Il nuovo governo di Israele guidato da Netanyahu è preoccupante. Non accetteremo mai l’annessione illegale dei territori occupati

da | Mag 18, 2020 | Notizie

dal Gruppo Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo

S&D press release, 17 maggio 2020

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:SD copia.jpg

Dopo il voto nella Knesset, il nuovo governo di Israele ha prestato giuramento, ponendo fine a quasi 18 mesi di stallo politico. Secondo l’accordo di coalizione, il primo ministro Benjamin Netanyahu sarà sostituito dopo 18 mesi dal presidente del partito Blu e Bianco, Benny Gantz. Anche il Partito Laburista ha deciso di unirsi al governo guidato da Netanyahu.

Il presidente del gruppo S&D Iratxe García Pérez ha dichiarato:
“Siamo profondamente preoccupati per la nascita del nuovo governo guidato da Netanyahu, sostenuto dal Partito Blu e Bianco, che è stato approvato dalla Knesset.

“La possibilità di chiudere L’era Netanyahu era a portata di mano. Deploriamo la decisione presa dal Partito Laburista Israeliano di unirsi al governo di coalizione, perdendo l’opportunità storica di contribuire a voltare pagina in questo brutto capitolo della politica israeliana.

“Questo governo assomiglia più a una strategia personale di uscita per Benjamin Netanyahu che a un programma politico reale, anche se pericoloso. Se Netanyahu trasformasse la sua retorica in azioni concrete, ciò potrebbe portare all’annessione illegale ad Israele dei territori occupati.

“Il gruppo S&D non lo accetterà mai. Ribadiamo la nostra ferma convinzione che una soluzione negoziata, giusta e praticabile a due stati, sostenuta congiuntamente sia dal popolo israeliano che da quello palestinese, sia l’unica via per una pace duratura in Medio Oriente.”

Il vice-presidente S&D per gli Affari Esteri, Kati Piri, ha detto:

“Siamo fortemente contrari all’accordo di coalizione che costituisce la base di questo governo e in particolare alla prospettiva di annettere parti della Cisgiordania occupata.

“Questa mossa costituirebbe una flagrante violazione del diritto internazionale e anche una violazione dell’articolo 2 dell’Accordo di Associazione UE-Israele, a cui l’UE deve rispondere di conseguenza.

“Chiediamo alla comunità internazionale di usare tutta la sua capacità di pressione sul governo israeliano per evitare che una tale decisione unilaterale distrugga ogni speranza di pace con una soluzione a due stati.

“Sosteniamo anche l’Alto Rappresentante dell’UE Josep Borrell nei suoi sforzi per creare unità tra gli Stati membri su questo argomento e per ottenere che l’UE abbia un vero ruolo politico nel processo di pace. È giunto il momento di trasformare le parole in azioni.”

https://www.socialistsanddemocrats.eu/newsroom/sds-new-netanyahu-led-government-israel-worrying-we-will-never-accept-illegal-annexation

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

il 5X100 ad Assopace Palestina

Archivi