Perché i parchi giochi per bambini palestinesi sono un bersaglio così favorito dai coloni israeliani?

Gen 7, 2022 | Notizie

di Ali Awad,

Haaretz, 6 gennaio 2022. 

“Prendere di mira lo spazio di gioco di nostro figlio è una cosa inquietante, brutale, invasiva, quasi oscena. Ho paura per il futuro dei miei figli”. Quando i coloni violenti, sostenuti dall’esercito, se la prendono con i bambini palestinesi a Susya, ciò fa parte di una più ampia strategia.

Sostenuti dai soldati, i coloni di Susya in Cisgiordania occupano il parco giochi del villaggio palestinese di Susya Credito: Omri Eran Vard

Ali Awad ci rende orgogliosi e felici di aver contribuito con il nostro progetto di sostegno per tutta la durata dello studio universitario di giovani ragazzi e ragazze delle Colline a Sud di Hebron. Ali è uno di loro, si è laureato l’anno scorso all’università di Yatta. Desiderava molto una macchina fotografica con la quale potesse testimoniare la quotidianità dell’occupazione militare e la violenza dei coloni israeliani. È stato il dono di AssopacePalestina (e di tutte le persone che hanno donato al progetto Studenti di At-Tuwani) per la sua laurea. Oggi Ali scrive per Haaretz e continua il suo impegno con i giovani di Youth of Sumud. Sì, abbiamo fatto la cosa giusta, abbiamo ragione di essere orgogliosi e commossi. Grazie Ali – Luisa Morgantini, AssoPacePalestina.

“‘Vorrei un posto dove giocare, papà’”, mi dice mia figlia di sette anni, Daliah. Quando i miei figli vedono i campi da gioco costruiti per i bambini dei coloni, fanno cento domande. Mi chiedono perché non posso costruire loro lo stesso tipo di parco giochi”, mi dice Nasser Nawaja, residente a Susya e ricercatore sul campo per il gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem nelle Colline a sud di Hebron.

E continua: “L’insediamento di Susya è a pochi metri dalle case dei bambini palestinesi nel villaggio di Susya [l’insediamento israeliano ha conservato lo stesso nome del villaggio palestinese, NdT]. La semplice area giochi esterna che abbiamo costruito per i nostri bambini non è niente in confronto alle strutture che esistono in qualsiasi insediamento israeliano. Come posso spiegare a mia figlia che non è colpa mia, ma è colpa dell’occupazione?”

Nasser stava spiegando il contesto in cui si è svolto un episodio particolarmente crudele di violenza dei coloni che ha colpito la sua famiglia. È stato un incidente che ha attirato anche una breve attenzione dei media, ma, come per molte delle intimidazioni violente subite dai palestinesi, quell’attenzione è stata fugace.

A metà settembre dello scorso anno, un gruppo di diplomatici europei stava visitando i villaggi di Masafer Yatta, a sud di Hebron. Era un tour esplorativo per scoprire di più sulla loro lotta per aver accesso all’acqua corrente.

Da quando Israele ha dichiarato l’istituzione della “Zona di tiro 918” all’inizio degli anni ’80 su un’area di circa 3.000 ettari, i residenti dei 12 villaggi palestinesi in quell’area hanno vissuto sotto la costante minaccia di demolizione, evacuazione ed espropriazione.

Nel 1999, l’IDF li ha sfrattati, sulla base dell’affermazione ingannevole che non erano residenti permanenti. Anche se poi sono stati autorizzati a tornare, vivono ancora sotto la minaccia di espulsione e non possono allacciarsi all’acqua corrente.

Quando un gruppo di attivisti israeliani contro l’occupazione accompagnava, nell’area di Masafer Yatta, un camion che portava acqua agli Hamamdi, una famiglia di tre persone senza accesso all’acqua corrente, l’IDF ha risposto con la forza contro di loro.

Come si vede chiaramente dal filmato, un comandante dell’IDF ha spinto a terra un anziano attivista, provocandogli fratture al volto e alle costole. Altri attivisti israeliani ed ebrei sono tornati a casa in Israele con le ossa rotte.

Il tour dei diplomatici ha avuto luogo poco dopo quel violento incidente. Non appena hanno raggiunto il villaggio di Susya, è scoppiata una grande protesta da parte dei coloni. La polizia israeliana, la polizia di frontiera e l’esercito erano nei pressi.

Nasser fa parte di un gruppo di residenti di Susya che aveva deciso che l’area non sicura dove giocavano i bambini doveva essere migliorata, poiché le attrezzature di gioco erano posate direttamente su sassi e terra. Se un bambino fosse caduto dall’altalena o dallo scivolo, si sarebbe potuto ferire. Così hanno deciso di mettere in atto, come ci ha detto, “una semplice soluzione: livellare il terreno per creare un ambiente sicuro in cui i nostri bambini possano giocare”.

Bambini palestinesi giocano nel villaggio di Susya, a sud di Hebron, prima che il parco giochi fosse rinnovato. Credito: Alex Levac

Solo due giorni dopo che i genitori avevano risanato l’area giochi, un colono accompagnato dall’esercito israeliano ha fatto irruzione nel villaggio per protestare contro il parco giochi, scattando foto per spingere l’Amministrazione Civile israeliana a demolirlo. Mentre se ne andava, il colono ha minacciato che sarebbe tornato presto per una manifestazione più numerosa, compresi “tutti” gli abitanti dell’insediamento di Susya, ha detto Nasser.

Ed è esattamente quello che è successo, proprio nel momento in cui i residenti di Susya palestinese stavano spiegando la situazione ai diplomatici, all’interno del parco giochi. È comparso un colono su un quad e ha fatto irruzione nel villaggio, guidando a tutta velocità tra le case. Poi, decine di coloni nelle loro auto, accompagnati dall’IDF, sono arrivati ​​all’ingresso del villaggio.

Hanno cominciato a dirigersi a piedi verso il parco giochi. I soldati camminavano con loro, in teoria per prevenire attacchi ai palestinesi che stavano nelle loro case. Ma tutti sapevano benissimo che, se l’unico scopo dei coloni fosse stato quello di protestare contro un parco giochi per bambini, avrebbero potuto farlo all’ingresso del villaggio. Questo chiaramente non era il loro obiettivo, e i soldati non li hanno fermati.

I coloni erano armati, protetti da soldati armati. Quando i palestinesi si sono interposti per proteggere le loro case e i loro bambini, l’esercito ha risposto spingendoli e lanciando contro di loro granate assordanti e gas lacrimogeni. Stava diventando un vero e proprio assalto al villaggio.

“I soldati ci spingevano indietro un metro dopo l’altro, e i coloni si avvicinavano alle nostre case. I diplomatici erano lì, hanno visto tutto. Vedere la violenza dei coloni con i propri occhi è diverso dall’ascoltare un racconto. In quei minuti, hanno sperimentato ciò che i palestinesi vivono ogni giorno nei loro villaggi.

“Nonostante la presenza dei diplomatici, i soldati hanno sparato granate stordenti, e dopo che se ne sono andati l’esercito ha dichiarato l’area zona militare chiusa. Se dichiari la mia casa una zona militare chiusa, dove dovrei andare io?”

Nel frattempo, decine di coloni hanno vagato per Susya e si sono arrampicati sul parco giochi costruito dai genitori palestinesi con le proprie mani per i loro figli. I coloni hanno ballato e scattato selfie, protetti da decine di soldati.

Per Nasser, quello che è successo nel suo villaggio è un microcosmo doloroso, ma perfetto, del progetto di insediamento di Israele e delle amare frustrazioni della lotta palestinese per vivere nelle proprie case sulla propria terra.

I palestinesi del villaggio di Susya in Cisgiordania affrontano i coloni ebrei dell’insediamento che ha lo stesso nome, durante la visita di una delegazione dell’UE, venerdì scorso. Credit: HAZEM BADER / AFP

“Le nostre case si trovano tra il nostro vecchio villaggio di Susya, da cui siamo stati sfrattati nel 1986 [ora un’area archeologica chiusa e un campo dell’IDF], e l’insediamento israeliano di Susya. La nostra continua presenza qui ostacola il più ampio obiettivo dei coloni di collegare entrambe le aree di terra occupata.

“La dimostrazione di violenza dei coloni non riguardava solo la questione se i nostri figli meritassero o meno un parco giochi. Era un atto di potere, un avvertimento: confischeremo altri pezzi di ciò che rimane della tua terra. Non accettiamo proprio il tuo diritto di vivere qui.”

Le politiche del governo israeliano, le tattiche dei coloni e l’imposizione con la forza da parte dell’IDF hanno un solo scopo: espellere i palestinesi dalla loro stessa terra. Ecco perché l’esercito israeliano demolisce le case palestinesi, dichiara improvvisamente “aree militari chiuse” e protegge i coloni, anche quando attaccano i palestinesi nei loro villaggi.

Soldati dell’IDF che accompagnano i coloni dell’insediamento di Susya nelle colline a sud di Hebron, in Cisgiordania, mentre entrano nel villaggio palestinese di Susya, lo scorso novembre. Credito: Omri Eran Vardi

Ed è per questo che la violenza dei coloni sta aumentando così selvaggiamente, specialmente nelle Colline a sud di Hebron: lancio di pietre, incendio dei raccolti, sradicamento di alberi, danni alle case, ferimento di bambini, un vero e proprio pogrom – un attacco di dozzine di coloni israeliani mascherati e la frattura del cranio di un bambino di tre anni. Il governo ha detto ai soldati di consentire ai coloni di “sfogarsi”.

Questo è il motivo per cui Israele fornisce infrastrutture per gli avamposti illegali, ed è per questo che il 98 percento delle richieste di pianificazione e costruzione dei palestinesi che vivono nell’Area C, sotto il pieno controllo dell’amministrazione civile israeliana, vengono respinte.

Come dovrebbero reagire i palestinesi quando il livello di violenza appare sconvolgente anche ai ministri del governo israeliano? Il parlamentare di Meretz, Mossi Raz, afferma che “la violenza dei coloni è diventata un’epidemia”, il suo collega di partito Yair Golan definisce addirittura “subumani”  i coloni che perpetrano i “pogrom” e il ministro degli esteri Yair Lapid afferma che il pogrom di Simchat Torah è stato “orribile, ed è terrorismo [che viene da]… una frangia violenta e pericolosa.”

Ma la violenza è insita nell’occupazione. Non è un fenomeno marginale. E finché Israele promuoverà gli insediamenti, i coloni si sentiranno autorizzati a tutto e godranno dell’impunità. Finché Israele rimarrà coniugato indissolubilmente con l’occupazione, l’IDF e i coloni lavoreranno in modo cooperativo e sistematico, per pulire etnicamente i palestinesi dalle loro terre.

I coloni dell’insediamento di Susya nelle colline a sud di Hebron in Cisgiordania invadono il parco giochi per bambini appartenente al villaggio palestinese di Susya, nel novembre scorso. Credito: Omri Eran Vardi

Gli attacchi dei coloni al parco giochi non sono terminati il ​​giorno della visita dei diplomatici. Sono tornati in uno Shabbat, tre settimane dopo, ancora una volta accompagnati da soldati. Hanno attaccato la recinzione intorno all’area giochi, si sono seduti sulle altalene e sullo scivolo, mentre i soldati chiudevano il cancello e spingevano via i bambini palestinesi di Susya. Potrebbe essere quasi comico se non si trattasse di bullismo armato autorizzato dallo stato.

Uno dei coloni ha inseguito con il suo cane un bambino, Ahmed. Un altro ragazzo si è rivolto ai soldati e ha detto: “Almeno lasciateci entrare a giocare come stanno facendo loro”. I soldati stavano lì, davanti ai ragazzini, pronti con le loro armi, come se si trovassero di fronte a un battaglione di militanti.

Prendere di mira i bambini con le pietre e i loro parchi giochi con sit-in violenti è una strategia deliberata. È l’uso consapevole di una punizione particolarmente crudele e insolita per il “crimine” dei palestinesi di rimanere nelle loro case e nelle loro comunità.

“È una cosa davvero terrificante”, dice Nasser, “vedere soldati che accompagnano i coloni a sabotare il parco giochi dei miei figli. Gli assalti dei coloni sono eventi regolari per noi, ma che dire dei soldati che dovrebbero garantire la sicurezza? Prendere di mira lo spazio dei nostri bambini è una cosa inquietante, brutale, invasiva, quasi oscena.

I coloni dell’insediamento di Susya nelle colline a sud di Hebron in Cisgiordania invadono il parco giochi per bambini appartenente al villaggio palestinese di Susya, a novembre scorso. Credito: Omri Eran Vardi

“Vedere questo mi fa sentire triste e spaventato per il futuro dei miei figli. Se coloro che sono incaricati di far rispettare la legge e un corretto comportamento sono complici con i colpevoli, quale futuro migliore può esserci? Quale modo ci può essere per risolvere il nostro conflitto?”

L’esperienza di Nasser e dei bambini di Susya è una chiave per comprendere tutta la situazione dei territori occupati.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett afferma che la sua ambizione è “ridurre il conflitto”. Per i palestinesi, questo significa restringere lo spazio che abbiamo per respirare, giocare e vivere sulla nostra terra, schiacciati tra espulsioni, ordini di demolizione, un’amministrazione giudiziaria e civile manovrata, un governo ideologicamente condizionato, coloni violenti e i ranghi serrati dell’IDF.

Se siamo fortunati, ci saranno osservatori internazionali, diplomatici, o qualcuno che documenterà la violazione del suo telefonino. Ma di solito, affrontiamo tutto il peso dell’occupazione israeliana da soli.

Ali Awad è un attivista per i diritti umani, laureato in letteratura inglese e scrittore, di Tuba nelle colline a sud di Hebron in Cisgiordania

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.HIGHLIGHT-why-palestinian-kids-playgrounds-are-such-prime-targets-for-israeli-settlers-1.10516297?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio