Più di 100 personaggi pubblici esortano la comunità internazionale a proteggere i difensori dei diritti umani palestinesi messi (illegalmente) fuorilegge da parte di Israele

Nov 17, 2021 | Notizie

da: Frank Barat,

già Coordinatore del Tribunale Russell per la Palestina.

Claire Foy, Mark Ruffalo, Tilda Swinton, Richard Gere, Susan Sarandon, Mark Rylance, chiedono la fine immediata degli attacchi israeliani ai gruppi palestinesi per i diritti umani.

I musicisti Laurie Anderson, David Byrne, Jarvis Cocker e Massive Attack, i registi Laura Poitras, Jim Jarmusch, Costa Gravas e Ken Loach, gli autori Philip Pullman, Naomi Klein, Irvine Welsh, Colm Tóibín e Monica Ali – sono tra dozzine di artisti di spicco che hanno firmato una dichiarazione [1, vedi sotto] che invita la comunità internazionale ad agire.

A seguito della dichiarazione congiunta,

Il musicista Peter Gabriel ha dichiarato: “… Quelli che sono abbastanza coraggiosi e impegnati a proteggere i nostri diritti umani, come sono queste sei organizzazioni [palestinesi], specialmente in situazioni difficili e pericolose, devono essere difesi”. [2]

L’autore Yanis Varoufakis ha dichiarato : “La decennale incapacità dei governi nel ritenere Israele responsabile della sua repressione verso i palestinesi ha portato a questa situazione. La comunità internazionale deve parlare e sanzionare Israele, ora”. [3] 

Il musicista Brian Eno: “Questo va oltre la crudeltà. È barbarie, barbarie…” [4]

Il regista Ken Loach: “Amnesty International e Human Rights Watch hanno ragione quando dicono che questo è ‘un attacco di Israele al movimento internazionale per i diritti umani’. Quando sarà chiamato a rispondere dei suoi crimini il governo israeliano? …” [5]  

La scrittrice Kamila Shamsie: “…Il minimo che possiamo fare è ascoltare [i palestinesi], amplificare le loro voci e, soprattutto, rifiutarci di essere complici del sistema che li opprime così crudelmente. Io #StandWithThe6 e tutti i difensori dei diritti umani”. [6]  

Lo sceneggiatore Paul Laverty (I, Daniel Blake, Looking For Eric): “Quando i governi iniziano a chiudere le organizzazioni per i diritti umani, due semplici domande risuonano nelle nostre orecchie… Cosa nascondono? Di cosa hanno paura? Le risposte sono sempre rivelatrici”. [7]

Decine di personaggi di alto profilo hanno firmato una dichiarazione in cui criticano il governo israeliano per aver inziato ciò che, secondo loro, è:

“Un attacco globale e senza precedenti ai difensori dei diritti umani palestinesi che inizia con la designazione […] di sei importanti organizzazioni palestinesi per i diritti umani come gruppi “terroristi”.

La dichiarazione prosegue avvertendo che l’ordine militare israeliano che mette fuorilegge sei delle “più eminenti” organizzazioni palestinesi nella Cisgiordania occupata:

“Mette a rischio non solo le organizzazioni stesse, ma l’intera società civile palestinese e le decine di migliaia di palestinesi che servono ogni giorno”.

Gli artisti dicono:

“Chiediamo a tutte le persone di coscienza in tutto il mondo di stare con noi. Chiediamo alla comunità internazionale di unirsi a #StandWithThe6 e di proteggere i difensori dei diritti umani palestinesi”.

  1. Il comunicato per intero :

Nelle ultime due settimane, Israele ha lanciato un attacco globale e senza precedenti contro i difensori dei diritti umani palestinesi, a partire dalla designazione, il 19 ottobre 2021, di sei importanti organizzazioni palestinesi per i diritti umani come gruppi “terroristi”. Le organizzazioni includono: Addameer Prisoner Support and Human Rights AssociationAl-Haq Law in the Service of Man (Al-Haq)Bisan Center for Research and DevelopmentDefense for Children International-Palestine (DCI-P)Union of Agricultural Comitati di lavoro (UAWC) e Union of Palestinian Women’s Committees (UPWC). Tuttavia, nonostante la condanna internazionale da parte delle Nazioni Unite, dei gruppi internazionali per i diritti umani e dei funzionari governativi, l’occupazione israeliana ha raddoppiato la sua repressione e ha emesso un ordine militare che mette al bando, del tutto, le sei organizzazioni palestinesi in Cisgiordania.      

Le designazioni prendono di mira sei dei più eminenti difensori dei diritti umani palestinesi impegnati in attività critiche per i diritti umani e coprono tutti gli aspetti della società civile nei Territori palestinesi occupati (OPT). Addameer è una delle più grandi organizzazioni che forniscono supporto legale diretto ai prigionieri politici palestinesi. Al-Haq, la più antica organizzazione per i diritti umani sia in Palestina che in Medio Oriente, documenta ampiamente il diritto umanitario internazionale e le violazioni del diritto internazionale dei diritti umani nel territorio occupato, specializzandosi in responsabilità individuale e aziendale. Il Bisan Center produce ampi rapporti di ricerca e sviluppo a sostegno delle comunità povere ed emarginate. DCI-P è un’affiliata locale di un’organizzazione internazionale per i diritti umani che lavora per proteggere i diritti dei bambini palestinesi. L’UAWC sostiene migliaia di agricoltori palestinesi e le loro famiglie nel mezzo dell’invasione e della violenza degli insediamenti illegali israeliani. L’UPWC è un’organizzazione femminista, progressista e di base che mira a dare potere alle donne palestinesi. Il lavoro vitale di queste sei organizzazioni per proteggere e potenziare i palestinesi e ritenere Israele responsabile delle sue gravi violazioni dei diritti umani e del regime di apartheid di discriminazione razziale istituzionalizzata è proprio il lavoro che Israele sta cercando di bloccare.

La designazione da parte di Israele di queste sei organizzazioni palestinesi come gruppi “terroristi” e l’ordine militare che le mette fuorilegge mettono a rischio imminente la sicurezza delle organizzazioni e del loro personale. L’ordine militare consente alle forze di occupazione israeliane di fare irruzione nei loro uffici, chiuderli con la forza, arrestare arbitrariamente il loro personale per essere processato davanti ai tribunali militari israeliani e istituire altre rappresaglie tra cui divieti di viaggio e revoca della residenza per i loro membri. La minaccia di ritorsione è reale e mette a rischio non solo le organizzazioni stesse, ma l’intera società civile palestinese e le decine di migliaia di palestinesi che esse servono ogni giorno.

A tal fine, invitiamo tutte le persone di coscienza in tutto il mondo ad unirsi a noi. Chiediamo alla comunità internazionale di schierarsi con #StandWithThe6 e di proteggere i difensori dei diritti umani palestinesi, e chiediamo che Israele revochi immediatamente le designazioni terroristiche.

Elenco completo dei 113 firmatari  

Kevin Macdonald, film director, UK

Peter Gabriel, musician, founder, Womad Festival, UK

Mike Leigh, film director, UK

Jodie Evans, film producer, USA

Robert Wyatt, musician, UK

Alfreda Benge, artist, UK

Aki Kaurismaki, film director, Finland

Liam Cunningham, actor, Ireland

Susan Sarandon, actor, USA

Ece Temelkuran, author, Turkey

Tilda Swinton, actor, UK

Jim Jarmusch, film director, USA

Laura Poitras, film director, USA

Simon Fisher Turner, musician, UK

Iciar Bollain, film director, Spain

Kleber Mendonça Filho, film director, Brasil

Julie Christie, actor, UK

Richard Gere, actor, USA

V (formerly Eve Ensler), Playwright, USA

Fisher Stevens, director, USA

Mark Ruffalo, actor, USA

Philip Pullman, author, UK

Stephen Dillane, actor, UK

Brian Eno, artist, UK

Mira Nair, film director, India

Roger Waters, musician, UK

Ken Loach, film director, UK

Paul Laverty, writer, UK

Yann Martel, author, Canada

AL Kennedy, author, UK

Naomi Klein, author, Canada

Robert Guediguian, film director, France

Asif Kapadia, film director, UK

Juliet Stevenson, actor, UK

Yanis Varoufakis, author, Greece

Peter Kosminsky, film director, UK

Titi Robin, musician, France

Etienne Balibar, philosopher, France

Harriet Walter, actor, UK

Apichatpong Weerasethakul, film director, Thailand

Bella Freud, artist, UK

David Michôd, film director, Australia

Claire Foy, actor, UK

Mark Rylance, actor, UK

Alfonso Cuaron, film director, Mexico

Thurston Moore, musician, USA

Jeremy Deller, artist, UK

Kamila Shamsie, author, UK

Monica Ali, author, UK

Eric Cantona, actor, France

Phil Manzanera, musician, UK

Laurie Anderson, artist, USA

Michèle Gavras, producer, France

Annemarie Jacir, film director, Palestine

Costa Gavras, film director, Greece

Juan Diego Botto, actor & playwright, Spain

Alberto San Juan, actor & playwright, Spain

Carlos Bardem, actor & writer, Spain

Residente (René Pérez), singer, artist, writer, film director, Puerto Rico

Irvine Welsh, author, UK

Tunde Adebimpe, musician, USA

David Byrne, musician, USA

Ohal Grietzer, musician, Israel

Tai Shani, visual artist, UK

Hany Abu-Assad, film director, Palestine

Simon Pegg, actor, UK

David Mitchell, author, UK

Jarvis Cocker, musician, UK

Leopoldo Gout, artist, USA

Julio Pérez del Campo, film director, Spain

Alain Damasio, author, France

Sidi Larbi Cherkaoui, choreographer, Belgium

Joe Sacco, comic book artist, journalist, USA

Mercè Sampietro, actor, Spain

Ian McEwan, author, UK

Colm Tóibín, author, Ireland

Elaine Mokhtefi, translator, USA

Madeleine Thien, author, Canada

Eliot Weinberger, author, USA

Sabrina Mahfouz, playwright & poet, UK

Joel Beinin, professor, USA

Omar Robert Hamilton, author, UK

John Oakes, publisher, USA

Mary Jane Nealon, poet, USA

Rachel Kushner, author, USA

Lina Meruane, author, Chile

Naomi Wallace, playwright, USA

Rashid Khalidi, author, Palestine

Ben Ehrenreich, author, USA

Adam Shatz, Writer, London Review of Books, USA

Farid Matuk, poet, USA

Michel Moushabeck, publisher, USA

Eileen Myles, poet, USA

Lila Abu-Lughod, Professor, USA

Natalie Diaz, poet, USA

Andrew Ross, New York University, USA

Zeina Azzam, poet, USA

Bernardine Dohrn, human rights advocate, USA

Molly Crabapple, author, USA

Jeffrey Sachs, University Professor at Columbia University, USA

Bruce Robbins, author, USA

Shuchi Saraswat, author, USA

James Schamus, screenwriter & producer, USA

Nancy Kricorian, writer, USA

Jacqueline Rose, author, UK

Andrew O’Hagan, author, UK

Hannah Khalil, playwright, Ireland

Ritu Menon, publisher, India

Janne Teller, author, Denmark

Nicholas Blincoe, author, UK

Rick Simonson, Bookseller, USA

Brigid Keenan, author, UK

Massive Attack, band, UK

Chipo Chung, actor, UK

Le dichiarazioni complete dei firmatari:

2. Peter Gabriel, (musicista, fondatore del Womad Festival):

“La Dichiarazione sui difensori dei diritti umani, adottata nel 1998 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, chiarisce che una potenza occupante con un vero impegno per i diritti umani “proteggerà e incoraggerà” i difensori dei diritti umani e “non li ostracizzerà, molesterà o zittirà”. Quelli che sono abbastanza coraggiosi e impegnati a proteggere i nostri diritti umani, come sono queste sei organizzazioni [palestinesi], specialmente in situazioni difficili e pericolose, devono essere difesi”.

3. Yanis Varoufakis, (autore e politico)

 “Il fallimento decennale dei governi nel ritenere Israele responsabile della sua repressione dei palestinesi ha portato a questa situazione. La comunità internazionale deve parlare e sanzionare Israele, ora”.

4. Brian Eno, (musicista e produttore)

Citazione 1

Domanda: “Abbiamo fatto esplodere le loro scuole, ospedali, strade e centri culturali, imprigionato i loro ragazzi e uomini, sparato, picchiato e torturato… cos’altro possiamo fare per rendere la vita il più insopportabile possibile per i palestinesi?”

Risposta: ‘Che ne diresti di criminalizzare tutte le organizzazioni che cercano di aiutarle a rimanere in piedi? Dovrebbe bastare…’”

Citazione 2

“Questo va oltre la crudeltà. È barbarie, barbarie. Israele è immerso nella vergogna.’

5. Ken Loach, (regista)

“Amnesty International e Human Rights Watch hanno ragione quando dicono che questo è “un attacco di Israele al movimento internazionale per i diritti umani”. Quando sarà chiamato a rispondere dei suoi crimini il governo israeliano? I leader politici non possono pretendere di sostenere lo stato di diritto e poi concludere accordi con Israele quando la sua oppressione razzista dei palestinesi è sotto gli occhi di tutti».

6. Kamila Shamsie, (romanziera, Home Fire)

“Da molti anni, scrittori, pensatori e attivisti per i diritti umani palestinesi chiedono una solidarietà significativa da parte delle persone di tutto il mondo. Il minimo che possiamo fare è ascoltare, amplificare le loro voci e, soprattutto, rifiutarci di essere complici del sistema che li opprime così crudelmente. Io sto con #StandWithThe6 e con tutti i difensori dei diritti umani”.

7. Paul Laverty, (sceneggiatore, I, Daniel BlakeLooking For Eric):

“Quando i governi iniziano a chiudere le organizzazioni per i diritti umani, due semplici domande risuonano nelle nostre orecchie… Cosa nascondono? Di cosa hanno paura? Le risposte sono sempre rivelatrici”.

8. Disponibile per interviste con i media:

Peter Kosminsky, sceneggiatore e regista (Wolf Hall, The Government Inspector) e cofirmatario, è disponibile per un’intervista. Contattare: peter@stonehengefilms.co.uk

https://news.sky.com/story/israel-hollywood-stars-sign-letter-criticising-labelling-of-palestinian-charities-as-terror-organisations-12470560?fbclid=IwAR2E6UqmgaZ-tvxXsSIYOdtXg7kIN7iO0ysSMKutylgcTpUZRy5HPEpOWyk

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

1 commento

  1. Sebastiano Comis

    Italiani assenti, come sempre. Ignoranti e codardi.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio