I democratici USA hanno un cordiale incontro con il ministro israeliano di destra che sta cercando di mettere al bando i gruppi palestinesi per i diritti umani

Nov 22, 2021 | Notizie

di Philip Weiss,

Mondoweiss, 16 novembre 2021. 

Perché i democratici Chris Coons e Steve Cohen si incontrano con Benny Gantz che cerca di mettere al bando i principali gruppi palestinesi per i diritti umani definendoli gruppi “terroristici”? Perché non vogliono essere dalla parte sbagliata della lobby pro-Israele.

e Israele. Steve Cohen è il secondo da sinistra con il berretto da baseball. Steny Hoyer, Robert Casey e Ben Cardin affiancano il ministro.

In ottobre il ministro della difesa israeliano, Benny Gantz, ha scioccato la comunità sionista liberale americana designando sei importanti gruppi palestinesi per i diritti umani come “terroristi”. Queste organizzazioni esistono da decenni e ricevono finanziamenti dai governi europei, ma hanno attirato l’ira del governo israeliano per aver aiutato le indagini della Corte Penale internazionale (CPI) sui crimini di guerra di Israele, commessi anche dallo stesso Gantz, che si è vantato di bombardare Gaza fino a ridurla all'”età della pietra”.

La risposta al bando di Gantz è stata categorica. I governi europei hanno detto che non ci sono prove a sostegno del provvedimento. Le organizzazioni stesse hanno detto che si tratta di un’azione mendace e autoritaria. Un avvocato israeliano per i diritti umani ha detto ad Americans for Peace Now che la designazione è un “atto di tirannia”, e anche J Street ha rilasciato una dichiarazione che chiama la designazione sbagliata e “profondamente repressiva” ed esorta l’amministrazione Biden a chiedere che sia revocata.

Il Dipartimento di Stato ha espresso preoccupazione per la designazione, ma poi non ha avuto nulla da dire. Anche se i parlamentari Betty McCollum, Rashida Tlaib, Ilhan Omar, Ayanna Pressley, Jim McGovern e altri hanno chiesto che gli Stati Uniti denuncino la mossa di Israele.

E nel bel mezzo di questo odioso scandalo cosa succede? Un gruppo di membri del Congresso va in Israele e incontra Benny Gantz. Gantz pubblica alcune fotografie dei suoi incontri, la maggior parte dei quali con i democratici. Come una delegazione bipartisan guidata dal senatore del Delaware Chris Coons, il 10 novembre; Gantz ha detto che hanno “discusso questioni di sicurezza globale e regionale, cooperazione nella difesa e opportunità per far progredire la pace”.

Incontro di Gantz con una delegazione bipartisan del Congresso, il 10 novembre 2021. “Ho avuto un eccellente incontro con una delegazione bipartisan di membri del Congresso guidata dal senatore Chris Coons. Abbiamo discusso di questioni di sicurezza globale e regionale, di cooperazione nella difesa e di opportunità per far progredire la pace”.

E ci sono queste due foto del 9 novembre, una allegra e una seria, di un gruppo bipartisan che comprendeva il leader della maggioranza Steny Hoyer, i senatori Ben Cardin, Bob Casey e Rob Portman, e il rappresentante democratico Steve Cohen del Tennessee. Gantz ha commentato:

Sono stato onorato di incontrare una delegazione bipartisan di membri del Congresso USA guidata dal leader Hoyer e dal senatore Cardin. Abbiamo discusso le sfide più pressanti della regione, a partire dall’Iran con sua influenza destabilizzante. Abbiamo anche ribadito il legame incrollabile tra gli Stati Uniti e Israele.

Gantz ha postato questa foto del suo incontro su Twitter. In mezzo ci sono il senatore Cardin (con maschera nera), il deputato Cohen (cappello da baseball) e il senatore Portman (alla sinistra di Cohen).

Dovrebbe essere ovvio che nessuno di questi membri del Congresso dovrebbe fare foto con un leader autoritario di destra che sta prendendo di mira i gruppi per i diritti umani, su base razziale.

L’apparizione di Steve Cohen è la più inquietante qui. Cohen è un habitué di J Street, e non dovrebbe essere così ingenuo da mostrarsi sorridendo con un uomo che secondo J Street ha iniziato un’azione “profondamente repressiva” contro i gruppi per i diritti umani, un uomo che si è vantato di bombardare Gaza fino a ridurla all’età della pietra.

Ho contattato sia Cohen che J Street per chiedere se avevano da fare qualche commento sull’incontro; nessuno dei due ha risposto.

Per me è chiaro perché questi politici democratici si incontrano con un israeliano di destra e si presentano come sostegni della sua agenda intollerante. Perché alla lobby israeliana piace che i politici statunitensi si rivolgano ai leader israeliani, e i democratici vogliono stare dalla parte giusta della Democratic Majority for Israel, che può raccogliere molti soldi per colpire quelli che criticano Israele. È semplicemente per questo. Ecco perché Steny Hoyer sta sorridendo nella foto. E sicuramente ciò spiega la riluttanza dell’amministrazione Biden a fare qualcosa per opporsi alla designazione di Gantz. Quando c’è di mezzo Israele, tutti i moralismi statunitensi sui diritti umani vanno a farsi benedire.

È interessante notare che non ho potuto trovare alcun post sui social media di Cohen –o di Coons, Hoyer, o Casey– che pubblicizzi il loro incontro con Gantz. Questo è sicuramente perché ai democratici di rango non piacciono i leader israeliani di destra che vanno contro i gruppi per i diritti umani. Cohen ha twittato una foto del suo incontro con il presidente israeliano Isaac Herzog.

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio