Perché Israele chiama “terrorismo” i diritti umani

Ott 30, 2021 | Riflessioni

di Raja Shehadeh,

The New York Review, 27 ottobre 2021. 

Con una mossa ampiamente condannata, il governo israeliano ha bandito il gruppo che ho fondato. Così si assicura l’impunità per le sue politiche illegali di occupazione.

Un colono ebreo armato di una mitragliatrice Uzi osserva l’inizio della costruzione di un insediamento illegale su un terreno confiscato da Israele ai palestinesi. Talmon, vicino a Ramallah, Cisgiordania, 23 marzo 1989. Maggie Ayalon/GPO tramite Getty Images

Nota dell’editore della New York Review

Il 16 ottobre abbiamo parlato con Raja Shehadeh del suo lavoro come scrittore, come avvocato e fondatore, nel 1979, di Al-Haq, che presto è diventato il principale gruppo di monitoraggio dei diritti umani in Palestina.

“Il mio mondo di Ramallah, con la sua vicinanza alle colline, si stava trasformando inesorabilmente in un modo che mi sconcertava e mi spaventava”, ci ha detto. “I cambiamenti avvenuti tramite l’acquisizione di terre da parte dell’esercito israeliano, utilizzando vari stratagemmi legali spuri e sostituendo i nomi del territorio, delle città e dei villaggi con nomi ebraici, nonché i cambiamenti nella narrativa che hanno accompagnato il processo, sono stati tutti preceduti da modifiche avvenute nelle leggi locali.”

“Il mio progetto era di fare la cronaca di questi cambiamenti dal punto divista legale e mettere in guardia contro le loro conseguenze. Mi sono dedicato a questo progetto con la speranza di sensibilizzare le persone ed esercitare pressioni per fermare la colonizzazione israeliana della nostra terra”.

Quel progetto quarantennale di mettere in luce le responsabilità legali è stato interdetto la scorsa settimana quando, il 22 ottobre, il governo israeliano ha dichiarato Al-Haq e altre cinque ONG “organizzazioni terroristiche”, mettendole effettivamente al bando. Shehadeh ha scritto per noi la seguente risposta a quella dichiarazione.

Nel 1978 sono tornato a Ramallah dai miei studi legali a Londra, pieno di idee sull’importanza dello stato di diritto e sulle possibilità di resistere all’occupazione israeliana utilizzando il diritto internazionale. L’anno successivo, io e due colleghi, un laureato a Yale di nome Charles Shammas e l’avvocato americano Jonathan Kuttab, abbiamo fondato un’organizzazione che abbiamo chiamato Al-Haq (arabo per La Destra) affiliata alla Commissione Internazionale dei Giuristi (ICJ) di Ginevra. È stato uno dei primi gruppi per i diritti umani nel mondo arabo e il primo e unico del suo genere nei territori occupati da Israele.

La prima attività importante di Al-Haq è stata quella di documentare i vasti cambiamenti nelle leggi locali della Cisgiordania occupata, imposti dagli ordini militari israeliani. Questi cambiamenti, in violazione del diritto internazionale, sono stati progettati per consentire a Israele di compiere acquisizioni illegali di terreni per la costruzione di insediamenti israeliani illegali. In uno studio che io e Jonathan abbiamo scritto, intitolato The West Bank and the Rule of Law, pubblicato congiuntamente nel 1980 da Al-Haq e dall’ICJ, abbiamo sottolineato che quegli ordini militari erano stati nascosti alla vista del pubblico. Che Israele stesse quindi usando una legislazione segreta per violare il diritto internazionale era motivo di imbarazzo nazionale, sebbene fosse negato dal governo e inizialmente contestato da un certo numero di giornalisti israeliani. Dopo aver studiato la questione, questi giornalisti si sono resi conto che non avevamo esagerato e che quegli ordini, in effetti, non erano stati pubblicati.

Durante i più di quarant’anni dalla sua fondazione, Al-Haq ha continuato a servire gli obiettivi per cui era stata istituita: documentare e resistere attraverso la legge alle violazioni israeliane dei diritti umani, compreso il maltrattamento dei prigionieri, lo sfruttamento economico delle risorse naturali dei Territori Occupati e la costruzione di insediamenti illegali. Dopo l’istituzione dell’Autorità Palestinese in seguito agli Accordi di Oslo del 1993-1995, il monitoraggio delle violazioni da parte di Al-Haq si è esteso a quelle commesse dall’Autorità Palestinese, alla quale Israele aveva trasferito alcuni poteri civili. Grazie a questo record di impegno imparziale nei confronti della legge, Al-Haq è diventata una risorsa affidabile per numerose organizzazioni internazionali per i diritti umani, nonché per le Nazioni Unite e i governi di tutto il mondo.

Il governo israeliano ha cercato con insistenza di screditare Al-Haq e il suo lavoro. Fin dai nostri primi giorni, i suoi funzionari hanno tentato di diffamare Al-Haq definendolo una copertura per l’allora illegale Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP); ora hanno etichettato Al-Haq come un ramo di una delle fazioni più radicali dell’OLP, il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Entrambe sono accuse assurde. Tuttavia, negli anni dal 1979 al 1993, quando ho agito come co-direttore di Al-Haq, ho passato molte notti insonni a preoccuparmi di quali potessero essere le rappresaglie israeliane per i nostri rapporti espliciti e schiaccianti sull’occupazione.

Oltre a fare del loro meglio per screditare i nostri rapporti sui diritti umani, le autorità israeliane mi hanno spesso chiamato per interrogarmi sul mio coinvolgimento in Al-Haq e hanno fatto pressioni su mio padre, anche lui avvocato, perché mi convincesse a dimettermi dal mio incarico. Nel frattempo, i nostri operatori sul campo sono stati molestati, membri del personale sono stati detenuti e ad altri collaboratori è stato impedito di viaggiare. Eppure, durante la re-invasione della Cisgiordania del 2002, quando l’esercito israeliano ha distrutto numerosi uffici di ONG, oltre a quelli della stessa Autorità Palestinese a Ramallah, Al-Haq è stato risparmiato. Il governo non si era mai affidato al suo senso di totale impunità da designare Al-Haq come “organizzazione terroristica” –fino ad ora.

Il 22 ottobre ero in vacanza a Edimburgo, in Scozia, quando ho sentito questa notizia scioccante: che il ministro della Difesa israeliano e vice primo ministro, Benny Gantz, aveva emesso un ordine in cui si dichiara che Al-Haq e altre cinque ONG palestinesi sono organizzazioni terroristiche. Le implicazioni di questo atto sono devastanti.

È probabile che l’ordine del governo sia seguito da un ordine del comandante militare israeliano in Cisgiordania di aggiungere Al-Haq all’elenco delle organizzazioni vietate ai sensi dei Regolamenti di Difesa (Emergenza) del mandato britannico del 1945, che rimangono in vigore nella Cisgiordania occupata. Con questa classificazione, chiunque lavori o fornisca servizi per Al-Haq, o anche solo esprima il suo sostegno, sarà soggetto all’arresto con l’accusa di terrorismo. Tutti i beni finanziari dell’organizzazione saranno confiscati e le banche israeliane impediranno il trasferimento di qualsiasi finanziamento.

In altre parole, verrà completamente neutralizzata questa importante organizzazione per i diritti umani che, col suo lavoro legale, ha svolto nel corso degli anni un ruolo così vitale nel fornire informazioni sulle violazioni legali israeliane e nell’utilizzare gli strumenti legali per resistere a tali trasgressioni contro gli abitanti palestinesi dei Territori Occupati, che godono di protezione secondo il diritto internazionale.

L’ordine di Gantz ha avuto forti reazioni in Israele e all’estero. Human Rights Watch e Amnesty International, che lavorano entrambe a stretto contatto con Al-Haq, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta definendo l’azione israeliana una “decisione spaventosa e ingiusta” e descrivendola come “un attacco del governo israeliano al movimento internazionale per i diritti umani.” In un editoriale del 24 ottobre, il principale quotidiano israeliano Haaretz lo ha condannato come “una macchia su Israele”, aggiungendo:

“Il significato letterale è chiaro: ogni resistenza all’occupazione è terrore. Israele sta minando la distinzione tra lotta legittima e illegittima. Questo è un vantaggio per le organizzazioni terroristiche e per l’uso della violenza. Se tutte le forme di resistenza costituiscono terrore, come si può resistere all’occupazione senza essere terroristi?”

Tali critiche costringeranno Gantz a revocare l’ordine? Questo è altamente improbabile. Per il momento, finché la questione è sotto gli occhi dell’opinione pubblica, il governo può astenersi dall’avvalersene o dal fare qualche rappresaglia contro Al-Haq e i suoi dipendenti. Ma questa sarà solo una tregua temporanea. Le forze di difesa israeliane, che hanno il pieno controllo della Cisgiordania, useranno sicuramente l’ordine e le sue potenzialità per colpire Al-Haq, come fanno contro qualsiasi altro gruppo etichettato come “terrorista”.

Perché proprio adesso, ci si potrebbe chiedere. La risposta più probabile è il fatto che Al-Haq ha recentemente dato un forte sostegno alla Corte Penale Internazionale (CPI) fornendo prove per le sue indagini sui crimini di guerra commessi da Israele durante la guerra di Gaza del 2014. (La CPI sta anche studiando accuse contro il gruppo militante palestinese Hamas per crimini di guerra in quello stesso conflitto.) Tra i candidati che potrebbero essere nominati in tale atto d’accusa ci sarebbe lo stesso Gantz, che all’epoca era comandante in capo dell’esercito israeliano.

Questo sottolinea quanto sia importante che la Corte Penale Internazionale riesca nei suoi sforzi per chiedere conto a Israele delle sue azioni e quanto sia importante frustrare gli sforzi del governo degli Stati Uniti di ostacolare il lavoro della CPI per assicurare alla giustizia qualsiasi funzionario israeliano che abbia commesso crimini di guerra. La percezione del governo israeliano di essere immune da tali procedimenti giudiziari lo ha incoraggiato a continuare a infrangere il diritto internazionale nel corso degli anni, come dimostra quest’ultimo ordine contro Al-Haq.

Shehadeh legge dal suo libro Palestine Walks durante un’escursione organizzata dal Palestine Festival of Literature, vicino a Ramallah, Cisgiordania, 5 giugno 2014. Rob Stothard/Getty Images

Sono sempre stato orgoglioso di Al-Haq e del mio lavoro per contribuire a fondare l’organizzazione e a salvaguardare la sua credibilità internazionale. Il mio orgoglio non sarà sminuito da questa dichiarazione di entità terroristica. Né io, residente a Ramallah da una vita, cesserò di sostenere Al-Haq, quali che siano le conseguenze.

Raja Shehadeh è uno dei fondatori del gruppo per i diritti umani Al-Haq, affiliato alla Commissione Internazionale dei Giuristi. Il suo ultimo libro, Going Home: A Walk Through Fifty Years of Occupation, è stato pubblicato nel 2019; il suo prossimo, We Could Have been Friends, My Father and I, è previsto per il 2022.

Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio