Le foto rivelano il brutale trattamento israeliano di attivisti e agricoltori durante la raccolta delle olive

Ott 14, 2021 | Notizie

di Yumna Patel,

Mondoweiss, 13 ottobre 2021.       

Attivisti e agricoltori locali hanno affermato che l’attivista palestinese Mohammed al-Khatib è stato violentemente picchiato, preso a calci e pugni in faccia dai soldati israeliani prima di essere gettato a terra e trascinato attraverso il terreno accidentato prima di essere calpestato, e infine bendato e portato in carcere. 

Soldati israeliani impediscono l’accesso agli oliveti ai locali e agli attivisti durante la stagione del raccolto a Salfit, Cisgiordania, 11 ottobre 2021. La terra palestinese alla periferia della città di Salfit è stata annessa nell’ultimo anno a un nuovo avamposto ebraico, nonostante che i palestinesi possiedano gli atti di proprietà per quella terra. Durante un tentativo dei palestinesi di oltrepassare la linea bianca che delimita una zona militare chiusa istituita nelle piantagioni, l’esercito ha usato granate stordenti e arrestato tre attivisti. (Foto di Matan Golan/Sipa USA)

La foto di un soldato israeliano armato, circondato da dozzine di suoi commilitoni, in piedi sulla schiena di un uomo palestinese sdraiato a faccia in giù, è diventata virale sui social media palestinesi questa settimana. 

La foto è stata scattata durante una brutale repressione israeliana sugli attivisti che tentavano di scortare un gruppo di agricoltori palestinesi nella loro terra per raccogliere le olive nell’area di al-Ras a ovest di Salfit, nel nord della Cisgiordania occupata. 

Attivisti e contadini locali che erano sul posto hanno detto a Mondoweiss che l’uomo nella foto, l’attivista palestinese Mohammed al-Khatib, è stato violentemente picchiato, preso a calci e pugni in faccia dai soldati israeliani prima di essere gettato a terra e trascinato attraverso il terreno accidentato prima di essere calpestato, e alla fine bendato e preso in custodia. 

Mohammed al-Khatib preso a pugni da un soldato

“I soldati ci hanno attaccati tutti in modo estremamente aggressivo”, ha detto a Mondoweiss Munther Amira, un attivista palestinese del Comitato di Resistenza Popolare in Cisgiordania, che era sul posto lunedì. 

“Abbiamo cercato di ragionare con loro e di dire che stavamo solo cercando di aiutare i contadini a raggiungere la loro terra in modo che potessero raccogliere le olive, ma si sono rifiutati di ascoltarci”, ha detto Amira. 

Secondo Amira, al-Khatib è stato uno dei numerosi attivisti che hanno tentato di superare i soldati e arrivare agli uliveti nelle vicinanze. Quando lo ha fatto, i soldati hanno attaccato.

“Hanno iniziato ad aggredire persone ovunque, lanciando gas lacrimogeni e picchiando chiunque cercasse di avvicinarsi agli uliveti”, ha raccontato, osservando che anche due attivisti israeliani sono stati arrestati nel frattempo e anche un giornalista palestinese è stato picchiato. 

“Le foto parlano da sole e dicono tutto ciò che si deve sapere”, ha detto Amira, aggiungendo che quando lui e altri attivisti hanno cercato di intervenire e aiutare al-Khatib, sono stati anche loro picchiati e maltrattati. 

Mercoledì pomeriggio, al-Khatib e gli altri attivisti sono stati rilasciati, ma i contadini di Salfit non erano ancora riusciti ad accedere alle loro terre. 

“Fa tutto parte delle tattiche di intimidazione dell’occupazione, per impedire agli agricoltori di tornare nella zona e raccogliere le olive”, ha detto Amira. “Ma non abbandoneremo i contadini, perché questa è terra palestinese e ci appartiene”.

“La stagione della raccolta delle olive è un momento benedetto per i palestinesi. Ma per i coloni e i soldati è un momento di distruzione, sangue e violenza”.

Coloni dentro, palestinesi fuori

Per generazioni la gente di Salfit ha goduto di al-Ras, un’area montuosa alla periferia occidentale della città, per i suoi uliveti ondulati e le viste sulla costa mediterranea appena oltre il muro. 

Il dottor Dheeb Shtayyeh, professore universitario e agricoltore di Salfit, ha detto a Mondoweiss che lui e la sua famiglia utilizzano la terra di al-Ras da generazioni.  

“Da ragazzo venivo qui con mio padre e raccoglievo le olive con lui”, ha detto Shtayyeh. “E quando sono cresciuto, ho iniziato a portare i miei figli a giocare qui e venivo qui con la mia famiglia a fare picnic tutto l’anno”.

La famiglia di Shtayyeh è una delle decine di famiglie palestinesi che possiedono terreni ad al-Ras, ma non hanno potuto accedere alla loro terra dal dicembre 2020, quando è arrivato un colono israeliano e ha stabilito un avamposto illegale sulla cima della montagna. 

“Da allora in poi, ogni volta che cercavamo di andare ad al-Ras, arrivavano i soldati e ci cacciavano”, ha detto. “Nel momento in cui il colono ci vedeva, chiamava i soldati e loro arrivavano dopo pochi minuti, dicendoci che era una zona militare chiusa e che non potevamo entrare”.

Attivisti palestinesi alzano le bandiere delle nazioni che si oppongono agli insediamenti illegali, nell’avamposto denominato Campo delle Nazioni Unite, appena impiantato vicino all’insediamento israeliano di Ariel, ad ovest della città cisgiordana di Salfit, il 20 settembre 2021. (Foto: Imageser)/APA

Nell’ultimo anno, Shtayyeh, insieme a dozzine di altre famiglie di Salfit e attivisti in tutta la Cisgiordania, ha organizzato manifestazioni settimanali e azioni pacifiche per protestare contro l’insediamento dell’avamposto sulla loro terra. 

Dice che sono quasi sempre accolti con gas lacrimogeni e violenza da parte dell’esercito israeliano, che mantiene una presenza ormai permanente nell’area per proteggere l’avamposto. 

A luglio, le forze israeliane hanno represso violentemente una delle proteste con gas lacrimogeni, provocando l’incendio di alcuni ulivi. 

“È stato allora che abbiamo iniziato a preoccuparci davvero degli alberi, soprattutto perché il raccolto stava arrivando”, ha detto. 

Una volta iniziata la raccolta delle olive in ottobre, come ogni anno, i timori di Shtayyeh e dei suoi compagni agricoltori sono stati confermati quando hanno tentato di raggiungere i loro uliveti per raccogliere le olive, ma hanno dovuto fare subito dietrofront perché i soldati hanno detto che “occorreva il permesso” per entrare in quella zona e per raccogliere le olive. 

“Abbiamo documenti che hanno più di 200 anni, che dimostrano che questa terra appartiene a noi e apparteneva ai nostri nonni”, ha osservato Shtayyeh. “Allora perché dovremmo aver bisogno del permesso degli occupanti per raccogliere le nostre olive?”

Dopo il brutale attacco di lunedì agli attivisti e ai contadini, Shtayyeh ha affermato che le famiglie temono per quello che sarà il raccolto di quest’anno, su cui molte famiglie dipendono economicamente per il prossimo anno. 

“Questa è la prima volta da generazioni che non siamo stati in grado di raccogliere le nostre olive”, ha detto. “Aspettiamo tutto l’anno il raccolto. Non dipendiamo da esso solo per la nostra sussistenza, ma anche per la nostra cultura e per insegnare ai nostri figli la nostra eredità”.

Nonostante le sue paure, Shtayyeh ha detto che non ha intenzione di arrendersi o di abbandonare la sua terra. 

“Non rinunceremo mai a questa terra, non importa quale sarà il costo”, ha detto. “Ci impediscono di accedere alla nostra terra, ci attaccano con tutte le loro armi e il loro potere, ci arrestano e ci uccidono, ma noi non ci arrendiamo”.

“Portavo qui mio figlio ogni anno a raccogliere le olive con me, ma ora lo porto alle proteste, così può imparare e capire che questa è la nostra terra e che non ci arrenderemo mai”.

Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio