Perché il cessate il fuoco non è sufficiente

Ago 6, 2014 | Notizie

Articolo pubblicato su http://electronicintifada.net/content/why-gaza-ceasefire-isnt-enough/13692

e tradotto da Barbara Gagliardi (Associazione Amicizia Italo-Palestinese)

 

unrwa bombed Gaza

Israeli shelling killed ten Palestinians at a United Nations school on 3 August.

(Ashraf Amra / APA images)

 

 

 

 

un cessate il fuoco non è abbastanza. non porterà alla fine delle sofferenze. ci allontanerà solo dall’orrore della morte provocata dai bombardamenti verso l’orrore della morte per lento strangolamento.

 La morte e la distruzione inflitti alla Striscia di Gaza sono impossibili da descrivere. Seduta qui a Gaza, è difficile anche  capire cosa sta succedendo.

La scorsa settimana, abbiamo assistito ad un altro attacco contro un compound delle Nazioni Unite dove si trovavano dei civili rifugiati – 17 morti, 120 feriti – e un attacco sul mercato di Shujaiya durante le ore di quello che doveva essere un cessate il fuoco – 18 morti, circa 200 feriti.

Oggi a Rafah, Israele ha bombardato un’altra scuola gestita dell’UNRWA, l’agenzia Onu per i profughi palestinesi, dove c’erano migliaia di rifugiati, uccidendo dieci persone. Anche il Dipartimento di Stato americano ha emesso una rara condanna di Israele, definendo l’attacco “terribile” e “vergognoso”.

Questo è un incubo. Ma è uno da cui sappiamo di non poterci svegliare.

La dottrina israeliana su Gaza di colpire illegalmente case e aree civili densamente popolate sta infliggendo un orrore indicibile.

Israele sta deliberatamente punendo i civili al fine di esercitare una pressione politica su Hamas. Sta punendo collettivamente i 1,8 milioni di cittadini della Striscia di Gaza. In quale altro modo si spiegano le statistiche?

I dati più recenti raccolti dal Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) indicano che 1.817 palestinesi sono stati uccisi. Di questi, 1.545 – un incredibile 85 per cento – sono civili: le cosiddette “persone protette” dal diritto internazionale umanitario.

Centinaia di migliaia di civili sono stati sfollati. È stato ordinato loro di fuggire, ma senza un posto sicuro dove andare: i rifugi delle Nazioni Unite sono stati ripetutamente presi di mira. La Striscia di Gaza è in rovina. La distruzione di Shujaiya è difficile da comprendere. Anche la centrale è stata distrutta. Come faranno i nostri ospedali a funzionare? Come faranno a funzionare i centri di trattamento delle acque reflue? Come faremo ad avere accesso all’acqua potabile?

 Le nostre richieste

 Noi vogliamo porre fine alla violenza. Vogliamo porre fine a questo orrore, a questa sofferenza. Troppi bambini sono morti. I crimini di guerra sono diventati la nostra realtà quotidiana.

Ma un cessate il fuoco non è sufficiente.

Chiediamo giustizia. Chiediamo responsabilità. Chiediamo di essere trattati come esseri umani, per avere riconosciuta la nostra intrinseca dignità umana. Chiediamo la fine della chiusura della Striscia di Gaza.

Negli ultimi sette anni, Israele ha sottoposto la Striscia di Gaza ad una chiusura rigida. Con la chiusura delle frontiere, Israele ha lentamente soffocato Gaza, sottoponendoci ad un deliberato processo di de-sviluppo.

Prima l’offensiva attuale, il 65 per cento della popolazione era senza stipendio o disoccupato. 85 per cento della popolazione dipendeva dagli aiuti alimentari distribuiti dalle organizzazioni internazionali. Ai pazienti che richiedevano un trattamento salvavita non disponibile nella Striscia di Gaza era negato il permesso di uscire. Sono morti.

La vita sotto l’embargo non è vita. Non possiamo tornare indietro a questa realtà. Non riesco a immaginare altri sette anni. La chiusura indica l’assenza di speranza. Ciò significa che i giovani di Gaza non hanno futuro. Nessuna offerta di lavoro. Nessuna possibilità di partire. Anche quando arriva la guerra, non possiamo fuggire.

Ma la chiusura è solo la metà della realtà della Striscia di Gaza. L’altra è la totale assenza di stato di diritto. I crimini di guerra sono commessi in totale impunità. La chiusura è di per sé un crimine di guerra, ed è la politica ufficiale del governo di Israele.

Accanto a questo ci sono i continui attacchi e le frequenti offensive. Questa è la terza grande offensiva da quando è iniziata la chiusura. Letteralmente migliaia di civili sono stati uccisi. Altre migliaia di case e mezzi di sussistenza sono stati distrutti.

 impunità completa

 Questi crimini di guerra sono commessi in totale impunità. Dopo l’Operazione Piombo Fuso – 27 dicembre 2008 al 18 gennaio 2009 offensivo – il  PCHR ha presentato 490 denunce penali per conto di 1.046 vittime. Nei cinque anni che sono seguiti, abbiamo ricevuto solo 44 risposte. Le autorità israeliane hanno deciso che 446 casi non meritavano nemmeno una risposta.

 I risultati?

 Un soldato è stato condannato per il furto di una carta di credito e ha ricevuto una condanna a sette mesi.

Due soldati sono stati condannati per l’utilizzo di un bambino di nove anni come scudo umano. Ognuno di loro ha ricevuto tre mesi con la sospensione condizionale della pena.

Un soldato è stato condannato per “uso improprio di un’arma da fuoco” in relazione agli spari su un gruppo di civili che portavano delle bandiere bianche, atto che ha provocato la morte di due donne. È stato condannato a 45 giorni di reclusione.

Questa non è giustizia. L’impatto di questi continui crimini di guerra, e l’impunità risultante nega la nostra stessa dignità, il nostro valore come esseri umani. Si dice che le nostre vite non sono sacre. Che non contiamo.

Di fronte a questa esistenza, le nostre richieste non sono eccessive. Non sono irrealistiche.

Noi vogliamo essere trattati come eguali. Vogliamo vedere i nostri diritti rispettati e tutelati. Chiediamo che il diritto internazionale venga applicato, allo stesso modo, in Israele e Palestina, per israeliani e palestinesi. Lo Stato di diritto internazionale deve essere rispettato, e tutti i responsabili per le violazioni devono essere puniti.

Chiediamo che i presunti crimini di guerra siano indagati e i responsabili perseguiti. Questo è irragionevole?

Vogliamo porre fine all’embargo. L’illegalità della politica di chiusura di Israele non è in dubbio. In una rara dichiarazione pubblica il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha esplicitamente affermato che la politica di chiusura di Israele costituisce una punizione collettiva in violazione del diritto internazionale. Le conseguenze di questa politica sono evidenti nella realtà della Striscia di Gaza.

Chiediamo che l’embargo sia revocato. Vogliamo l’opportunità di vivere una vita dignitosa. È irragionevole?

Queste non sono richieste politiche. Sono una richiesta di essere trattati come esseri umani.

Un cessate il fuoco non è sufficiente. Non finirà la sofferenza. È solo allontanarci dall’orrore della morte provocata dai bombardamenti verso l’orrore di una morte per lento strangolamento.

Non possiamo tornare ad essere prigionieri in una gabbia che Israele colpisce quando vuole con offensive distruttive e brutali.

 Raji Sourani è il direttore del Centro Palestinese per i Diritti Umani.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA