Chi può parlare contro il suo occupante sui social media?

Mar 28, 2022 | Notizie

I giganti dei social media si stanno attivando per proteggere la libertà di parola degli ucraini che resistono all’occupazione militare. Perché non stanno facendo lo stesso per i palestinesi?

Di  Mona Shtaya  

Pubblicato il: 22 Marzo 2022

Articolo originale https://www.972mag.com/social-media-ukraine-palestinians-meta/

L’eminente attivista palestinese Muna el-Kurd e suo fratello Mohammed tornano alla loro casa a Sheikh Jarrah, Gerusalemme, dopo essere stati arrestati e interrogati dalla polizia israeliana, 6 giugno 2021. (Oren Ziv/Activestills)

All’inizio di marzo, il conglomerato tecnologico Meta, tra le altre società di social media, ha emesso nuove linee guida che prevedono eccezioni in diversi paesi per i post di Facebook e Instagram che contengono discorsi violenti verso l’esercito e i politici della Russia, tra cui il presidente Vladimir Putin.

Pur sottolineando che non permetterebbe appelli credibili alla violenza, anche contro i civili russi, lo “spirito della politica” di Meta ha permesso violazioni di discorsi di odio se hanno preso di mira i soldati russi, o i russi “dove è chiaro che il contesto è l’invasione russa dell’Ucraina (ad esempio, il contenuto menziona l’invasione, autodifesa, ecc)”. In una dichiarazione ai media, un portavoce di Meta ha notato che un esempio di tale discorso includeva “morte agli invasori russi”.

Le nuove misure sono arrivate come parte della risposta internazionale di massa all’invasione russa dell’Ucraina il mese scorso, comprese le reazioni delle piattaforme di social media, che hanno rimescolato per implementare le politiche esistenti riguardanti la guerra. Queste misure sono state apparentemente adottate per proteggere i contenuti online degli ucraini, amplificare le loro voci e aiutarli a resistere all’invasione.

Molte di queste misure non erano solo senza precedenti; hanno dimostrato sia la capacità che la volontà delle società di social media di stare con le persone oppresse e tenere gli aggressori e le potenze occupanti responsabili – a seconda delle circostanze.

Meta, per esempio, ha fatto diversi annunci sul suo blog che avrebbe assicurato una maggiore trasparenza sui media russi controllati dallo stato, come RT e Sputnik, e avrebbe proibito la pubblicità da questi punti vendita. Si è anche mossa per rafforzare la sicurezza della messaggistica privata sulle sue piattaforme, fornendo chat criptate, one-to-one su Instagram, in modo che gli utenti in alcuni paesi possano comunicare in modo sicuro.

“Riconosciamo che il contesto locale e le competenze specifiche della lingua sono essenziali per questo lavoro, quindi rimarremo in stretta comunicazione con esperti, istituzioni partner e organizzazioni non governative”, ha scritto Meta il 26 febbraio. L’azienda ha seguito il suo impegno, lavorando con le reti locali e internazionali per affrontare i rischi emergenti per gli ucraini e i critici della Russia, come la rimozione della possibilità di visualizzare e cercare liste di “amici” sulle sue piattaforme, al fine di proteggere ulteriormente gli utenti e far rispettare in modo proattivo i loro standard e linee guida della comunità a livello globale.

Meta non è l’unica azienda a intraprendere tali azioni. Altre aziende di media tecnologici, come Twitter, Apple, Google e Paypal, hanno anche preso misure serie per combattere la disinformazione e messo restrizioni sulla capacità dei media statali russi di acquistare annunci, bloccando alcuni canali russi in Ucraina, e condividendo risorse per aiutare gli utenti a salvaguardarsi online. Le piattaforme finanziarie online come PayPal hanno anche chiuso i loro servizi in Russia in risposta all’invasione, con il CEO di PayPal Dan Schulman che ha detto che la società “sta con la comunità internazionale nel condannare la violenta aggressione militare della Russia in Ucraina”.

Censurare gli occupati
I rapidi passi delle aziende di social media per proteggere la libertà di parola degli ucraini, specialmente in un periodo di guerra, sono stati scioccanti per molti palestinesi. Meno di un anno fa, durante l’attacco di Israele a Gaza e la rivolta di massa di maggio, i palestinesi si sono rivolti alle piattaforme dei social media per documentare le violazioni dei diritti umani e diffondere le loro opinioni con l’obiettivo di promuovere e arricchire la narrazione palestinese nello spazio digitale, soprattutto perché tale narrazione raramente riceve una copertura equa nei media mainstream internazionali.

Noi palestinesi, tuttavia, non abbiamo mai assistito a nessuna delle misure adottate dalle piattaforme dei social media per l’Ucraina. Al contrario, queste piattaforme hanno partecipato attivamente a una campagna di repressione online lo scorso maggio che ha sistematicamente preso di mira e censurato le voci palestinesi, eliminando i contenuti che parlavano contro l’oppressione israeliana. Questo includeva la rimozione della documentazione sul campo delle aggressioni della polizia e dei coloni nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme, dove le famiglie erano minacciate di sfollamento forzato, e nella Striscia di Gaza, dove i jet da combattimento israeliani stavano bombardando pesantemente due milioni di persone assediate.

Palestinesi e attivisti di sinistra protestano durante la manifestazione settimanale del venerdì nel quartiere di Sheikh Jarrah, Gerusalemme, 18 febbraio 2022. (Oren Ziv/Activestills

Durante la rivolta, 7amleh, l’organizzazione palestinese per i diritti digitali dove lavoro, ha documentato più di 500 casi di violazione dei diritti digitali tra il 6 maggio e il 19 maggio 2021; l’85% di questi casi ha avuto luogo sulle piattaforme Facebook e Instagram di Meta (il numero di violazioni effettive è probabilmente molto più alto).

Per esempio, a un certo punto durante l’escalation, Instagram ha bloccato l’hashtag #AlAqsa, perché pensava che contenesse contenuti che violavano la loro lista di “organizzazioni e individui pericolosi”, che non è stata resa pubblica ma è poi trapelata; in realtà, l’hashtag conteneva in gran parte espressioni di solidarietà e materiali che documentavano le violazioni dei diritti contro gli abitanti di Gerusalemme alla Moschea di Al-Aqsa. Anche altre storie, tra cui quelle con lo slogan “Stop alla pulizia etnica”, sono state eliminate. A 7amleh, abbiamo ricevuto screenshot di storie di Instagram in cui tutte quelle relative alla rivolta di maggio sono state rimosse con la forza e persino cancellate negli archivi personali.

Per contro, 7amleh ha anche scoperto che nello stesso periodo, 183.000 conversazioni pubbliche ebraiche su 1.090.000 sulle piattaforme di social media contenevano razzismo, insulti o incitamenti contro palestinesi e arabi, eppure le aziende di social media non hanno rimosso questi contenuti. Uno dei tweet documentati, per esempio, affermava: “Un buon arabo è un arabo morto”. Un altro tweet recitava: “Feccia. Cancellateli dalla faccia della terra e non lasciatene traccia. Massacrate tutti i gazan e tutti gli arabi ovunque”. Un altro ancora diceva: “Tutti gli arabi del mondo e gli arabi che stanno leggendo questo messaggio, che tutti i vostri familiari abbiano il cancro”.

Inoltre, a differenza delle mosse di Meta contro i media statali russi, le pagine dei social media di proprietà dei servizi di sicurezza e militari israeliani sono state autorizzate a promuovere la loro aggressione contro Gaza. Questo includeva un video pubblicato dal Ministero degli Affari Strategici israeliano che tentava di giustificare la guerra con immagini grafiche, e che ha ottenuto circa 1.200.000 visualizzazioni in cinque giorni prima di essere rimosso da YouTube a seguito di pressioni. Altre piattaforme hanno anche permesso contenuti che spiegano come l’aviazione israeliana abbia preso di mira edifici a Gaza, promuovendo e giustificando la violenza vera e propria. Questi post non sono stati rimossi e le pagine non sono state bloccate dalla pubblicazione di contenuti simili.

Un giovane palestinese siede tra le rovine di un quartiere di Beit Hanoun che è stato distrutto dai bombardamenti israeliani, nel nord della Striscia di Gaza, 21 maggio 2021. (Mohammed Zaanoun/Activestills)

Queste politiche drammaticamente diverse in contesti di guerra e occupazione illustrano un chiaro doppio standard quando si tratta di Palestina-Israele. Sul blog di Meta, l’azienda ha usato apertamente la parola “resistenza” per descrivere la lotta degli ucraini contro gli attacchi della Russia, esprimendo simpatia e comprensione per la loro “furia contro le forze militari invasori”. Al contrario, la parola “resistenza” è stata la ragione stessa per cui alcuni post palestinesi sono stati rimossi dalle piattaforme di Meta lo scorso maggio, dove è stata interpretata come incitamento alla violenza contro gli israeliani.

PayPal, nel frattempo, non ha fatto alcuna mossa per limitare le sue operazioni in Israele come ha fatto in Russia. Infatti, l’azienda si rifiuta ancora di fornire servizi nelle aree palestinesi dei territori occupati, mentre opera regolarmente negli insediamenti israeliani illegali in quegli stessi territori. Al tempo dell’attacco a Gaza lo scorso maggio, Venmo, che è di proprietà di PayPal, ha persino fermato i suoi servizi a Gaza e ha impedito di fare donazioni alle organizzazioni di soccorso palestinesi, che chiedevano a gran voce di aiutare i palestinesi feriti e sfollati tra i bombardamenti israeliani.

Questa ipocrisia sistemica è particolarmente dannosa in Palestina, perché permette a un occupante di perseguire i discorsi d’odio e l’incitamento contro il popolo oppresso, senza tenerli responsabili o censurare i contenuti che portano a danni reali. Semmai, permette al ben più potente regime israeliano e alla società ebraico-israeliana di ostracizzare i palestinesi, distorcere la loro immagine e diffondere propaganda contro di loro, che a sua volta permette la discriminazione e la violenza contro di loro.

Squilibri di potere
Alcuni hanno attribuito il rapido movimento di Meta e di altre società di social media nella crisi ucraino-russa alla competizione geopolitica tra la Russia da un lato e l’Europa e gli Stati Uniti dall’altro. Ma il problema è molto più profondo. La Russia ha bombardato la Siria per anni, eppure le aziende di social media non hanno fatto alcun movimento simile per mettere in lista nera i media di proprietà dello stato russo, né per permettere ai siriani di praticare discorsi di odio contro i politici e i militari russi.

Il presidente russo Vladimir Putin visita il nuovo centro di trasmissione di Russia Today e incontra i dirigenti e i corrispondenti del canale, 2013. (Cremlino.ru/CC-BY-4.0)

L’assenza di tali azioni suggerisce che, tra le altre cose, la razza e/o il background etnico di coloro che affrontano l’oppressione è al centro della questione. E non si tratta solo di pregiudizi inconsci: nel 2017, ProPublica ha scoperto attraverso documenti ottenuti che “gli uomini bianchi” venivano definiti come una categoria protetta negli standard della comunità di Facebook, mentre altri gruppi – i bambini neri, per esempio – non lo erano.

Allo stesso modo, le politiche delle aziende di social media, specialmente Meta, sono in gran parte basate sui rapporti di potere esistenti. In questo caso, le asimmetrie politiche ed economiche che favoriscono Israele influenzano notevolmente il modo in cui l’azienda modera i contenuti palestinesi. Per esempio, circa 319 milioni di dollari sono stati spesi in Israele per gli annunci sui social media nel 2021, il 95% dei quali su piattaforme Meta. Questo numero è maggiore degli annunci spesi da palestinesi, giordani ed egiziani messi insieme, rendendo il mercato pubblicitario israeliano uno dei più grandi della regione.

Questo squilibrio di potere si estende anche alla gestione dell’azienda. Jordana Cutler, direttore delle politiche pubbliche di Facebook per Israele e la diaspora ebraica, è stata in precedenza un consigliere senior del primo ministro Benjamin Netanyahu e poi un capo del personale dell’ambasciata israeliana degli Stati Uniti. Descrivendo il suo ruolo in Facebook, Cutler ha osservato: “All’interno dell’azienda, parte del mio lavoro è quello di essere un rappresentante per la gente qui in Israele, voce del governo, per le loro preoccupazioni, all’interno della nostra azienda”.

Nello stesso momento in cui il governo israeliano, attraverso la sua “Cyber Unit”, sta inviando decine di migliaia di richieste alle aziende di social media per togliere i contenuti pro-palestinesi, il governo ha anche iniziato a legiferare una nuova “legge Facebook” che aumenterebbe i suoi poteri di censura.

Se approvata, la legge permetterebbe ai giudici del tribunale distrettuale israeliano di rimuovere contenuti non solo da Facebook e da altre piattaforme di social media, ma da qualsiasi sito. La “legge Facebook” contiene definizioni vaghe di “sicurezza pubblica” e “sicurezza nazionale”, che permette ai giudici di interpretare i termini in favore degli interessi politici dello stato. La legge imporrebbe inoltre restrizioni ai fornitori di servizi internet, che sarebbero tenuti a bloccare l’accesso a determinati siti web sulla base di ordini del tribunale.

Israeli activists deliver a petition signed by 50,000 people to Facebook’s Head of Israel Policy, Jordana Cutler, demanding the company refrain from changing its hate speech policy to include the word “Zionist” as antisemitic, Tel Aviv, February 26, 2021. (Heidi Motola/Activestills.org)

Alcuni osservatori sperano che le nuove misure dopo l’invasione russa dell’Ucraina possano aprire la strada a misure simili per difendere altri gruppi oppressi che affrontano conflitti e occupazioni in tutto il mondo. Purtroppo, è più probabile che questi doppi standard continueranno a rafforzare lo squilibrio di potere nelle nostre narrazioni e guerre digitali.
Per ora, non è chiaro come queste misure avranno un impatto sulla guerra in Russia e Ucraina. Questo non significa, tuttavia, che dovremmo opporci alle azioni intraprese dalle piattaforme dei social media per stare dalla parte degli ucraini: piuttosto, dovremmo vederle come un punto di svolta per la politica globale, e su cui si dovrebbe costruire per aiutare altri gruppi oppressi in tutto il mondo – siano essi palestinesi, kashmiri, uiguri, popoli indigeni della Colombia e del Sahara occidentale, Myanmarese e altre comunità.

I palestinesi hanno richiesto a lungo molti dei passi che si stanno facendo attualmente a sostegno dell’Ucraina: un apprezzamento del contesto politico, un riconoscimento di ciò che la gente comune sta subendo, e un riconoscimento delle asimmetrie di potere. Modellare i contenuti e le politiche intorno a questi principi, come Meta ha dichiarato di voler fare nei confronti della Russia e dell’Ucraina, è vitale per prevenire danni nel mondo reale – specialmente quando una società ha pochi mezzi per resistere al suo occupante militare.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio