Zelensky dice l’Ucraina del dopoguerra emulerà Israele, non sarà “liberale europea”

Apr 7, 2022 | Notizie

Di Sam Sokol

Pubblicato il 5 Aprile 2022

Fonte: Zelenskyy dice che l’Ucraina del dopoguerra emulerà Israele, non sarà “liberale, europea” – Europa – Haaretz.com

‘cinema, supermercati e persone con armi’ è il futuro dell’Ucraina, dice Zelensky ai
giornalisti, mentre i leader del paese iniziano ad immaginare come potrebbe essere un’ Ucraina
precariamente postbellica.

L’Ucraina diventerà una “grande Israele con la sua faccia”, ha dichiarato martedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, indicando che il suo paese intende emulare lo stato di sicurezza israeliano sulla scia dell’invasione della Russia.

“L’Ucraina non sarà sicuramente quello che volevamo che fosse fin dall’inizio. È impossibile. Assolutamente liberale, europea – non sarà così. L’ Ucraina sarà sicuramente venuta dalla forza di ogni casa, ogni edificio, ogni persona, Zelensky ha detto ai membri dei media ucraini durante un briefing.

“Diventeremo un grande Israele con la sua faccia. Non ci sorprenderà se avremo rappresentanti delle Forze Armate o della Guardia Nazionale nei cinema, nei supermercati e nelle persone con le armi. Sono fiducioso che la questione della sicurezza sarà la questione numero uno per i prossimi 10 anni. Ne sono sicuro.”

Tuttavia, tali misure non servirebbero a minare la democrazia ucraina, ha aggiunto, dichiarando che “uno stato autoritario è impossibile in Ucraina.”

“Uno Stato autoritario perderebbe contro la Russia. La gente sa per cosa sta combattendo”, ha detto.

Tale linguaggio è “non nuovo”, l’ambasciatore israeliano in Ucraina Michael Brodsky ha detto Haaretz, affermando che lo stato ebraico è “sempre stato un modello per l’Ucraina, almeno in termini di sicurezza e di auto-protezione.”

“Gli israeliani hanno vissuto circondati da nemici per tutta la loro storia e l’Ucraina farà lo stesso”, ha detto l’ambasciatore ucraino Yevgen Korniychuk ad Haaretz dopo i commenti di Zelensky, dichiarando che Kyiv non sentiva di poter contare su garanzie di sicurezza internazionali, come quelle ricevute dall’Occidente dopo il disarmo nucleare del 1994.

“Ora dobbiamo mantenere forze armate molto più grandi contro i nostri due stati vicini ed è per questo che la nostra leadership attualmente vede che, non importa cosa succede dopo, [le cose] in Ucraina sarà simile alla situazione di sicurezza in Israele. Vedrete più gente armata per le strade, anche quando le cose diventano più pacifiche di quanto non siano ora.”

Lo scorso dicembre, mentre la Russia stava ammassando truppe sul confine ucraino, Zelensky ha paragonato più esplicitamente l’attuale lotta della sua nazione contro la Russia al conflitto decennale di Israele con i suoi vicini arabi.

In un discorso pre-registrato al Kyiv Jewish Forum, una conferenza annuale organizzata dalla comunità ebraica ucraina, Zelensky, che è lo stesso ebreo, ha detto che Israele è “spesso un esempio per l’Ucraina” e che “sia gli ucraini che gli ebrei apprezzano la libertà” “ugualmente per il futuro dei nostri stati a diventare a nostro piacimento, e non il futuro che gli altri vogliono per noi.”

Zelensky ha fortemente criticato l’approccio di Israele alla guerra, il suo ambasciatore in Israele ha detto ai giornalisti diversi giorni dopo l’invasione che il presidente, come ebreo, “ha aspettative molto più alte di Israele che Israele può fornire.”

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, Israele ha attentamente camminato sul filo del rasoio diplomatico nel tentativo di soddisfare le richieste americane di parlare contro le azioni della Russia evitando allo stesso tempo di alienarsi Mosca – il che consente all’aviazione israeliana di effettuare attacchi contro obiettivi iraniani in Siria.

Zelensky ha messo da parte queste preoccupazioni durante un discorso a distanza alla Knesset il mese scorso, chiedendo che Israele armasse il suo paese e rimuovere i limiti all’immigrazione ucraina imposti dopo l’invasione.

“Cos’è questo? Apatia? Calcoli? O mediazione senza prendere una posizione? Ti lascio rispondere a questa domanda, ma voglio sottolineare che l’apatia uccide, i calcoli possono essere errati. Si può mediare tra i paesi, ma non tra il bene e il male”, ha detto.

Il discorso di Zelenskyy ha attirato una dura condanna da parte del primo ministro Naftali Bennett, che ha obiettato all’uso della retorica della sua controparte ucraina paragonando le azioni russe a quelle dei nazisti, affermando che “è vietato paragonare qualsiasi cosa all’Olocausto.”

I leader ucraini hanno descritto gli attacchi russi contro i civili ucraini come un genocidio, ma, fino a poco tempo fa, Israele è stato riluttante a parlare contro le azioni russe.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha condannato martedì le “terribili attrazioni di Buca”, anche se ha rifiutato di menzionare specificamente la Russia.

Un intervistatore dell’emittente pubblica israeliana Kan ha chiesto se “chiama il massacro di Buca un crimine di guerra” o se “vede la Russia come responsabile”, Bennett ha risposto: “Siamo ovviamente scioccati dalle dure vedute di Buca, viste terribili e le condanniamo con forza.”

Lunedì pomeriggio, il ministro degli Esteri Yair Lapid ha condannato le uccisioni a Buca rivelate dopo che le truppe russe si sono ritirate dalla regione della capitale.

“E ‘impossibile rimanere indifferenti di fronte alle immagini orribili dalla città di Buca vicino a Kiev, da dopo che l’esercito russo ha lasciato. Danneggiare intenzionalmente una popolazione civile è un crimine di guerra e lo condanno fermamente”, ha twittato Lapid, diverse ore dopo che un portavoce ha detto che una precedente dichiarazione dell’ambasciatore Brodsky che accusava la Russia di crimini di guerra non rappresentava la posizione ufficiale del ministero degli esteri.

Mentre Mosca nega di prendere di mira i civili e respinge le accuse di crimini di guerra, i locali hanno detto che i morti a Buca sono stati civili uccisi da soldati russi in partenza senza provocazione. Secondo il sindaco Anatoliy Fedoruk, più di 300 residenti erano stati uccisi.

Un video caricato su Twitter dal Ministero della Difesa ucraino, che definì la città la “nuova Srebrenica”, mostrava corpi sparsi per le strade di Buca.

Alla richiesta di un commento, un portavoce dell’ambasciata russa a Tel Aviv ha indicato Haaretz a un post del Telegramma del Ministero della Difesa russo denunciando rapporti “falsi” di vittime civili a Buca e rivendicando corpi in un video -che ha ritenuto “filmato in scena”- “sembrano essere stati deliberatamente disposti per creare un quadro più drammatico.”

Nonostante questa affermazione sia stata smentita da diversi media, tra cui Bellingcat e la BBC, il ministro delle Finanze Avigdor Lieberman ha detto lunedì che Russia e Ucraina si sono scambiate “accuse reciproche”, ma che Israele condanna “tutti i crimini di guerra.”

Le Nazioni Unite ha detto il Lunedì che ha registrato 3.527 vittime civili in Ucraina a partire dal 3 aprile, anche se il “pedaggio effettivo è molto più alto.”

Jonathan Lis e l’Associated Press hanno contribuito a questa relazione.

Traduzione di Assopacepalestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio