Netanyahu dice ai leader dei coloni che Israele potrebbe annettere meno territorio della Cisgiordania rispetto a quanto pianificato

da | Giu 8, 2020 | Notizie

All’incontro con undici leader degli insediamenti che non si oppongono al piano Trump, Netanyahu afferma che la costruzione di insediamenti non sarà congelata e che, sebbene il piano includa uno stato palestinese, lui “non lo chiama uno stato”

di Hagar Shezaf

Haaretz, 7 giugno 2020

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:Trad. Netanyahu IO:Netan.jpg
Netanyahu all’incontro con i leader dei coloni, Gerusalemme, 7 giugno 2020

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha incontrato domenica gli undici leader degli insediamenti che non si oppongono alla proposta del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di annettere parti della Cisgiordania.

Secondo una fonte presente all’incontro, Netanyahu ha affermato che Israele non ha ancora ricevuto il semaforo verde per annettere e che è possibile che sia annesso meno territorio di quanto inizialmente previsto, poiché la mappa definitiva per il piano non è stata ancora disegnata.

Ai partecipanti è stato anche detto che la costruzione degli insediamenti non sarebbe stata congelata.

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:Trad. Netanyahu IO:Plan ridotto.jpg

Il presidente della Knesset Yariv Levin, che ha partecipato alla riunione, ha affermato che alcuni progressi nel processo di annessione sono previsti “entro poche settimane”, come riferisce un’altra fonte. Nel frattempo, Netanyahu ha affermato che, sebbene il piano includa la formazione di un’entità palestinese indipendente, lui “non lo definisce uno stato”.

Netanyahu ha anche sottolineato ai coloni che è fondamentale accelerare l’iniziativa prima delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti ed ha aggiunto che Israele aveva chiesto di espandere il territorio da annettere attorno agli insediamenti in Cisgiordania.

Ha ripetuto più volte che, se l’annessione fosse votata alla Knesset, potrebbe essere fatta indipendentemente dalle altre clausole del piano Trump.

Oded Revivi, capo del consiglio di Efrat nel blocco degli insediamenti di Gush Etzion, leader della fazione che sostiene il piano di annessione, ha dichiarato durante l’incontro che “il primo ministro è amico degli insediamenti. In una serie di passi successivi, ha ottenuto risultati che non ci saremmo nemmeno sognati “.

Netanyahu ha ricevuto il sostegno di Nir Bartal, capo del consiglio di Oranit, una città sulla linea verde a nord-est di Tel Aviv, secondo il quale i due avrebbero “chiarito importanti dettagli del piano”. Al contrario, il capo del consiglio di Karnei Shomron, Igal Lahav, ha affermato che “dobbiamo prima capire di cosa si tratta e solo allora esprimere un’opinione”.

Ha aggiunto che negli ultimi mesi aveva tentato di incontrarsi con la commissione responsabile del disegno della mappa, ma senza successo. All’incontro hanno partecipato anche due capi-consiglio ultra-ortodossi: Eliyahu Gafni di Emanuel e Yaakov Gutterman di Modi’in Illit.

I leader degli insediamenti si oppongono all’attuazione di alcune parti del piano Trump, un processo che Netanyahu vorrebbe avviare il 1 luglio. Non sono d’accordo con l’intenzione di trasformare 15 insediamenti in enclavi, come previsto nella mappa presentata dalla Casa Bianca. Si oppongono anche categoricamente alla formazione di uno stato palestinese e al congelamento delle costruzioni nei blocchi di cui non è prevista l’annessione.

La scorsa settimana, il presidente del Consiglio di Yesha, David Elhayani, ha dichiarato a Haaretz che Trump e Kushner “hanno dimostrato nel loro piano di non essere amici dello Stato di Israele“, riferendosi alle esortazioni dei funzionari americani a limitare l’opposizione della destra israeliana al “Piano di pace per il Medioriente” della Casa Bianca.

I suoi commenti sono stati “fortemente condannati” da Netanyahu, che ha affermato: “Il presidente Trump è un grande amico dello Stato di Israele. Ha guidato processi storici per il bene dello Stato di Israele, tra cui il riconoscimento della sovranità israeliana sulle alture del Golan, il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, trasferendo l’ambasciata americana a Gerusalemme e il riconoscimento della legalità dell’impresa insediativa in Giudea e Samaria “.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-netanyahu-tells-settlement-leaders-israel-may-annex-less-of-west-bank-than-planned-1.8904437

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

il 5X100 ad Assopace Palestina

Archivi