Quando Israele ha ucciso due gemelli davanti al loro padre

Giu 14, 2024 | Notizie

di Doaa Shaheen,

The Electronic Intifada, 13 giugno 2024. 

L’attacco israeliano a Nuseirat è stato paragonato da un testimone all’”apertura delle porte dell’inferno”. Omar AshtawyImmagini APA

Samer Walid stava mangiando un pasto che era stato dato alla sua famiglia come aiuto alimentare, quando ha cominciato a sentire rumori di spari provenienti da tutte le direzioni.

Un attimo dopo, ha sentito i bombardamenti e una serie di missili sganciati su certi luoghi specifici. Cinture di fuoco, come vengono chiamate a Gaza.

Mentre cercava di calmare i suoi figli, Samer ha chiesto a Rehab, sua moglie, di prendere alcuni beni di prima necessità per poter fuggire dalla loro casa che si trovava nel campo profughi di Nuseirat.

Non hanno avuto il tempo di farlo. All’improvviso, i soldati israeliani hanno attaccato la casa.

“Erano pesantemente armati, con il volto coperto”, ha detto Samer.

“E urlavano in ebraico, che non riuscivo a capire”, ha aggiunto. “Mi hanno sparato e sono crollato a terra”.

Le forze armate hanno poi ucciso i figli gemelli di Samer, Yazan e Omar, di 12 anni.

“Sono stati uccisi davanti a me”, ha detto. “A sangue freddo”.

“Non ho potuto aiutarli”, ha aggiunto. “Stavo sanguinando”.

“Le ambulanze non sono riuscite a raggiungerci perché i bombardamenti continuavano. Siamo rimasti intrappolati in casa per due ore, intrisi del nostro sangue”.

I soldati hanno chiuso la moglie Rehab e due altri figli in una stanza. I soldati hanno poi fatto un buco in un muro della casa e lo hanno attraversato per entrare in un edificio adiacente.

Rehab ha ricordato di essere rimasta chiusa nella stanza per tutta la durata del massacro. Dopo che era tornato il silenzio, ha forzato l’uscita dalla stanza rompendo la porta.

Quando ha trovato Samer e i corpi dei gemelli sul pavimento, “non potevo credere a quello che stavo vedendo”, ha detto.

In stato di shock, Rehab è scesa in strada a piedi nudi.

“Tutte le case dei vicini erano distrutte”, ha detto. “Tutti scappavano e urlavano”.

A terra si vedeva un gran numero di cadaveri.

“Ho visto corpi bruciati e corpi fatti a pezzi”, ha detto. “E ho visto la mia vicina di casa che portava in braccio suo figlio, senza la testa”.

Un uomo per strada ha accettato di portare Samer e i gemelli in ospedale su un carretto trainato da un animale.

Quando sono arrivati all’Ospedale dei Martiri di al-Aqsa, nella vicina città di Deir al-Balah, è stato confermato che i gemelli erano morti.

Più di 270 palestinesi sono stati uccisi da Israele nell’attacco dell’8 giugno al campo profughi di Nuseirat. I due gemelli Yazan e Omar erano tra loro.

“Non erano colpevoli di nulla”, ha detto Rehab. “Amavano la vita e volevano diventare ingegneri da grandi”.

“Le porte dell’inferno”

Maryam Salah era andata al mercato del campo di Nuseirat con il figlio Ahmad, di 10 anni, che voleva delle caramelle.

“Mentre facevamo la spesa, il mondo si è capovolto”, racconta Maryam.

Israele ha dapprima usato un quadricottero per sparare sulla gente nel mercato affollato, poi ha iniziato a bombardare l’area.

“Non avevo idea di cosa stesse accadendo”, racconta Maryam. “Ho preso la mano di mio figlio e ho cominciato a correre”.

Mentre scappavano, Ahmad è caduto a terra. Era stato colpito da un missile e aveva perso il braccio destro.

Maryam ha preso Ahmad tra le braccia e si è diretta verso l’ospedale. Era sollevata dal fatto che respirasse ancora.

Sembrava un miracolo che fosse sopravvissuto. Ma Maryam ha avuto l’orribile compito di seppellire il braccio mozzato quando sono arrivati in ospedale.

***

Rami Aziz stava prendendo l’acqua vicino a casa sua nella tarda mattinata di sabato, quando è avvenuto l’attacco.

“È stato come se si fossero aperte le porte dell’inferno”, ha raccontato.

Israele ha cominciato a sorvolare il campo con elicotteri e aerei da guerra di fabbricazione statunitense, sparando missili contro i residenti.

“Un grande fumo ha riempito tutto”, ha detto Rami. “Non riuscivo più a vedere nulla”.

Venti membri della famiglia allargata di Rami, per lo più bambini, si erano riuniti in una stanza.

“In un batter d’occhio, io e la mia famiglia eravamo sotto le macerie”, ha raccontato. “Per fortuna ero ancora vivo”.

“Ho iniziato a gridare aiuto da sotto le macerie. Ma nessuno mi sentiva”.

Rami è rimasto intrappolato sotto le macerie per circa due ore e ha quasi perso conoscenza.

Dopo che il bombardamento è cessato, Rami ha capito che i soldati israeliani si erano ritirati dall’area.

Un passante ha sentito qualcosa da sotto le macerie e ha gridato: “C’è qualcuno qui?”.

“Sì”, ha risposto Rami. “Sono vivo e respiro”.

Un gruppo di giovani è arrivato a salvarlo.

Una volta portato in salvo, Rami si è messo alla ricerca delle altre persone che erano a casa sua.

È riuscito a salvare 15 membri della sua famiglia allargata. Altri cinque non sono stati trovati.

Doaa Shaheen è una giornalista di Gaza.

https://electronicintifada.net/content/when-israel-killed-twins-front-their-father/47056

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio