Le manovre di Israele per mettere a tacere i difensori della società civile palestinese

Nov 6, 2021 | Riflessioni

di Zena Agha,  

The New York Times, 5 novembre 2021. 

grafica: Antonio Russo

Il 19 ottobre, il Ministero della Difesa israeliano ha individuato sei delle più importanti organizzazioni palestinesi per i diritti umani e della società civile, utilizzando prove segrete (e finora insufficienti) per accusarle di essere organizzazioni “terroristiche” legate a un gruppo militante. Pochi giorni dopo, Israele ha approvato la costruzione di oltre 3.000 nuove unità di insediamento nella Cisgiordania occupata e ha annunciato piani per raddoppiare la popolazione ebraico-israeliana nella Valle del Giordano entro il 2026.      

L’effettiva criminalizzazione delle istituzioni palestinesi e l’espansione degli insediamenti sono due facce della stessa medaglia. L’obiettivo è chiaro: mettere a tacere il monitoraggio indipendente delle violazioni israeliane dei diritti umani, cosa che ostacola l’annessione totale della Cisgiordania occupata e la trasparenza sulla scena internazionale. Dagli anni ’90, la società civile palestinese si è attrezzata per svolgere un ruolo di denuncia e resistenza ai crimini dell’occupazione israeliana e alla corruzione sia dell’Autorità Palestinese che di Hamas. È diventata l’ultima linea di difesa. Sarà più difficile chiedere conto a Israele delle sue azioni se alcuni dei più importanti organizzatori dei diritti dei palestinesi verranno messi a tacere, indeboliti o eliminati.

I gruppi presi di mira –Al-Haq, Defense for Children International Palestine (DCIP), Union of Agricultural Work Committees, Addameer, Bisan Center for Research and Development e Union of Palestine Women’s Committees– sono i paladini della società civile palestinese. Il loro lavoro copre spazi molto vari: tra le altre cose, il DCIP mette in evidenza la detenzione e il maltrattamento di minori nel sistema giudiziario militare e Al-Haq ha fornito prove cruciali alla Corte Penale Internazionale per le sue indagini su presunti crimini di guerra perpetrati nella Cisgiordania occupata e a Gaza. Nel loro insieme, questi gruppi fanno parte di una società civile il cui mandato è rappresentare e fornire servizi ai cinque milioni o più di palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare israeliana.  

Per oltre tre decenni, la rigorosa documentazione, il monitoraggio, la raccolta di dati e il patrocinio internazionale di questi gruppi sono stati vitali per rivelare la realtà sul campo e sono spesso il primo punto di riferimento per i diplomatici, le Nazioni Unite e la più ampia comunità internazionale che si affida a loro per valutare quanto sta accadendo nei territori occupati.

Come conseguenza del lavoro di questi gruppi, le autorità israeliane hanno fatto irruzione negli uffici e molestato il personale di queste e altre organizzazioni per anni. Proprio lo scorso luglio, i soldati israeliani hanno fatto irruzione nell’ufficio del DCIP nella città di Al-Bireh in Cisgiordania, sequestrando computer, dischi rigidi e documenti relativi ai minori palestinesi detenuti che DCIP rappresenta nei tribunali militari israeliani. Quando si verificano tali incursioni, i membri del personale vengono talvolta arrestati.   

Anche gruppi internazionali per i diritti umani noti per aver documentato le violazioni israeliane dei diritti sono stati presi di mira. Nel 2019, Israele ha espulso il direttore per Israele e Palestina di Human Rights Watch, Omar Shakir, dopo una lunga battaglia legale, e nello stesso anno ha imposto un divieto di viaggio a Laith Abu Zeyad, attivista di Amnesty International per la Cisgiordania.    

Queste tattiche sono evidentemente parte di un movimento più ampio e continuativo per delegittimare, tagliare i fondi e distruggere definitivamente le ONG palestinesi. Il restringimento degli spazi della società civile palestinese è stato ben documentato. Fa parte di una campagna, guidata dal governo israeliano (con il sostegno di gruppi come ONG Monitor e UK Lawyers for Israel, che perseguono questi gruppi palestinesi in tribunale e sono stati accusati da gruppi di difesa di diffondere disinformazione), che prende di mira le organizzazioni della società civile che monitorano e resistono alle violazioni dei diritti umani da parte di Israele, inclusa la continua espansione degli insediamenti illegali.     

Questi attacchi alla società civile non si limitano alle organizzazioni che operano in Israele, Gaza e Cisgiordania. Si riversano nelle aule dei tribunali, nei campus e negli uffici governativi di tutta Europa e Nord America attraverso campagne diffamatorie, proliferazione di leggi anti-boicottaggio incostituzionali e azioni legali volte a distrarre e indebolire le ONG che forniscono solidarietà alla società civile palestinese.  

Ma perché etichettare ora questi gruppi come “terroristi”? Indubbiamente, gli Stati Uniti e l’Europa sono i destinatari di questa definizione. Sembra che l’obiettivo di Israele sia quello di utilizzare come arma quell’infrastruttura tentacolare di leggi antiterrorismo create in tutto il mondo dopo l’11 settembre, prendendo di mira i difensori dei diritti umani palestinesi con l’etichetta di “terrore” per   il loro lavoro legittimo, rendendo così le loro organizzazioni, i loro sforzi e le loro stesse persone pericolose, intoccabili e, cosa più importante, molto più difficili da finanziare.

Gli effetti completi di questa manovra restano da vedere. Nella pratica, essa apre le porte a ulteriori attacchi al personale e alle risorse di queste organizzazioni, aumentando il rischio di arresti e possibili procedimenti giudiziari. Inoltre, se la comunità internazionale è d’accordo con la definizione di Israele, queste organizzazioni potrebbero vedere la fine delle loro raccolte di fondi.

Questo momento è una testimonianza dello spirito e del continuo progresso di queste organizzazioni. Tuttavia, le sue possibili implicazioni –la minaccia per i difensori dei diritti umani palestinesi, la potenziale mancanza di controllo sulle violazioni israeliane e l’invasione continua e incontrollata della terra palestinese– preannunciano tempi più bui. Inoltre, questa persecuzione dei gruppi che monitorano gli abusi nella Cisgiordania occupata è un deliberato tentativo di distrazione dal progetto di insediamento in Cisgiordania iniziato più di 50 anni fa.

I gruppi internazionali per i diritti umani hanno rilasciato forti dichiarazioni sulla natura autoritaria e repressiva di tale misura, con richieste di revocare immediatamente la definizione di terrorismo. C’è anche già un respingimento sotto forma di una risoluzione al Congresso degli Stati Uniti. Questa è una buona cosa. Una solida società civile è una caratteristica fondamentale di una sana democrazia. Sono i regimi autoritari che la zittiscono e la reprimono.      

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (che secondo quanto riferito non è stato informato in anticipo della decisione) ha già chiesto chiarimenti e l’ufficio locale dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha invitato Israele a “rispettare pienamente i diritti alla libertà di associazione e di espressione, senza alcuna interferenza o molestia contro le organizzazioni o il loro personale”.     

Allo stesso modo, i gruppi della società civile palestinese e gli organismi internazionali per i diritti umani hanno chiesto a Israele di revocare immediatamente quel provvedimento. Chiunque sia preoccupato per la protezione delle istituzioni democratiche dovrebbe schierarsi con loro.  

Zena Agha (@Zena_Agha) è una scrittrice palestinese irachena e ricercatrice non residente presso il Middle East Institute di Washington.

Il Times si impegna a pubblicare una varietà di lettere all’editore. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate di questo o di uno qualsiasi dei nostri articoli. Ecco alcuni suggerimenti. Ed ecco la nostra email: letter@nytimes.com.    

https://www.nytimes.com/2021/11/05/opinion/israel-moves-to-silence-the-stalwarts-of-palestinian-civil-society.html?campaign_id=2&emc=edit_th_20211106&instance_id=44791&nl=todaysheadlines®i_id= 70178108&segment_id=73737&user_id=189440506a0574962c5baaf044befaca

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Ci sembra utile segnalare questo articolo per la visibilità della fonte da cui è tratto.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio