Per lo meno, il segreto della Cisgiordania è ora svelato

Giu 8, 2022 | Riflessioni

Editoriale di Haaretz,

Haaretz, 7 giugno 2022. 

I soldati israeliani discutono con un manifestante che tiene in mano una bandiera palestinese, durante una protesta contro gli insediamenti israeliani nella Valle del Giordano, nella Cisgiordania occupata da Israele, lunedì scorso. RANEEN SAWAFTA/ REUTERS

La spaccatura a destra creata dalla venefica leadership di Benjamin Netanyahu ha portato a un Big Bang politico e alla formazione di un nuovo blocco, un blocco unito nella sua avversione per Netanyahu ma diviso ideologicamente. Il risultato è una coalizione di governo e un’opposizione che votano sulla base di ristrette considerazioni politiche, e membri della Knesset che votano contro la loro coscienza ideologica.

Nell’ultimo anno, l’opinione pubblica ha visto i partiti di destra dell’opposizione battersi contro leggi di destra, mentre i partiti di sinistra e centristi e persino la Lista Araba Unita le sostenevano. Basta vedere, ad esempio, il tortuoso percorso dell’approvazione di un emendamento alla legge sulla cittadinanza e i ricongiungimenti familiari.

È così che Likud e Sionismo Religioso –partiti che ospitano apertamente chi sostiene l’annessione della Cisgiordania– si sono opposti all’estensione delle norme di emergenza che applicano la legge israeliana agli israeliani che vivono in quel territorio, leggi che sono state emanate per la prima volta nel 1967 e che da allora sono state prorogate ogni pochi anni, l’ultima volta nel 2017.

Invece il Meretz, l’apparente casa della sinistra, è favorevole alla loro estensione. Grazie a Netanyahu, si è creata un’anomalia in cui i parlamentari di estrema destra Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir sono disposti a distruggere l’infrastruttura legale che consente ai coloni di condurre una vita normale, mentre i parlamentari Mossi Raz e Gaby Lasky del Meretz proteggono l’impresa degli insediamenti, e persino la Lista Araba Unita (UAL) è stata sottoposta a pressioni per sostenere quei regolamenti.

Questo cinismo non soddisfa nessuno di loro. “Non posso assumermi questa responsabilità”, ha dichiarato il deputato Mazen Ghanayim (UAL) prima del voto. “Una cosa è se una legge passa con i voti della destra … o se passa con il voto dei parlamentari arabi, compreso il mio.”

La sua posizione è comprensibile, anche se i regolamenti in sé sono gli stessi indipendentemente da chi li approva, e anche se è un puro caso che siano stati rinnovati mentre UAL, Meretz e Labor –partiti per i quali l’opposizione all’occupazione è fondamentale nella loro visione politica– erano al governo.

L’unica cosa che può confortare gli oppositori dell’occupazione e dell’annessione, sia ebrei che arabi, è il dibattito pubblico che è sorto su queste norme. Ed è successa una cosa importante.

L’impegno della destra a rovesciare ad ogni costo l’attuale “governo del cambiamento,” ha sabotato il meccanismo legale automatico che mantiene l’apartheid in Cisgiordania –un meccanismo che ha funzionato per anni lontano dagli occhi dell’opinione pubblica– e quindi ha essenzialmente rivelato la sua esistenza.

L’opinione pubblica ha appreso il meccanismo giuridico che rende possibile l’impresa degli insediamenti: l’esistenza di due sistemi legali separati nello stesso territorio, uno per gli israeliani (cioè gli ebrei) e uno per i palestinesi, così come ha appreso dell’esistenza di due sistemi giudiziari separati.

C’è un sistema giudiziario militare per i soggetti senza cittadinanza che vivono sotto una dittatura militare, e c’è un secondo sistema per gli ebrei privilegiati con cittadinanza israeliana, che vivono sotto la legge israeliana in un territorio che non è sotto la sovranità israeliana.

Per la prima volta, il pubblico israeliano ha l’opportunità di capire di cosa parla il mondo quando parla di apartheid.

https://www.haaretz.com/opinion/editorial/2022-06-07/ty-article/at-least-the-west-banks-secret-is-out/00000181-3a7f-d8e5-a599-3e7fe87b0000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio