Ricordando l’assedio israeliano di Jenin

Apr 11, 2022 | Notizie

Di Muhammad Hussein

8 Aprile 2022

Fonte: https://www.middleeastmonitor.com/20220408-remembering-israels-siege-of-jenin/

Un ragazzo palestinese cammina tra le macerie delle case distrutte nel campo profughi di Jenin il 13 maggio 2002 [David Silverman/Getty Images]


Cosa: L’assedio e l’invasione da parte dell’esercito israeliano del campo profughi palestinese di Jenin durante la Seconda Intifada, con il risultato di almeno 52 palestinesi massacrati indiscriminatamente e oltre 13.000 resi nuovamente profughi.

Quando: 3 aprile – 11 aprile 2002

Dove : Jenin, Cisgiordania settentrionale

Cosa è successo?

Mentre la Seconda Intifada infuriava in tutta la Palestina nel 2002, Israele pianificò di lanciare la più grande mobilitazione del suo esercito nella Cisgiordania occupata dalla guerra del 1967. L’obiettivo era il campo profughi palestinese nella città di Jenin. Secondo quanto riferito, in risposta a una serie di attentati suicidi in Israele durante le settimane precedenti l’attacco, l’attacco – chiamato Operazione Scudo Difensivo – è stato rivendicato come una misura difensiva dell’esercito israeliano, per sradicare ed eliminare i militanti palestinesi e i combattenti della resistenza che vivevano all’interno del campo.
Ospitando circa 14.000 persone in un miglio quadrato, il campo di Jenin – amministrato dalle Nazioni Unite – è stato messo sotto assedio dagli israeliani, che hanno impedito a chiunque di uscire o entrare, e tagliato l’elettricità, l’acqua, il cibo e le forniture mediche ai residenti. Il 3 aprile è iniziata formalmente l’invasione del campo, che ha portato a scontri armati tra le forze israeliane e i combattenti palestinesi in scene di feroce guerra urbana.
La massa di rinforzi e l’assedio del campo da parte dell’esercito israeliano non erano apparentemente sufficienti, tuttavia, poiché nei giorni successivi ha dispiegato una forza schiacciante e sproporzionata sotto forma di 150 carri armati, veicoli corazzati per il personale e 12 bulldozer corazzati per liberare l’area da qualsiasi ostacolo. L’attacco è stato condotto anche per via aerea, con elicotteri Apache e jet da combattimento F-16 che battevano il campo dall’alto.
Alla fine della battaglia, l’11 aprile, almeno 52 palestinesi sono stati trovati uccisi, e alcune fonti indicano un numero ancora più alto a causa degli sforzi degli israeliani per nascondere le atrocità. Decine di questi uccisi erano anche civili, morti per cause brutali e orribili durante gli attacchi indiscriminati.

Esempi di tali morti includono quella del quattordicenne Muhammad Hawashin, che è stato colpito due volte in faccia mentre camminava con un gruppo di donne e bambini verso l’ospedale locale, così come il 57enne Kamal Zghair, costretto sulla sedia a rotelle, che è stato colpito e investito dai carri armati israeliani mentre si muoveva sulla strada verso casa sua portando una bandiera bianca.
Una donna di nome Afaf Disuqi è stata uccisa da una bomba lanciata dai soldati israeliani dopo aver risposto a una bussata alla sua porta, dopo che testimoni oculari hanno rivelato che i soldati ridevano mentre lei veniva fatta fuori dall’esplosione. Ci sono state anche prove di esecuzioni sommarie da parte delle forze israeliane, come quella di Jamal Al-Sabbagh, che è stato colpito mentre obbediva all’ordine di togliersi i vestiti.
Oltre alle uccisioni, oltre 13.000 residenti palestinesi del campo profughi di Jenin sono stati costretti a fuggire, diventando profughi su profughi – il campo è stato creato nel 1953 per ospitare i primi profughi cacciati dalle loro terre e case durante i primi anni di Israele.
Per tutto il tempo, le forze israeliane con i loro carri armati e bulldozer hanno continuato a distruggere ciò che rimaneva del campo, dissacrando sconsideratamente le case dove un tempo vivevano le famiglie.

Cosa è successo dopo?
Dopo la revoca dell’assedio, si è discusso molto se l’uccisione dei palestinesi fosse un massacro o meno, con quelli della parte israeliana che negavano che lo fosse e sostenevano che non erano stati commessi crimini di guerra. Capire se le uccisioni rientravano nella definizione del dizionario di “atto o caso di uccisione indiscriminata e crudele di un gran numero di esseri umani” è stato apparentemente difficile, però, poiché ai giornalisti e ai media è stato vietato l’accesso al campo e al luogo degli attacchi durante l’operazione.
Come il gruppo per i diritti umani, Amnesty International, ha detto nel suo rapporto sull’operazione: “I residenti palestinesi e i giornalisti palestinesi e stranieri e altre persone al di fuori del campo hanno visto centinaia di missili sparati nelle case del campo da elicotteri Apache che volavano sortita dopo sortita”. Nonostante i sospetti di un massacro, lo “stretto cordone attorno al campo profughi e all’ospedale principale dal 4 al 17 aprile ha fatto sì che il mondo esterno non avesse modo di sapere cosa stesse succedendo all’interno del campo”.
Un rapporto di 48 pagine di Human Rights Watch (HRW) ha poi fatto ulteriore luce sulla questione, riconoscendo che “le forze israeliane hanno commesso gravi violazioni del diritto umanitario internazionale, alcune equivalenti prima facie [a prima impressione] a crimini di guerra”.
Ha anche affermato che la presenza di combattenti della resistenza palestinese “non toglie l’obbligo dell’IDF, secondo il diritto umanitario internazionale, di prendere tutte le precauzioni possibili per evitare danni ai civili. Israele ha anche il dovere legale di garantire che i suoi attacchi contro obiettivi militari legittimi non causino danni sproporzionati ai civili. Purtroppo, questi obblighi non sono stati rispettati”.
Jenin; e la paura dell’Israele di una ribellione armata palestinese
HRW ha stabilito nel suo rapporto, tuttavia, che “non ha trovato prove per sostenere le affermazioni di massacri o esecuzioni extragiudiziali su larga scala da parte dell’IDF nel campo profughi di Jenin”, anche se molte delle morti “ammontano a uccisioni illegali o intenzionali”. È stata questa particolare sezione che l’esercito e i media israeliani hanno indicato come prova apparente che non è stato commesso alcun massacro.
Questo solleva anche il fatto che, dopo l’assedio e l’attacco, c’è stata una notevole solidarietà con Israele da parte di gran parte dei media occidentali, con rappresentanti di molti media che sarebbero sbarcati a Tel Aviv e Gerusalemme per spostare l’attenzione verso il presunto eroismo dell’esercito israeliano e lodarlo per la sua lotta contro il “terrore” palestinese.
Un tale trattamento preferenziale nei confronti di una forza di occupazione sarebbe impensabile ora, 20 anni dopo, quando c’è una massiccia condanna mediatica contro i militari russi nella loro invasione dell’Ucraina.
Invece di attirare l’attenzione sulla situazione dei nuovi rifugiati palestinesi, le grida dei membri delle famiglie per la mutilazione dei loro cari, e le atrocità commesse nel bombardamento indiscriminato dei civili – qualcosa che molti ora si rendono conto che Israele e la Russia hanno in comune – i media occidentali, all’epoca, avevano un approccio molto diverso.
Mentre l’indignazione è giustamente scatenata dal recente massacro di Bucha commesso dalle forze russe in Ucraina il mese scorso, è essenziale che il massacro dei civili palestinesi durante l’assedio e l’attacco a Jenin sia anche ricordato come la tragedia e il crimine di guerra che fu, nel 2002.

Traduzione a cura di Assopace Palestina


0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio