Estinguere la ricchezza estrema: è l’unico modo per evitare il collasso climatico

Nov 15, 2021 | Notizie

‘A superyacht, kept on permanent standby, as some billionaires’ boats are, generates around 7,000 tonnes of CO2 a year.’ Photograph: Valéry Hache/AFP/Getty Images

OpinioneCrisi climatica
https://www.theguardian.com/commentisfree/2021/nov/10/extreme-wealth-polluting-climate-breakdown-rich

Assecondare i ricchi ci ha messo in questo pasticcio. La correlazione tra ricchezza e comportamento inquinante non potrebbe essere più chiara

La maggior parte delle nostre disfunzioni sono causate dall’assecondare i ricchi. Il modo in cui i governi hanno permesso che la democrazia fosse erosa dai lobbisti (compresi i politici con interessi privati ​​lucrativi); la deregolamentazione che consente a corporazioni, oligarchi e proprietari terrieri di spremere i loro lavoratori e inquilini, per poi scaricare i loro costi sulla società; l’ambiente permissivo per il profitto durante la pandemia; il degrado della sanità, dell’istruzione e di altri servizi pubblici a causa della spinta costante verso la privatizzazione: tutti questi sono sintomi della stessa condizione.
Lo stesso vale per la peggiore delle nostre difficoltà: la distruzione dei nostri sistemi di supporto vitale. I ricchissimi si arrogano la parte del leone nello spazio planetario da cui tutti dipendiamo. È difficile capire perché tolleriamo questo attacco ai nostri interessi comuni.


L’1% più ricco della popolazione mondiale (quelli che guadagnano più di $ 172.000 all’anno) produce il 15% delle emissioni mondiali di carbonio: il doppio dell’impatto combinato del 50% più povero. In media, emettono oltre 70 tonnellate di anidride carbonica a persona ogni anno, 30 volte di più di quanto possiamo permetterci di rilasciare se non vogliamo superare 1,5°C di riscaldamento globale. Mentre le emissioni delle classi medie mondiali sono previste in forte calo nel prossimo decennio, grazie alla generale decarbonizzazione delle nostre economie, la quantità prodotta dai più ricchi difficilmente diminuirà del tutto: in altre parole, saranno responsabili di un una quota ancora maggiore della CO2 totale. Diventare buoni cittadini globali significherebbe ridurre il loro consumo di carbonio in media del 97%.
Anche se il 90% della popolazione non producesse affatto carbonio, le emissioni previste del 10% più ricco (quelli che guadagnano più di $ 55.000) nei prossimi nove anni utilizzerebbero quasi l’intero budget globale. La disparità nell’impatto ambientale rispecchia la disuguaglianza di una nazione. Non c’è da stupirsi che le persone benestanti delle nazioni ricche siano così desiderose di cercare di scaricare la colpa sulla Cina o sui tassi di natalità di altre persone: a volte sembra che proveranno di tutto prima di occuparsi dei propri effetti.


Una recente analisi degli stili di vita di 20 miliardari ha scoperto che ciascuno ha prodotto una media di oltre 8.000 tonnellate di anidride carbonica: 3.500 volte la loro quota equa in un mondo impegnato a non più di 1,5°C di riscaldamento. Le cause principali sono i loro jet e yacht. Un superyacht da solo, tenuto in standby permanente, come lo sono alcune barche di miliardari, genera circa 7.000 tonnellate di CO2 all’anno.
Bill Gates, che si è posizionato come un campione del clima, non possiede uno yacht. Anche così, ha un’impronta stimata 3000 volte più grande di quella del buon cittadino globale, in gran parte grazie alla sua collezione di jet ed elicotteri. Afferma di “comprare carburante verde per l’aviazione”, ma non esiste una cosa del genere. I biocarburanti per i jet, se ampiamente utilizzati, innescherebbero una catastrofe ambientale, poiché è necessario così tanto materiale vegetale per alimentare un singolo volo. Ciò significa che le colture o le piantagioni devono sostituire la produzione alimentare o gli ecosistemi selvaggi. Al momento non sono disponibili altri carburanti “verdi” per l’aviazione.
Gates cerca di risolvere tali conflitti acquistando compensazioni di carbonio. Ma tutte le opportunità disponibili per assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera sono ora necessarie per ridurre l’impatto dell’umanità nel suo insieme. Perché dovrebbero essere catturati da coloro che vogliono continuare a vivere come imperatori?
Ci viene spesso detto dai frequent flyer che dovremmo trascurare gli impatti climatici dell’aviazione, poiché ammontano a “solo una piccola percentuale”. Ma l’unico motivo per cui rimangono relativamente bassi è che il volo è altamente concentrato. Il volo rappresenta la maggior parte delle emissioni di gas serra dei super ricchi, motivo per cui l’1% più ricco genera circa la metà delle emissioni dell’aviazione mondiale. Se tutti vivessero come vivono, l’aviazione sarebbe la più grande di tutte le cause del crollo climatico.
Ma la loro avidità di carbonio non conosce limiti: alcuni dei super-ricchi ora sperano di viaggiare nello spazio, il che significa che ciascuno di loro produrrebbe tanta anidride carbonica in 10 minuti quanta ne emettono 30 umani medi in un anno. I ricchissimi pretendono di essere creatori di ricchezza. Ma in termini ecologici, non creano ricchezza. Lo prendono da tutti gli altri.


Un sacco di soldi ora compra tutto: anche l’accesso agli incontri che dovrebbero affrontare queste disfunzioni. Secondo alcuni, Cop26 è il più esclusivo di tutti i vertici sul clima. I delegati delle nazioni povere sono stati ostacolati da una crudele combinazione di requisiti per i visti bizantini, promesse non mantenute di rendere disponibili i vaccini Covid e costi folli degli alloggi, grazie ai fallimenti del governo nel limitare i prezzi locali o nel rendere disponibili le camere. Anche quando i delegati delle nazioni più povere riescono a scalare questi muri, spesso si trovano esclusi dalle aree di negoziazione, e quindi incapaci di influenzare i colloqui.
Al contrario, è stato concesso l’accesso a più di 500 lobbisti dei combustibili fossili, più delle delegazioni combinate di otto nazioni che sono già state devastate dalla crisi climatica: Pakistan, Bangladesh, Filippine, Mozambico, Myanmar, Haiti, Puerto Rico e le Bahamas. I colpevoli vengono ascoltati, le vittime escluse.


C’è un assioma spesso citato, la cui paternità è oscura: è più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo. Parte del motivo è che il capitalismo stesso è difficile da immaginare. La maggior parte delle persone fa fatica a definirlo e i suoi sostenitori sono generalmente riusciti a mascherare la sua vera natura. Cominciamo quindi immaginando qualcosa di più facile da comprendere: la fine della ricchezza concentrata. La nostra sopravvivenza dipende da questo.
Sono arrivato a credere che la più importante di tutte le misure ambientali siano le tasse sul patrimonio. Prevenire il collasso ambientale sistemico significa portare all’estinzione la ricchezza estrema. Non è l’umanità nel suo insieme che il pianeta non può permettersi. È l’ultra-ricco.


George Monbiot è un editorialista del Guardian

Traduzione a cura di Assopace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio