Tre attivisti israeliani arrestati per un progetto di protesta contro un avamposto in Cisgiordania

Giu 3, 2022 | Notizie

di Hagar Shezaf,

Haaretz, 28 maggio 2022. 

Le forze di sicurezza israeliane hanno bloccato l’accesso a Homesh dei manifestanti che avevano minacciato di demolire con un bulldozer l’avamposto in Cisgiordania.

Il bulldozer noleggiato dagli attivisti di sinistra.Moti Milrod

Sabato le forze di sicurezza israeliane hanno arrestato tre attivisti di sinistra e bloccato l’accesso dei manifestanti all’insediamento evacuato di Homesh, nel nord della Cisgiordania, dopo che gli attivisti avevano affittato un bulldozer per abbattere le ultime strutture dell’avamposto.

Decine di manifestanti del gruppo di sinistra Peace Now si sono riuniti nella città di Rosh HaAyin nella zona centrale di Israele con l’intenzione di marciare verso Homesh e demolire le strutture dell’avamposto, ma la polizia ha bloccato gli autobus che trasportavano gli attivisti.

Due degli arrestati erano gli autisti del camion che trasportava il bulldozer e un altro era membro del movimento anti-Netanyahu. Quest’ultimo ha affermato che la polizia ha iniziato a seguirlo quando è uscito di casa e lo ha arrestato prima di arrivare al punto di raccolta dove altri attivisti stavano aspettando. Due degli attivisti sono stati rilasciati e uno rimane in custodia.

Gli agenti di polizia che hanno eseguito gli arresti hanno dichiarato che l’ordine era arrivato dal procuratore generale di Israele, anche se non hanno presentato un mandato ufficiale quando hanno eseguito gli arresti.

Gli attivisti sono stati arrestati, secondo la polizia, perché intendevano danneggiare delle proprietà e per “la forte preoccupazione che la sicurezza pubblica sia minacciata da scontri violenti”. L’esercito ha emesso un ordine che vieta le manifestazioni a Homesh e ha bloccato ben cinque ingressi all’avamposto. Gli attivisti stanno ancora cercando di raggiungere Homesh attraverso strade alternative.

Alla manifestazione hanno partecipato Ofer Cassif della Lista congiunta e i deputati di Meretz Gaby Lasky e Mossi Raz. Quest’ultimo ha criticato la polizia per aver bloccato la strada: “Ieri, dei criminali hanno marciato lì senza essere disturbati, ma chi viene per promuovere la pace in modo non violento viene fermato. È una vergogna”.

Il convoglio di protesta precede l’udienza dell’Alta Corte di Giustizia israeliana di giovedì sullo sgombero delle strutture rimaste a Homesh, evacuata nel 2005 come parte di un più ampio disimpegno israeliano da Gaza e dalla Cisgiordania settentrionale.

Venerdì sera, decine di coloni hanno tentato di entrare a Homesh, e l’esercito ha dispiegato forze in tutta l’area per impedire loro di arrivare al sito.

Gli agenti della polizia di frontiera hanno confiscato le attrezzature dei coloni che sono riusciti a raggiungere la yeshiva di Homesh, che è stata periodicamente demolita da quando è stata fondata nel 2009.

L’anno scorso, uomini armati palestinesi hanno aperto il fuoco contro gli studenti della yeshiva, uccidendo il 25enne israeliano Yehuda Dimentman e ferendone altri due.

Secondo l’ONG Peace Now, gli attivisti hanno ricevuto minacce da quando hanno annunciato la loro intenzione di manifestare a Homesh e hanno chiesto al Ministro della Difesa Benny Gantz di garantire la protesta.

Tuttavia, negli ultimi mesi, l’esercito israeliano ha permesso diverse manifestazioni di destra che si sono svolte nel sito, alcune delle quali hanno visto la partecipazione di migliaia di persone. L’esercito ha anche permesso ai coloni di accedere a Homesh tramite autobus.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-05-28/ty-article/.premium/dozens-of-israeli-settlers-march-to-evacuated-outpost/00000181-0abc-d090-abe1-efbd4a250001?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio