Ferito Mustafà Barghouti, leader di Iniziativa Nazionale Palestinese

Ramallah, 26 ottobre 2015

Sabato scorso a tarda sera due uomini hanno aggredito il Dr. Mustafà Barghouti, Segretario Generale della Iniziativa Nazionale Palestinese, fuori dalla sua casa di Ramallah. Uno degli attentatori, usando un coltello o un altro oggetto tagliente, gli ha prodotto una ferita di otto centimetri che va dall’orecchio sinistro fino alla guancia.

Secondo il Dr. Barghouti, l’attentatore mirava al collo, ma lui ha spostato la testa, evitando una ferita mortale.

Uno degli attaccanti, che parlava arabo, ha detto a Barghouti “fatti aiutare dall’Intifada”, ciò che suggerisce che l’attacco aveva una motivazione politica e che gli attaccanti potevano essere dei collaborazionisti di Israele.

“È stato un tentato omicidio. Un misero e vile atto criminale” ha detto il Dr. Barghouti.

“Penso che l’attacco sia stato diretto alla resistenza popolare palestinese, al popolo palestinese e ai suoi leader. Rappresenta un serio pericolo per la libertà di parola, per il pluralismo e per la società civile palestinese. Quelli che hanno commesso questo atto criminale non sono solo dei criminali, ma sono chiaramente al servizio degli interessi dell’occupazione.”

Ha aggiunto che l’incidente “indica quanto sia a rischio la sicurezza personale della gente e dimostra che nessun Palestinese può sentirsi sicuro.”

Il Dr. Barghouti ha sottolineato che l’attacco non deve scoraggiare il movimento di resistenza popolare e che lui rimarrà comunque impegnato nella lotta nonviolenta.

“Non mi impedirà di lottare per la nostra libertà, né di compiere il mio lavoro umanitario, né di credere nella forza della nonviolenza. Non mi distoglierà dai miei compiti. Continueremo finché ogni attività di insediamento non sarà cessata, finché non avremo messo fine a questa occupazione e soprattutto finché non avremo assicurato il rilascio dei nostri prigionieri.”

“La nostra lotta punta anche a costruire un libero e democratico stato palestinese in cui viga il rispetto e la libertà di esprimersi e di organizzarsi.”

Il Dr. Barghouti ha ringraziato tutti i Palestinesi e gli internazionali che hanno chiamato per esprimere la loro solidarietà, ed ha aggiunto che questo attacco porterà solo a una maggiore unità tra la gente e ad un livello di solidarietà senza precedenti.

“Non si sarebbe mai immaginato che tanti partiti politici diversi e organizzazioni diverse si sarebbero trovati così riuniti. La cosa più importante è che abbiamo dimostrato che è possibile avere una leadership unita. Non faremo passare sotto silenzio quanto è accaduto, ma dobbiamo proseguire per la nostra strada.”

,

No comments yet.

Lascia un commento