Gli Stati Uniti accusati di ipocrisia per aver sostenuto le sanzioni contro la Russia, ma non Israele

Mar 8, 2022 | Notizie

7 Marzo 2022

Articolo di: Chris McGreal 

articolo originale: https://www.theguardian.com/world/2022/mar/07/us-sanctions-against-russia-but-not-israel

A Palestinian protester confronts Israeli soldiers during clashes in the centre of the city of Hebron in the occupied West Bank on 4 March. Photograph: Hazem Bader/AFP/Getty Images

I critici confrontano le azioni militari israeliane dei territori palestinesi con l’invasione russa dell’Ucraina, ma i gruppi filo-israeliani respingono le accuse come falsi paralleli

Gli Stati Uniti e alcuni dei loro alleati europei sono accusati di applicare due pesi e due misure per sostenere le sanzioni e le indagini internazionali sui crimini di guerra contro la Russia per la sua invasione dell’Ucraina, mentre le bloccano rispetto le azioni militari israeliane nei territori palestinesi occupati.

Ma i gruppi filo-israeliani negli Stati Uniti hanno respinto le accuse accusando i critici di sfruttare la sofferenza ucraina per tracciare falsi paralleli.

Il mese scorso, Amnesty International, insieme ad altri gruppi per i diritti umani, ha chiesto all’ONU di imporre sanzioni mirate contro Israele accusandolo di violare il diritto internazionale praticando una forma di apartheid e commettendo un crimine contro l’umanità nel suo “dominio” dei palestinesi. 

I funzionari palestinesi e i relatori speciali delle Nazioni Unite sui territori occupati hanno anche insistito per le sanzioni sui sequestri di terra israeliani in Cisgiordania, il blocco di Gaza e l’uccisione su larga scala di civili palestinesi.

Mentre premono per un’azione contro la Russia, tuttavia, gli Stati Uniti e altri governi hanno resistito a misure simili contro Israele.

Martedì, il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha detto al consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite che deve inviare un “messaggio risoluto” a Vladimir Putin per fermare un’invasione che ha distrutto scuole, ospedali e edifici residenziali e ucciso centinaia di civili.

“Questi sono gli abusi dei diritti umani che questo consiglio ha l’obiettivo di fermare. Se non possiamo riunirci ora, quando ci riuniremo?”, ha detto.

Nello stesso discorso, Blinken ha sottolineato di chiamare le indagini in corso del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite sulle azioni israeliane nei territori occupati “una macchia sulla credibilità del consiglio” e ha chiesto che siano interrotte. Le indagini hanno ritenuto Israele responsabile delle persistenti “violazioni del diritto alla vita” e di altri crimini.

Sarah Leah Whitson, ex direttore della divisione Medio Oriente di Human Rights Watch, ha detto che ci sono chiari paralleli tra le violazioni russe e israeliane del diritto internazionale, compreso il commettere crimini di guerra.

Ukrainians flee Irpin as Zelenskiy criticises Russian shelling – video 

“Vediamo che non solo il governo degli Stati Uniti, ma le aziende degli Stati Uniti stanno cadendo su sé stesse per sanzionare e boicottare tutto ciò che ha un’associazione con il governo russo”, ha detto. “l’esatto opposto quando si tratta di sanzionare Israele per le sue violazioni del diritto internazionale a tal punto che gli stati americani stanno approvando leggi per punire gli americani se non promettono di non boicottare Israele. È molto chiaro che i motivi per resistere alle sanzioni contro Israele, o anche il rispetto del diritto internazionale, sono puramente politici.”

Lara Friedman, presidente della Fondazione per la pace in Medio Oriente, contrappose il sostegno americano alle sanzioni contro la Russia con i tentativi del Congresso di bandire il boicottaggio negli Stati Uniti d’Israele o nei suoi insediamenti nei territori palestinesi.

James Zogby, presidente dell’Arab American Institute di Washington, ha paragonato il ritratto degli ucraini che lanciano bombe molotov come eroici difensori del loro territorio ai palestinesi caratterizzati come terroristi o militanti per resistere all’occupazione e ai sequestri di terre da parte di Israele.

Gli Stati Uniti non sono i soli ad affrontare le accuse di ipocrisia. Il Regno Unito e il Canada hanno chiesto alla Corte penale internazionale di indagare sui crimini di guerra russi in Ucraina. L’anno scorso, i due paesi hanno detto che la CPI dovrebbe abbandonare un’indagine su Israele in parte sulla base del fatto che la Palestina non è un paese sovrano, anche se è riconosciuto come Stato dalle Nazioni Unite.

Thousands join rallies around the world in solidarity with Ukraine – video

In Gran Bretagna, la deputata laburista Julie Elliott ha detto al parlamento che c’era un doppio standard quando si trattava di difendere i palestinesi.

“I palestinesi guardano a noi per parlare e agire negli stessi termini. Abbiamo sanzionato la Russia sulla Crimea, e ora è probabile che imporremo altre sanzioni, con le quali concordo pienamente, ma i palestinesi chiedono perché non facciamo nulla per porre fine all’occupazione israeliana”, ha detto.

I critici hanno anche accusato gli organismi internazionali di calcio di politiche contraddittorie.

La Uefa ha multato la squadra scozzese della Premier League Celtic dopo che i suoi tifosi hanno sventolato bandiere palestinesi alle partite internazionali, dicendo che erano simboli politici. Le bandiere ucraine sono state ampiamente sventolate in occasione di recenti partite con l’approvazione delle autorità calcistiche.

I sostenitori di Israele hanno respinto negando che ci sia un parallelo.

Jonathan Greenblatt, capo esecutivo della Anti-Defamation League, un importante gruppo filo-israeliano con sede a New York, ha detto che il conflitto israelo-palestinese è “una disputa sul territorio da parte di due popoli che hanno entrambe rivendicazioni e connessioni storiche”.

“Paragonare questa complessità al brutale uso della forza della Russia contro la nazione sovrana e pacifica dell’Ucraina significa travisare intenzionalmente il conflitto israelo-palestinese, ed è profondamente insensibile alla crisi umanitaria e di sicurezza che gli ucraini devono affrontare oggi”, ha twittato.

Il Jerusalem Post ha anche respinto quello che ha definito il “tentativo falso di collegare l’Ucraina con i palestinesi”.

“Purtroppo, alcuni vedranno solo che i russi sono la parte molto più forte in questa guerra, che Israele è la parte molto più forte quando combatte Hamas a Gaza, e di riflesso solo simpatizzare con il perdente, la parte più debole”, ha detto.

“La debolezza, tuttavia, non conferisce automaticamente virtù. Nel conflitto russo-ucraino, si dà il caso che l’Ucraina sia sia la parte lesa sia quella più debole. Ma questo non è il caso dei palestinesi.”

In Gran Bretagna, la deputata laburista Julie Elliott ha detto al parlamento che c’era un doppio standard quando si trattava di difendere i palestinesi.

“I palestinesi guardano a noi per parlare e agire negli stessi termini. Abbiamo sanzionato la Russia sulla Crimea, e ora è probabile che imporremo altre sanzioni, con le quali concordo pienamente, ma i palestinesi chiedono perché non facciamo nulla per porre fine all’occupazione israeliana”, ha detto.

I critici hanno anche accusato gli organismi internazionali di calcio di politiche contraddittorie.

La Uefa ha multato la squadra scozzese della Premier League Celtic dopo che i suoi tifosi hanno sventolato bandiere palestinesi alle partite internazionali, dicendo che erano simboli politici. Le bandiere ucraine sono state ampiamente sventolate in occasione di recenti partite con l’approvazione delle autorità calcistiche.

I sostenitori di Israele hanno respinto negando che ci sia un parallelo.

Jonathan Greenblatt, capo esecutivo della Anti-Defamation League, un importante gruppo filo-israeliano con sede a New York, ha detto che il conflitto israelo-palestinese è “una disputa sul territorio da parte di due popoli che hanno entrambe rivendicazioni e connessioni storiche”.

“Paragonare questa complessità al brutale uso della forza della Russia contro la nazione sovrana e pacifica dell’Ucraina significa travisare intenzionalmente il conflitto israelo-palestinese, ed è profondamente insensibile alla crisi umanitaria e di sicurezza che gli ucraini devono affrontare oggi”, ha twittato.

Il Jerusalem Post ha anche respinto quello che ha definito il “tentativo falso di collegare l’Ucraina con i palestinesi”.

“Purtroppo, alcuni vedranno solo che i russi sono la parte molto più forte in questa guerra, che Israele è la parte molto più forte quando combatte Hamas a Gaza, e di riflesso solo simpatizzare con il perdente, la parte più debole”, ha detto.

“La debolezza, tuttavia, non conferisce automaticamente virtù. Nel conflitto russo-ucraino, si dà il caso che l’Ucraina sia sia la parte lesa sia quella più debole. Ma questo non è il caso dei palestinesi.”

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio