La prossima prova per Bennett: il piano USA per il consolato palestinese

Nov 10, 2021 | Riflessioni

da Agence France-Presse (AFP),  

Ynet news, 8 novembre 2021. 

Se il Primo Ministro permettesse a Washington di riaprire il consolato, rafforzerebbe le rivendicazioni palestinesi su Gerusalemme e potrebbe provocare il caos nella sua coalizione di otto partiti, che va dai nazionalisti ebrei di destra alle fazioni arabe e di estrema sinistra

Il primo ministro Naftali Bennett e gli attivisti di destra a Gerusalemme Photo: EPA, AFP

Appena uscito da un accordo di bilancio che ha messo alla prova la sua fragile coalizione, il primo ministro Naftali Bennett affronta un nuovo mal di testa: gli Stati Uniti prevedono di riaprire un consolato per i palestinesi a Gerusalemme.

Il problema è che ciò rappresenterebbe una dinamite politica per la coalizione di Bennett fatta di otto partiti, che abbraccia un arco politico che va dai nazionalisti ebrei di destra ai partiti pacifisti e ai legislatori arabo-israeliani.

Se Bennett permettesse allo stretto alleato di Israele, Washington, di portare avanti il ​​piano del consolato, ciò rafforzerebbe le rivendicazioni palestinesi sulla contesa Città Santa, una posizione che allontanerebbe i suoi alleati di destra.

Mentre Israele considera Gerusalemme come la sua “capitale indivisa”, i palestinesi rivendicano la metà orientale della città come capitale del loro futuro stato. L’improbabile coalizione di governo che ora governa Israele è stata costituita a giugno con l’unico scopo di estromettere l’allora premier Benjamin Netanyahu.

Sembra che abbia superato la prova fino ad ora più dura, tenendo insieme la maggioranza nel complesso compito di concordare i bilanci statali per questo e per il prossimo anno. Dopo aver superato questo esame, si pensa, Washington potrebbe ora considerarlo pronto ad affrontare un’altra questione difficile: l’impegno del presidente Joe Biden a riprendere ufficialmente la diplomazia palestinese a partire da Gerusalemme.


La città di Gerusalemme Photo: AFP

Sabato, un giorno dopo che la Knesset aveva approvato i bilanci statali 2021 e 2022 in una sessione da maratona, Bennett ha incontrato i giornalisti per affrontare a testa alta la prossima spinosa questione.

“Non c’è spazio per un altro consolato americano a Gerusalemme”, ha detto ai giornalisti il ​​leader di destra. “Noi presentiamo sempre la nostra posizione con calma, senza drammi”.

Il ministro degli Esteri Yair Lapid nello stesso incontro con la stampa ha suggerito agli Stati Uniti di aprire invece la loro missione nella capitale della Cisgiordania occupata da Israele, dove ha sede l’Autorità palestinese (AP). “Se gli americani vogliono aprire un ufficio a Ramallah”, ha detto Lapid, “non abbiamo problemi”.

La maggior parte delle ambasciate straniere in Israele si trova a Tel Aviv. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018 ha deliziato il suo alleato di destra Netanyahu e molti israeliani quando ha trasferito l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, facendo infuriare i palestinesi.

All’epoca ha anche chiuso il consolato palestinese a Gerusalemme, guadagnandosi gli applausi degli israeliani che hanno visto il gesto come un’affermazione che i palestinesi non avevano alcun diritto politico sulla città.

Il primo ministro Naftali Bennett e il ministro degli esteri Yair Lapid  Photo: Mark Israel Sale

I diplomatici statunitensi responsabili degli affari palestinesi continuano a lavorare in un ufficio a Gerusalemme Ovest. Ma, in base a una proposta dell’amministrazione Biden, quell’ufficio dovrebbe essere ricostituito come missione indipendente per i palestinesi. Potrebbe anche essere riaperto un ufficio separato per i servizi consolari a Gerusalemme Est.

Un alto funzionario palestinese, parlando in condizioni di anonimato, ha affermato che l’AP si aspettava un annuncio favorevole in tal senso entro il primo anno di Biden.

“Ci è stato detto dagli americani che riapriranno il loro consolato a Gerusalemme Est e ci aspettiamo che ciò avvenga prima o poi”, ha detto il funzionario.

“È molto importante perché è un riconoscimento di Gerusalemme Est come capitale dello stato di Palestina”. Il ripristino di un consolato palestinese è “l’unica cosa su cui gli americani si sono impegnati, nell’ottica di invertire l’operato di Trump”, ha affermato Daniel Levy, presidente del progetto U.S. Middle East, un gruppo di esperti con sede a New York.

“Ma non credo che abbiano fretta di andare avanti. Non solo perché questa amministrazione ha tolto questo problema dalle sue priorità, ma anche perché non vuole che ci sia una lotta su questo tema”, ha detto.

Lo stallo arriva inoltre in un momento in cui il sostegno all’Autorità Palestinese, secondo i sondaggi, è ai minimi storici tra i palestinesi in seguito alla morte dell’importante attivista per i diritti Nizar Banat mentre era in custodia dell’Autorità Palestinese.

Mentre il falco Bennett si oppone allo stato palestinese e sostiene l’espansione degli insediamenti ebraici in Cisgiordania, il suo governo ha compiuto una serie di iniziative politiche presso l’Autorità Palestinese e si è impegnato a migliorare le condizioni economiche nel territorio.

Nuove case nella colonia ebraica di Bruchin in Cisgiordania, vicino alla città palestinese di Nablus Photo: AP

Dopo che Israele ha ripreso la cooperazione ad alto livello con l’AP, e mentre l’AP è alle prese con problemi di credibilità, Levy si è chiesto se il consolato sia “davvero il problema per cui gli americani vogliono combattere una grande battaglia”.

Yoav Fromer, capo del Centro per gli studi degli Stati Uniti presso l’Università di Tel Aviv, ha affermato che la posizione di Bennett ha un ampio sostegno tra gli israeliani.

“Non vogliono che gli Stati Uniti provino a riportare indietro l’orologio”, ha detto. “Vogliono capitalizzare le conquiste diplomatiche che hanno ottenuto sotto Trump”.

Fromer ha anche stimato che gli Stati Uniti mirerebbero a evitare un grande scontro con Israele. “Questa non è la battaglia giusta per questa amministrazione in questo momento, hanno già abbastanza problemi”, ha detto. “Gli Stati Uniti troveranno altri modi per coinvolgere nuovamente i palestinesi, in primo luogo attraverso i soldi”.

https://www.ynetnews.com/article/h1n2hiivy

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio