Israele approva tre avamposti di insediamento e migliaia di case in Cisgiordania

Lug 5, 2024 | Notizie

dallo Staff di Jazeera,

Al Jazeera, 4 luglio 2024.

L’osservatorio Peace Now afferma che il governo israeliano approva gli avamposti di insediamento di Givat Hanan, Kedem Arava e Machane Gadi.

Scolari palestinesi nel cortile di una scuola del villaggio cisgiordano di Urif, a sud della città settentrionale di Nablus. Sullo sfondo gli edifici dell’insediamento israeliano di Yitzhar. [File:Jaafar Ashtiyeh/AFP].

Il governo israeliano ha approvato 5.295 nuove unità abitative in una serie di insediamenti illegali nella Cisgiordania occupata, oltre a riconoscere tre nuovi avamposti di insediamento nel territorio palestinese, secondo un gruppo di controllo.

L’ONG israeliana Peace Now ha riportato la notizia giovedì, un giorno dopo aver dichiarato che il governo israeliano ha approvato la più grande confisca di terre in Cisgiordania in più di tre decenni.

La costruzione di insediamenti israeliani in territorio palestinese è illegale secondo il diritto internazionale e l’espansione degli insediamenti è considerata un grosso ostacolo alla fattibilità di un futuro stato palestinese.

È quasi certo che le nuove approvazioni alimenteranno ulteriormente le tensioni in un momento in cui i palestinesi della Cisgiordania occupata stanno affrontando un aumento delle incursioni da parte delle forze israeliane e dei coloni, mentre continua la guerra di Israele a Gaza.

“Il nostro governo continua a cambiare le regole del gioco nella Cisgiordania occupata, causando danni irreversibili”, ha dichiarato Peace Now in una dichiarazione di giovedì, in cui ha condannato il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich.

Smotrich, egli stesso un colono, ha supervisionato una forte escalation nell’espansione delle colonie sotto la guida di Netanyahu. È anche uno dei politici di estrema destra su cui il primo ministro fa affidamento per la sua sopravvivenza politica.

“Questo governo annessionista mina gravemente la sicurezza e il futuro di israeliani e palestinesi, e il costo di questa sconsideratezza sarà pagato dalle generazioni a venire”, ha dichiarato Peace Now, che ha anche condannato la nomina dei principali alleati di Smotrich nell’organismo che approva gli insediamenti.

Più di 500.000 cittadini israeliani vivono in oltre 100 insediamenti in Cisgiordania. La loro esistenza rimane un ostacolo importante ai piani delineati negli accordi di Oslo, che promettevano il graduale trasferimento ai palestinesi delle aree controllate da Israele.

Peace Now ha dichiarato che gli ultimi insediamenti approvati, tutti esistenti dalla fine degli anni 2010 come avamposti non ufficiali, sono Givat Hanan, Kedem Arava e Machane Gadi nella Valle del Giordano.

Il Consiglio Superiore di Pianificazione (HPC) di Israele ha giustificato l’approvazione affermando che gli avamposti erano “quartieri” degli insediamenti esistenti, nonostante fossero fisicamente separati da questi ultimi.

L’organo di controllo ha aggiunto che i nuovi insediamenti sono in aggiunta agli altri cinque nuovi insediamenti approvati dal gabinetto la scorsa settimana.

‘Totalmente inaccettabile’

L’approvazione dei nuovi insediamenti arriva appena un giorno dopo che Peace Now ha riferito che quest’anno Israele ha dichiarato propri circa 23,7 kmq di terra nella Cisgiordania occupata, un ritmo che secondo il gruppo non ha precedenti.

Questo include l’approvazione del sequestro di 12,7 kmq di terra nella Valle del Giordano alla fine del mese scorso.

Giovedì, il ministro degli Esteri norvegese, Espen Barth Eide, ha definito le ultime azioni “totalmente inaccettabili”.

“La Norvegia condanna queste decisioni e chiede al governo israeliano di revocarle immediatamente”, ha dichiarato in una dichiarazione in cui ha denunciato la politica del governo di “esproprio, confisca delle terre e creazione di insediamenti illegali”.

A maggio, la Norvegia si è unita a Spagna e Irlanda, diventando questi i paesi che più recentemente hanno riconosciuto uno stato palestinese.

Gli insediamenti sono stati anche una delle poche aree in cui gli Stati Uniti sono stati disposti a confrontarsi direttamente con il loro alleato “di ferro” Israele, anche se i critici hanno detto che Washington ha trascurato di usare le leve a sua disposizione per fare pressione su Israele.

Martedì scorso, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Vedant Patel ha dichiarato che “azioni unilaterali come l’espansione degli insediamenti e la legalizzazione degli avamposti” sono “dannose per la soluzione dei due stati”.

“Continueremo quindi a usare gli strumenti a nostra disposizione per smascherare e denunciare la responsabilità di coloro che minacciano la pace e la stabilità nella regione”, ha dichiarato.

La violenza dell’esercito israeliano e dei coloni nella Cisgiordania occupata è aumentata dall’inizio della guerra di Israele a Gaza. Circa tre milioni di palestinesi nel territorio sono soggetti al dominio militare israeliano.

Da ottobre, almeno 553 palestinesi sono stati uccisi nella Cisgiordania occupata e 9.510 sono stati arrestati, secondo i funzionari palestinesi.

Almeno 38.011 persone sono state uccise nella guerra di Israele contro Gaza da ottobre, secondo le autorità palestinesi.

Israele ha lanciato l’assalto a Gaza dopo che Hamas aveva condotto un attacco nel sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo almeno 1.139 persone, secondo un conteggio di Al Jazeera basato su statistiche israeliane.

https://www.aljazeera.com/news/2024/7/4/israel-approves-three-settlement-outposts-thousands-of-homes-in-west-bank

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio