Rompere i muri: incontro a Roma 16 maggio

AssoPace Palestina presenta:
ROMPERE I MURI: RELAZIONE TRA DONNE PALESTINESI E ISRAELIANE AL TEMPO DELL’OCCUPAZIONE MILITARE ISRAELIANA. UNA STRADA POSSIBILE?

Venerdì 16 maggio ore 17.00

Casa Internazionale delle donne a Trastevere – Sala TOSI, Via della Lungara, 19 – Roma

ROMPEREIMURI_copFB (1)

Attivismo politico e relazioni tra donne palestinesi e israeliane. Questo il tema dell’incontro che si terrà venerdì 16 maggio alle ore 17 presso la Casa Internazionale delle donne a Trastevere (Sala Tosi). Ad affrontare il tema, saranno Giulia Daniele, autrice del libro Women, Reconciliation and the Israeli-Palestinian Conflict: The Road Not Yet Taken (2014), e Luisa Morgantini, già vicepresidente del Parlamento Europeo e tra le fondatrici dell’“International Women Commission for peace and justice”, Commisisone composta da donne palestinesi, israeliane e internazionali.

Il ruolo ricoperto dalle donne palestinesi ed israeliane, in particolare all’interno delle iniziative di attivismo dal basso ispirate da principi di resistenza nonviolenta, disobbedienza civile e il rifiuto di essere nemiche, è stato molto significativo ed ha avuto momenti di grande forza come l’iniziativa di Gerusalemme capitale per due popoli. Nel corso del tempo, però, le attività si sono frantumate insieme alla sfida che le donne potessero la forza propulsiva per la pace e la giustizia. “La costruzione del muro, l’apartheid, la colonizzazione, l’operazione Piombo Fuso a Gaza e gli attentati suicidi – commenta Luisa Morgantini – hanno segnato un limite ed interrotto molte relazioni e attività tra donne palestinesi e israeliane, che oggi però si ritrovano insieme nelle lotte contro il muro e l’occupazione, insieme ai Comitati popolari per la resistenza nonviolenta.”

Diverse forme di attivismo sono lo specchio di diverse visioni identitarie e prospettive di risoluzione del conflitto. Il libro di Giulia Daniele, grazie al materiale raccolto nel corso di una ricerca sul campo avvenuta tra il 2009 e il 2011, documenta in modo dettagliato, come spiega l’autrice stessa, ricercatrice presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e specializzata in politica del Medio Oriente, “la profonda interrelazione tra l’attivismo politico e i diversi approcci di riconoscimento e riconciliazione in un contesto, segnato da un lato dall’occupazione militare e, dall’altro, da forti identità etno-nazionali”.

Durante l’incontro, coordinato da Carolina Zincone, la proiezione di videointerviste con testimonianze di donne palestinesi e israeliane raccolte dalla videomaker e giornalista Livia Parisi. In collegamento Skype Daphna Golan, israeliana, già coordinatrice del Jerusalem Link e Terry Boulata, palestinese dell’Università di Birzeit.

Informazioni
assopacepalestinaroma@gmail.com – Livia Parisi 348 5443954
Facebook: Assopace Palestina

No comments yet.

Lascia un commento