Guerra a Gaza. Il direttore dell’ospedale di Al-Shifa rilasciato dalla prigionia israeliana

Lug 1, 2024 | Notizie, Video

dallo staff di MEE,

Middle East Eye, 1 luglio 2024. 

Il dottor Muhammad Abu Salmiya afferma che i prigionieri palestinesi devono affrontare condizioni durissime, senza precedenti, e che è necessario agire per liberarli.

Il direttore dell’ospedale Al-Shifa Mohammed Abu Salmiya viene accolto dai parenti dopo il suo rilascio, presso l’ospedale Nasser di Khan Yunis, il 1° luglio 2024. (AFP/Bashar Taleb)

Il direttore palestinese dell’ospedale al-Shifa di Gaza City è stato rilasciato lunedì mattina dopo mesi di detenzione israeliana.

Il dottor Muhammad Abu Salmiya era stato arrestato a novembre mentre si trovava a bordo di un convoglio umanitario guidato dalle Nazioni Unite che stava evacuando i pazienti costretti a lasciare l’ospedale al-Shifa durante un raid militare israeliano.

È stato rilasciato a Deir al-Balah, nel centro di Gaza, con circa 50 altri detenuti, tra cui almeno un altro medico.

https://youtu.be/TDC6RnC08Fc

Al momento del rilascio, ha dichiarato che i prigionieri palestinesi stanno subendo condizioni durissime, senza precedenti, nelle carceri israeliane, cose che non si vedevano dai tempi della Nakba del 1948, e che è necessario agire con urgenza per liberarli.

I prigionieri sono sottoposti a ogni forma di tortura mentre vengono privati dei loro diritti più elementari, ha dichiarato in una conferenza stampa. Molti sono morti durante gli interrogatori a causa delle torture, della mancanza di cure mediche e di cibo, ha aggiunto.

“Anche i medici israeliani [delle carceri] trattano i prigionieri con crudeltà e li picchiano… Questa occupazione ha abbandonato tutti i valori umani”.

Abu Salmiya si era rifiutato di lasciare l’ospedale al-Shifa durante la prima incursione israeliana di novembre, giurando di voler rimanere con i pazienti.

Tuttavia, tutto il personale medico, i pazienti e gli sfollati sono stati costretti a lasciare l’ospedale dopo l’irruzione delle truppe israeliane. Abu Salmiya ha raccontato di essere stato arrestato con altri medici e pazienti durante quell’evacuazione che avveniva in un convoglio coordinato dalle Nazioni Unite con l’esercito israeliano. Ha detto di aver contattato gli ufficiali israeliani prima dell’evacuazione per informarli dei loro spostamenti, ma i soldati li hanno “traditi” e hanno arrestato lui e gli altri nel cosiddetto “corridoio umanitario”.

L’esercito israeliano ha affermato per mesi che l’ospedale al-Shifa, la più grande e importante struttura medica di Gaza prima della guerra, era un centro di comando e controllo di Hamas.

Dopo l’arresto di Abu Salmiya, i militari hanno affermato che durante la sua gestione “c’era una vasta attività terroristica di Hamas” nell’ospedale. Tuttavia, le autorità israeliane non hanno mai presentato alcuna prova a sostegno dell’affermazione che l’ospedale al-Shifa contenesse attrezzature di Hamas. Questo nonostante l’abbiano attaccato più volte, compreso un vasto raid di due settimane a marzo che ha distrutto le strutture dell’ospedale.

Il ministero della Sanità palestinese, Abu Salmiya e Hamas hanno ripetutamente negato le affermazioni secondo cui gli ospedali di Gaza sarebbero stati utilizzati per scopi militari da qualsiasi gruppo armato palestinese.

Lunedì 1 luglio, Abu Salmiya ha dichiarato di essere stato portato tre volte dinanzi a un tribunale durante la sua detenzione, ma di non essere mai stato formalmente accusato di nulla. Ha detto che questo fatto e il suo rilascio dimostrano che è stato detenuto solo per motivi “politici”.

“Tornerò a fare il mio dovere”, ha detto Abu Salmiya nella sua conferenza stampa. “Ho saputo dai miei colleghi che l’ospedale al-Shifa ha subito molti danni. Prometto a voi e al mondo che ricostruiremo questo complesso medico”.

Rabbia e incitamento in Israele

Il rilascio di Abu Salmiya ha scatenato reazioni rabbiose in Israele, dove molti politici stanno lanciando incitamenti contro di lui.

Secondo Walla News, alcuni ministri hanno espresso rabbia per il suo rilascio in una chat di gruppo su WhatsApp.

“Perché quest’uomo, nel cui ospedale sono stati uccisi degli ostaggi e in cui operava un centro di comando di Hamas, viene rilasciato?”, ha dichiarato Amichai Chikli, ministro degli Affari della Diaspora.

Orit Strock, ministro degli Insediamenti, ha commentato: “È impensabile fare una cosa del genere senza una riunione di gabinetto. Mi chiedo seriamente: sotto quale autorità [è stata fatta questa cosa]?”.

Il ministro della Sicurezza Nazionale israeliana Itamar Ben Gvir ha dichiarato che il rilascio è stato il risultato di una “negligenza della sicurezza”. In conversazioni private trapelate e riportate dai media israeliani, ha chiesto il licenziamento di Ronen Bar, il direttore dello Shin Bet, l’agenzia di intelligence interna di Israele.

Il padre di una prigioniera israeliana uccisa, Noa Marciano –che secondo Hamas è stata uccisa da attacchi aerei israeliani– ha accusato Abu Salmiya di essere “indirettamente responsabile dell’omicidio della figlia” e ha criticato il governo per il suo rilascio.

Benny Gantz, leader dell’opposizione ed ex membro del gabinetto di guerra, spesso descritto come una figura “moderata“, ha affermato che il rilascio di Abu Salmiya è stato “un errore operativo morale ed etico” da parte del governo.

L’ufficio del Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che il rilascio è avvenuto a seguito di una petizione presentata all’Alta Corte contro la detenzione dei prigionieri nel famigerato centro di detenzione di Sde Teiman. Ha detto di aver ordinato un’indagine immediata, aggiungendo che l’identità dei prigionieri rilasciati è “determinata in modo indipendente dai funzionari della sicurezza, sulla base delle loro considerazioni professionali”.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha rilasciato una dichiarazione simile, prendendo le distanze dal rilascio. “La procedura di incarcerazione dei prigionieri di sicurezza e il loro rilascio sono di competenza dello Shin Bet e del Servizio Carcerario israeliano e non sono soggetti all’approvazione del ministro della Difesa”, ha dichiarato il suo ufficio.

Lo Shin Bet ha risposto alle critiche ricevute, affermando che il rilascio di 55 persone lunedì è dovuto alla mancanza di spazio nelle carceri e alla necessità di fare spazio a “sospetti terroristi più importanti”.

In una dichiarazione, lo Shin Bet ha incolpato i funzionari del governo, tra cui il ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben Gvir, per non aver affrontato una “crisi di incarcerazione” causata dalla mancanza di spazio nelle carceri. “In mancanza di altre opzioni, senza una soluzione immediata alla crisi dello spazio carcerario, gli arresti continueranno ad essere cancellati e i detenuti continueranno ad essere rilasciati”, ha aggiunto l’agenzia.

Il Servizio Penitenziario Israeliano (IPS), che è sotto la giurisdizione di Ben Gvir, ha risposto affermando che il rilascio di Abu Salmiya è stato approvato dall’esercito e dallo Shin Bet e non è dovuto a una “crisi carceraria”. In una rara mossa, l’IPS ha pubblicato l’ordine di rilascio, che è stato firmato da un generale di brigata nelle riserve. “L’IPS continuerà ad agire come un’organizzazione rispettabile e non si lascerà trascinare in alcun discorso il cui scopo è la diffamazione reciproca”, ha aggiunto in un comunicato.

Abu Salmiya si è detto sorpreso dalle reazioni israeliane. Ha detto ai giornalisti che il suo rilascio ha fatto seguito a un processo legale formale durante il quale non è stato giudicato colpevole di nulla.

Medici torturati a morte

Le forze israeliane hanno arrestato migliaia di palestinesi della Cisgiordania occupata e di Gaza dopo l’attacco del 7 ottobre guidato da Hamas e la successiva guerra di Israele.

Si stima che solo da Gaza siano stati arrestati dalle forze israeliane di invasione tra le 4.000 e le 5.000 persone, tra cui donne, bambini, anziani, paramedici, giornalisti, medici e operatori umanitari.

Le autorità israeliane sono state accusate di torture e abusi diffusi e sistematici nei confronti di detenuti e prigionieri palestinesi. Questo ha portato alla morte di circa 60 palestinesi in custodia israeliana, di cui almeno 40 provenienti dalla Striscia di Gaza, secondo un conteggio di Middle East Eye basato sui rapporti dei media.

Circa 1.500 prigionieri sono stati rilasciati e molti hanno descritto i maltrattamenti subiti. Tra questi, gli abusi sessuali, le scosse elettriche, le percosse, gli attacchi dei cani, la privazione del cibo e del sonno, l’umiliazione e la detenzione in posizioni degradanti, la minzione su di loro e le manette strette per periodi prolungati, causa di gravi ferite che in alcuni casi hanno portato all’amputazione.

I sopravvissuti affermano che i medici sono stati sottoposti a trattamenti più crudeli di altri. Almeno due medici, Adnan al-Bursh e Iyad al-Rantisi, sono morti in queste condizioni.

Abu Salmiya ha confermato le notizie dopo il suo rilascio, avvenuto lunedì. “Siamo stati sottoposti a gravi torture”, ha detto. “Le forze di occupazione prendevano d’assalto le celle dei prigionieri e li aggredivano quasi quotidianamente”. Da un certo punto in poi, ai prigionieri è stato dato solo un pezzo di pane al giorno per due mesi consecutivi, ha aggiunto.

Ha esortato le organizzazioni umanitarie internazionali a visitare i prigionieri palestinesi e ha chiesto che venga fatto ogni sforzo per liberarli.

A maggio, la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Alice Jill Edwards ha affermato che nelle carceri c’era un “modello emergente di violazioni unito all’assenza di responsabilità e trasparenza” da parte delle autorità israeliane riguardo alle accuse di tortura e maltrattamenti dei detenuti palestinesi. La Edwards ha espresso preoccupazione per il fatto che ciò sta “creando un ambiente permissivo per ulteriori trattamenti abusivi e umilianti dei palestinesi”.

https://www.middleeasteye.net/news/war-gaza-al-shifa-hospital-director-released-israeli-detention

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. riceviamo da zeitun.info e volentieri pubblichiamo | Pennatagliente's Blog - […] Guerra a Gaza. Il direttore dell’ospedale di Al-Shifa rilasciato dalla prigionia israeliana […]

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio