La tracotanza di Israele ha raggiunto il suo obiettivo a Gerusalemme

Mag 13, 2021 | Riflessioni

di Amira Hass,

Haaretz, 12 maggio 2021. 

Fumo fuori dalla moschea di Al-Aqsa, lunedì 10, dopo che i Palestinesi si sono scontrati con la polizia israeliana. Mahmoud Illean / AP

Come possono essere così stupidi? Questa è la domanda che si ripete continuamente a Gerusalemme. Le persone che lo chiedono sono Palestinesi, e la domanda si riferisce alle autorità israeliane, che hanno preso decisioni che anche dal punto di vista israeliano sono stupide, perché hanno infiammato una città divisa, o più precisamente, la sua metà orientale che include la Città Vecchia.

C’è un lato positivo in questa stupidità. Assomiglia a un cablogramma diplomatico in preda al panico in cui si informa la capitale che dei pazzi (un misto di tecnologi e di amanti della musica) hanno inserito il codice segreto che serve per far esplodere un ordigno. La stupidità mette a nudo il legame tra la predisposizione di Israele a espellere (nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme, per esempio) e il suo profondo e istintivo disprezzo per i suoi sudditi musulmani. La stupidità mostra come il paese che ha mutilato villaggi e città palestinesi come Betlemme, la città vecchia di Hebron, Nebi Samuel e il quartiere Mugrabi di Gerusalemme affinché gli Ebrei possano celebrare le loro cerimonie religiose, stia mostrando disprezzo e indifferenza per il Ramadan e i luoghi sacri dell’Islam.

La speranza è che paesi amici come la Germania, gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti si rendano conto di quanto sia pericoloso Israele e lo tengano a freno. Il pericolo è che questi paesi ancora una volta non agiscano, per cui i Palestinesi pagheranno un prezzo altissimo e ci avvicineremo alla prossima, ancora più pericolosa, esplosione.

Questi gli atti di stupidità del Ramadan: chiudere la scalinata davanti alla Porta di Damasco, attaccare i manifestanti a Sheikh Jarrah e programmare un’udienza in tribunale sull’esplosiva questione del destino del quartiere, tra l’altro nel giorno in cui i nazionalisti ebrei pianificarono la loro marcia vittoriosa nella Città Vecchia. Ha poi continuato con le brutali irruzioni della polizia nel complesso di al-Haram al-Sharif e nelle sue moschee (uno di questi attacchi, particolarmente pauroso e scioccante, si è verificato mentre scrivevo questo articolo lunedì mattina).

Circa 1,8 miliardi di Musulmani in tutto il mondo stanno celebrando il Ramadan. Solo 7 milioni di loro vivono in Terra Santa, tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, e solo poche decine di migliaia  hanno potuto pregare quest’anno nel complesso di al-Haram al-Sharif. Ma per ragioni storiche e politiche, non solo religiose ed estetiche, la Cupola della Roccia è diventata un simbolo islamico di alto profilo e l’intero complesso un patrimonio universale.

E Israele ci sputa sopra. Centinaia di milioni di musulmani non riusciranno a dimenticare le brutte immagini della polizia dello stato ebraico con elmetti e fucili mentre profanavano il complesso e le sue moschee e attaccavano migliaia di Musulmani a digiuno con granate assordanti, gas lacrimogeni e una grandine di proiettili di metallo rivestiti di gomma. Le trasmissioni in diretta da decine di cellulari mostrano i mezzi di repressione a disposizione dello Stato e come lo Stato ebraico consideri Al-Aqsa un palcoscenico per dimostrare la forza brutale della polizia.

Israele ha descritto il suo attacco come l’unica risposta logica ai giovani che lanciano pietre e bottiglie d’acqua, e alla loro capacità e possibilità di organizzarsi. Ma lunedì sembrava che l’obiettivo principale della polizia fosse quello di compensare la loro scarsa immagine pubblica (i loro fratelli di maggior successo nel servizio di sicurezza, lo Shin Bet, il Mossad e l’intelligence militare, li hanno rimproverati sui media) e per soddisfare i fedeli del Monte del Tempio, a cui per una volta fu impedito di salire provocatoriamente al complesso. In tal modo, la polizia israeliana ha convinto un numero sempre maggiore di giovani palestinesi che la ribellione è la loro unica opzione e ha rafforzato l’attrattiva dei gruppi nazionalisti islamici.

La stupidità è l’arroganza di un paese convinto di essere onnipotente che ha finito per costruire un muro di ferro per proteggere il suo regno da una rivolta che doveva accadere. Il governante ha segnato un autogol e ha dato ai giovani palestinesi un’altra opportunità per dimostrare che qui niente è normale, parlando così a nome del loro popolo. Ma se gli amici di Israele non agiscono rapidamente contro l’arroganza israeliana, cresce il rischio che la stupidità affretti il ​​giorno in cui il problema dell’occupazione israeliana si trasformerà in una guerra religiosa che si riversa oltre i confini del Paese.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israel-s-hubris-scored-its-own-goal-in-jerusalem-1.9794668

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio