OPT/Israele: sei difensori dei diritti umani palestinesi hackerati con lo Spyware Pegasus di NSO Group

Nov 9, 2021 | Notizie

di Front Line Defenders,

8 novembre 2021. 

Il 19 ottobre 2021, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha annunciato la designazione di sei importanti organizzazioni della società civile palestinese nei Territori Palestinesi occupati come “organizzazioni terroristiche” ai sensi della legge antiterrorismo israeliana 2016. I gruppi nominati sono Addameer; Al-Haq; Difesa dei bambini – Palestina; Unione dei Comitati del Lavoro Agricolo; Centro di Ricerca e Sviluppo Bisan; e Unione dei Comitati delle donne palestinesi.

Questa mossa ha lo scopo non solo di criminalizzare queste organizzazioni, ma anche di tagliare i loro finanziamenti e altre forme di supporto che ricevono da partner e sostenitori internazionali. Front Line Defenders (FLD) condanna lo sforzo di Israele di criminalizzare il sostegno a difensori dei diritti umani rispettati da lunga data e alle loro organizzazioni, come è avvenuto quando altre misure del genere sono state introdotte in paesi come Russia, Egitto e Nicaragua.

Mentre quest’ultima mossa del governo israeliano fa parte di una tendenza preoccupante che mira a impedire il lavoro delle organizzazioni per i diritti umani e dei difensori dei diritti umani, i tempi e i modi della designazione suggeriscono che essa è anche uno sforzo per legittimare la sorveglianza e l’infiltrazione dei dispositivi dei difensori dei diritti umani palestinesi utilizzando lo spyware Pegasus, come è stato scoperto da un’indagine forense di Front Line Defenders (vedi la cronologia più sotto).

Il 16 ottobre 2021, Front Line Defenders è stato contattato da Al Haq, un’organizzazione per i diritti umani in Palestina, in merito al cellulare di un membro del suo personale con sede a Gerusalemme riguardo a una possibile infezione da spyware. Front Line Defenders ha immediatamente condotto un’indagine tecnica e ha scoperto che il dispositivo era stato infettato nel luglio 2020 da uno spyware venduto dal gruppo NSO con sede in Israele. Front Line Defenders ha allora indagato su altri dispositivi appartenenti a membri delle 6 organizzazioni della società civile palestinese designate da Gantz e ha scoperto che altri cinque dispositivi erano stati violati con lo stesso spyware. Front Line Defenders ha condiviso i dati raccolti con il Citizen Lab e il Security Lab di Amnesty International per una revisione indipendente. Entrambi hanno confermato, con grandi livelli di probabilità, la conclusione di Front Line Defenders che i telefoni sono stati hackerati con Pegasus.

Sequenza temporale

16 ottobre:

Front Line Defenders viene contattato da Al-Haq in merito a sospetti di hacking su un telefono.

16 ottobre

Il coordinatore della Protezione Digitale (DPC) di Front Line Defenders, Mohammad Al-Maskati inizia l’indagine forense del primo dispositivo e scopre indizi di Pegasus spyware.

16 ottobre

Front Line Defenders condivide i dati con Citizen Lab per avere una conferma dei risultati.

17 ottobre

Il DPC di Front Line Defenders si incontra successivamente con i rappresentanti delle 6                organizzazioni che sarebbero state designate di lì a poco, in una riunione organizzata da Al-Haq, per informarli dell’infiltrazione di Pegasus e per richiedere ulteriori dispositivi da indagare; anche membri di altre organizzazioni hanno contattato FLD per far scansionare anche i loro dispositivi e FLD ha contattato altri HRD palestinesi che riteneva potessero essere a rischio di questo spyware

18 ottobre

Lo Human Rights Defender (HRD) Salah Hammouri, il cui telefono era uno dei sei infiltrati da Pegasus, riferisce della decisione del ministro dell’Interno israeliano di revocare la sua residenza permanente in Gerusalemme e di deportarlo sulla base di una sua presunta “violazione della fedeltà allo Stato di Israele”.

19 ottobre

  Il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, emette un ordine esecutivo che designa le 6 Organizzazioni palestinesi per i diritti umani come “terroriste” – Designazioni n. 371 – 376.

24 ottobre

  Front Line Defenders condivide i dati dei suoi registri con Citizen Lab per confermare i risultati.

25 ottobre

  Front Line Defenders condivide i dati dei suoi registri con Citizen Lab per confermare i risultati.

26 ottobre

  Front Line Defenders condivide i dati dei suoi registri con Citizen Lab per confermare i risultati.

29 ottobre

  Front Line Defenders conferma l’infezione su 6 dispositivi.

29 ottobre

  Front Line Defenders condivide con il Laboratorio Sicurezza di Amnesty International i dati dei registri e dei file di backup dei telefoni per confermare i risultati.

1 novembre

Haaretz riferisce che le 6 organizzazioni rimangono legali in Cisgiordania, nonostante il decreto esecutivo del ministro, e che “Per  dichiarare un’organizzazione ‘associazione fuorilegge’ in Cisgiordania, il capo del Comando Centrale dell’IDF deve emettere un ordine, ma l’ufficio ha detto che tale ordine non è stato emesso” e che “Fonti della Procura di Stato hanno già ammesso che non intendono presentare atti d’accusa contro le organizzazioni o i loro lavoratori”.

2 novembre

Il ministro degli Esteri irlandese, Simon Coveney, in un’intervista al Jerusalem Post, conferma che l’Irlanda e l’Unione Europea “non hanno ricevuto dal governo israeliano prove credibili per collegare le ONG al terrorismo”.

3 novembre

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti inserisce il gruppo NSO nella sua “lista delle entità [estromesse]”, escludendo il gruppo dall’acquisto di parti e componenti da compagnie statunitensi senza una speciale licenza.

4 novembre

+972 Magazine The Intercept riferiscono che Israele sperava che un documento Shin Bet classificato di 74 pagine,1 ottenuto dai due media, avrebbe convinto i governi europei a smettere di finanziare i gruppi palestinesi per i diritti, ma questo non è riuscito per mancanza di “prove concrete”. I documenti si basano su una inattendibile testimonianza ottenuta presumibilmente con la tortura da due ex dipendenti dello Health Work Committee.2

Indagini e informazioni tecniche

Front Line Defenders ha indagato su 75 iPhone3 e ha scoperto che 6 dispositivi erano stati violati con lo spyware Pegasus di NSO Group. Citizen Lab e Security Lab di Amnesty International hanno confermato l’analisi di FLD. Tre delle vittime hanno acconsentito a essere identificate (elencate di seguito) e tre hanno voluto rimanere anonime:

  1.  Ghassan Halaika: ricercatore sul campo e difensore dei diritti umani che lavora per Al-Haq.
  2. Ubai Al-Aboudi: Direttore Esecutivo del Bisan Center for Research and Development. Ubai Al-Abdoudi ha la cittadinanza statunitense.
  3. Salah Hammouri: Avvocato e ricercatore sul campo presso l’ Addameer Prisoner Support and Human Rights Association con sede a Gerusalemme. Il 18 ottobre 2021, il difensore dei diritti umani e avvocato Salah Hammouri è stato informato della decisione del ministro dell’Interno israeliano di revocare la sua residenza permanente a Gerusalemme e di espellerlo in base alla sua presunta “violazione della fedeltà allo Stato di Israele”. Salah Hammouri è cittadino francese.

L’indagine condotta da FLD includeva:

*Una scansione dei dispositivi iPhone delle 6 organizzazioni per i diritti umani e dei difensori dei diritti umani di queste organizzazioni.

*FLD ha condiviso i dati delle sue scansioni, inclusi i risultati che indicavano lo spyware Pegasus, con Citizen Lab e Amnesty International Security Lab, ciascuno dei quali ha confermato i risultati di FLD.

FLD ha trovato tracce di procedure informatiche associate allo spyware Pegasus di NSO Group su iPhone appartenenti a sei difensori dei diritti umani:

  1. Il telefono di Ghassan Halaika ha mostrato le tracce di procedure Pegasus smmsgingd nel luglio 2020.
  2. Il telefono di Ubai Al-Aboudi ha mostrato tracce di procedure Pegasus MobileSMSd CommsCenterRootH […] e otpgrefd nel febbraio 2021.
  3. Il telefono di Salah Hammouri ha mostrato tracce di procedure Pegasus ctrlfs xpccfd nell’aprile 2021.
  4. Il telefono di Human Rights Defender 4 ha mostrato tracce di procedure Pegasus Bundpwrd nell’aprile 2021.
  5. Human Rights Defender 5 telefono ha mostrato tracce di procedure Pegasus launchrexd , gssdp launchafd com.apple.Mappit cfprefssd libtouchregd ABSCarryLog contextstoremgrd a febbraio e aprile 2021.
  6. Sei telefoni di Human Rights Defender hanno mostrato tracce di procedure di Pegasus accountpfd delnovembre 2020. 

Il Security Lab di Amnesty International ha pubblicato una ricerca che attribuisce questi nomi di procedure allo spyware Pegasus di NSO Group. Alcuni di queste procedure sono stati individuate da Citizen Lab come le stesse utilizzate contro altri difensori dei diritti umani e giornalisti in altri paesi.

Quando Pegasus è installato sul telefono di una persona, un utente malintenzionato ha accesso completo a messaggi, e-mail, contenuti multimediali, microfono, fotocamera, password, chiamate vocali su app di messaggistica, dati sulla posizione, chiamate e contatti. Lo spyware ha anche il potenziale di attivare la fotocamera e il microfono del telefono e spiare le chiamate e le attività di un individuo. In quanto tale, lo spyware consente non solo la sorveglianza dell’individuo bersaglio, ma anche di chiunque abbia contatti con lui tramite quel dispositivo. Ciò significa che, oltre a prendere di mira i palestinesi, compresi i cittadini con doppia cittadinanza, anche i non palestinesi (compresi cittadini stranieri e diplomatici) con cui queste vittime erano in contatto, compresi i cittadini israeliani, avrebbero potuto essere soggetti a questa sorveglianza, che, nel caso dei suoi cittadini, equivarrebbe a una violazione della legge israeliana.

Nel luglio 2021, un’indagine globale del Washington Post, del Guardian, di Le Monde e di altri organi di stampa ha riferito che lo spyware Pegasus è stato utilizzato per monitorare difensori dei diritti umani, giornalisti e politici in tutto il mondo. NSO Group ha smentito le notizie secondo cui lo spyware Pegasus sarebbe utilizzato nella sorveglianza di massa dei difensori dei diritti umani; secondo la società, Pegasus è destinato all’uso esclusivo da parte dell’intelligence governativa e delle forze dell’ordine per combattere il terrorismo e la criminalità. In quanto tale, la designazione israeliana di queste organizzazioni come “terroriste” dopo che Pegasus era stato rilevato, ma pochi giorni prima che questa indagine venisse segnalata, sembra essere un chiaro tentativo di coprire le sue azioni e scollegarle da qualsiasi prova usata per screditare queste organizzazioni.

Designazione di “terrorista” e “prove” screditate

La designazione di “terrorista” contro queste organizzazioni potrebbe consentire alle autorità israeliane di chiudere i loro uffici; sequestrare i loro beni, compresi i conti bancari; arrestare e incarcerare i membri del loro personale; interferire con i loro finanziamenti internazionali e le loro relazioni con i donatori; e vanificare i loro sforzi per monitorare e documentare le violazioni del governo israeliano. A parte l’impatto su queste sei organizzazioni, questa misura, prendendo di mira alcune delle organizzazioni più consolidate e rispettate, nonché quelle con un alto profilo internazionale, serve come atto di intimidazione ad altre organizzazioni palestinesi. Questa designazione dovrebbe essere vista come un assalto totale ai difensori dei diritti umani palestinesi e alla società civile, in particolare ai loro sforzi verso la resa dei conti e la giustizia.

Da anni le autorità israeliane portano avanti attacchi e campagne contro le organizzazioni palestinesi per i diritti umani e altre organizzazioni della società civile. Come documentato in un rapporto pubblicato dall’Osservatorio per la Protezione dei Difensori dei Diritti Umani nell’aprile 2021, queste pratiche si sono intensificate negli ultimi sei anni, nel contesto degli sconvolgimenti causati dall’amministrazione Trump negli Stati Uniti e dalla prevista apertura di un indagine della Corte Penale Internazionale. Il rapporto ha rilevato che le strategie messe in atto dal governo israeliano sono triplici: 1) delegittimare le voci critiche della società civile “additandole alla pubblica vergogna” ed etichettandole come “terroriste” o “antisemite”; 2) fare pressione sulle istituzioni affinché non diano spazio alle voci e ai punti di vista palestinesi che cercano rendiconti o giustizia; 3) facendo attivamente pressioni per tagliare le fonti di finanziamento alle organizzazioni palestinesi, specialmente quelle che hanno partecipato agli sforzi della società civile verso la resa dei conti. Il ricorso a campagne diffamatorie, misure intimidatorie e vessatorie, nuove leggi restrittive, vessazioni amministrative o giudiziarie e una maggiore pressione sui donatori internazionali che sostengono tali organizzazioni, tutte queste si sono dimostrate tattiche efficaci per destabilizzare le ONG e indebolire i difensori dei diritti umani.

Queste tattiche hanno preso di mira anche altri attori, comprese le principali organizzazioni sanitarie in Palestina come lo Health Work Committee, che fornisce supporto medico alle comunità vulnerabili, e i detentori di un mandato delle Nazioni Unite, che svolgono un ruolo chiave nel denunciare le violazioni israeliane.

Front Line Defenders condanna fermamente la decisione e le accuse di terrorismo portate contro queste organizzazioni palestinesi per i diritti umani in risposta al loro lavoro pacifico per i diritti. I difensori dei diritti umani non sono terroristi. Questo sviluppo segna una pericolosa espansione delle politiche e delle pratiche sistematiche di Israele volte a mettere a tacere i difensori dei diritti umani palestinesi che cercano giustizia e responsabilità per le violazioni dei diritti umani dei palestinesiQuesto attacco mette anche a rischio significativo la continuità della protezione dei bambini, i diritti delle donne, i diritti dei prigionieri e la capacità di documentare le violazioni dei diritti umani.

Raccomandazioni

Front Line Defenders invita tutte le parti interessate –stati, organismi internazionali, società e autorità preposte all’applicazione della legge– a respingere in modo chiaro e inequivocabile le accuse di terrorismo mosse contro le organizzazioni palestinesi per i diritti umani e i difensori dei diritti umani.

La comunità internazionale, compresa l’UE e i suoi Stati membri, dovrebbe rimanere fermi nel loro sostegno ai difensori dei diritti umani palestinesi condannando pubblicamente questo flagrante attacco al movimento palestinese per i diritti umani ed esortando il ministro della Difesa israeliano a revocare immediatamente la designazione delle sei organizzazioni per i diritti umani come “organizzazioni terroristiche”, chiarendo che la legislazione antiterrorismo non dovrebbe mai essere utilizzata per limitare il lavoro legittimo sui diritti umani. L’UE e i suoi Stati membri dovrebbero anche continuare a finanziare queste organizzazioni per le loro legittime attività in materia di diritti umani e rispecchiare la recente decisione degli Stati Uniti di inserire nella lista nera il gruppo NSO. Front Line Defenders chiede un’immediata moratoria globale sull’esportazione, la vendita, il trasferimento e l’uso delle tecnologie di sorveglianza fino a quando non sarà in vigore un adeguato quadro normativo sui diritti umani.

1      Questi documenti sono stati condivisi con i governi europei a partire da maggio 2021.

2      L’Health Work Committee è un’organizzazione palestinese che si occupa della salute delle donne e dei bambini. Nel marzo 2021, due dei suoi ex dipendenti sono stati arrestati da Israele: il loro impiego era stato precedentemente licenziato da l’organizzazione. L’organizzazione era stata dichiarata organizzazione “terrorista” il 22 gennaio 2020, in modo simile alla determinazione fatta sulle 6 organizzazioni in questa dichiarazione. Il 13 aprile 2021, Juana Ruiz Sanchez , una cittadina spagnola sposata con un palestinese e coordinatrice del progetto presso l’organizzazione, è stata arrestata e da allora è detenuta. Il 9 giugno, le forze israeliane hanno chiuso per 6 mesi l’ufficio del Comitato per il lavoro sanitario a Ramallah. Il 7 luglio, Shatha Odeh , direttrice dell’organizzazione, è stata arrestata a casa sua; accuse inventate sono state presentate contro di lei e lei rimane in detenzione.

3      Oltre a ispezionare gli iPhone dei membri del personale delle 6 organizzazioni designate, FLD ha anche ispezionato i telefoni di altri difensori dei diritti umani palestinesi e israeliani.

https://www.frontlinedefenders.org/en/statement-report/statement-targeting-palestinian-hrds-pegasus

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio