la Striscia di Gaza terrorizzando tutti. In quel momento, la maggior parte dei bambini in età scolare era nelle strade o tornando dal turno mattutino o andando al turno pomeridiano. Mentre i bambini cominciavano a correre, terrorizzati, per le strade, i loro genitori a casa erano sconvolti non sapendo cosa fosse successo ai loro figli.

Le famiglie sfollate ora sono un doloroso promemoria dell’enorme sfollamento del 2014, quando 500.000 persone sono state sfollate internamente. E quando è arrivato il cessate il fuoco, 108.000 non hanno potuto tornare alle loro case distrutte.

Le persone devono ora affrontare i trigger di tutti questi eventi traumatici precedenti e altro ancora. Ciò rende i processi di guarigione naturale più complicati e in alcuni casi provoca una ricaduta dei sintomi. Cerchiamo sempre di spiegare che gli abitanti di Gaza non sono in una condizione post-traumatica, ma in una condizione permanente che richiede un’attenzione più profonda.

Ciò richiede il giusto intervento. Non è un intervento clinico, ma morale e politico. Un intervento dal mondo esterno. Un intervento che pone fine alla radice del problema. Uno che pone fine all’occupazione e ci dà il nostro diritto umano a una normale vita familiare radicata nella sensazione di sicurezza che nessun bambino o famiglia a Gaza conosce.

Molte persone nella nostra comunità ci hanno chiamato in clinica sin dal primo giorno. Alcuni erano persone che lavoravano negli ospedali o nel settore delle ONG. Alcuni hanno fatto appello attraverso la nostra pagina Facebook chiedendo informazioni sui servizi GCMHP poiché vedono persone traumatizzate da ogni parte e sentono un disperato bisogno dei nostri servizi.

Il nostro staff fa parte della comunità. Alcuni di loro hanno dovuto lasciare le loro case. Hanno bisogno di sentirsi al sicuro ed essere protetti per aiutare gli altri. Ma ancora, senza quella sicurezza, sono ancora devoti all’organizzazione e alla comunità. Si sentono una grande responsabilità per il loro ruolo vitale a sostegno del benessere psicologico degli abitanti di Gaza. Sono totalmente e instancabilmente disponibili.

Nel fine settimana abbiamo reso pubblici i numeri di cellulare della maggior parte del nostro staff tecnico. Domenica la nostra linea gratuita ha ripreso a funzionare e dalle 8:00 alle 20:00 suonerà in questi giorni. La nostra pagina FB ha iniziato a sensibilizzare i genitori su come aiutare ad affrontare i bambini e lo stress. È vero che non abbiamo avuto la possibilità di preparare nuovo materiale, ma la nostra libreria è molto ricca con i nostri prodotti ed è ora di raccogliere la saggezza e il supporto nella nostra libreria di YouTube. Forse questo non è il nostro miglior intervento, ma sicuramente è il massimo che possiamo fare in queste circostanze per fornire agli abitanti di Gaza la forza e le capacità per affrontare le loro famiglie terrorizzate.

A domenica sera sono già state uccise 197 persone, di cui 58 bambini, 34 donne, 15 anziani e 1.235 feriti. Come psichiatra posso dire che il pedaggio psicologico invisibile su tutti, dal più giovane al più anziano, è acuto, dalla paura e dallo stress.

È un imperativo morale che il mondo ci guardi dritto negli occhi, ci veda e si impegni a intervenire per salvare le preziose vite creative degli abitanti di Gaza, dando loro il senso di sicurezza di cui ogni uomo ha bisogno.

http://we4gaza.org/

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio