In un numero senza precedenti, dipartimenti universitari e studiosi di tutto il mondo chiedono la fine dell’apartheid israeliano

Giu 2, 2021 | Notizie

di: Campagna Palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI),

26 maggio 2021. 

Dichiarazioni a sostegno dei diritti dei Palestinesi, molte delle quali sostengono il BDS, sono state approvate da oltre 300 dipartimenti accademici, programmi, centri, sindacati, società e hanno raccolto 15.000 firme da studiosi, ricercatori, studenti e personale universitario di tutto il mondo. 

In un’ondata di solidarietà senza precedenti, più di 300 dipartimenti accademici, programmi, centri, sindacati e società in tutto il mondo hanno approvato dichiarazioni a sostegno dei diritti dei Palestinesi in risposta ai violenti attacchi portati contro di loro questo mese da Israele. Dichiarazioni simili di singoli studiosi, ricercatori, personale universitario, studenti ed ex alunni hanno raccolto più di 15.000 firme.    

Le dichiarazioni esprimono solidarietà alla lotta di liberazione palestinese e condannano l’assalto militare israeliano a Gaza assediata, che ha ucciso più di 247 Palestinesi, tra cui 66 bambini, e gli attacchi violenti contro i Palestinesi in tutta la Cisgiordania occupata, in particolare a Sheikh Jarrah, e in Israele. La maggior parte delle dichiarazioni riconosce il regime coloniale e di apartheid dei coloni israeliani come la causa principale della violenza.  

I firmatari di molte dichiarazioni rifiutano il linguaggio asettico che parla di “conflitto” e di “scontri” per descrivere decenni di espropriazione israeliana a spese dei Palestinesi. Rifiutano anche la narrativa del “da una parte e dall’altra” che oscura l’intrinseca asimmetria di potere tra Israele che è una grande potenza militare coloniale e i Palestinesi che resistono alla sua violenza coloniale strutturale. Le dichiarazioni sottolineano anche la necessità di mettere al centro gli studi e le voci palestinesi. 

I firmatari promettono o chiedono misure concrete per porre fine alla complicità nelle violazioni dei diritti palestinesi da parte di Israele, compresa la fine dei finanziamenti militari e del commercio di armi con Israele, il disinvestimento delle università da società complici dell’apartheid israeliano e, in molti casi, il sostegno al movimento a guida palestinese, per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS), compreso il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane coinvolte.

Negli Stati Uniti, 120 dipartimenti e programmi di studi di genere hanno affermato che la Palestina è una questione femminista e “rifiutano di normalizzare o accettare il ruolo finanziario, militare, diplomatico e politico degli Stati Uniti nell’espropriazione palestinese”. Più di 3000 studiosi hanno chiesto pressioni sulle istituzioni accademiche per porre fine alla “complicità e collaborazione con istituzioni militari, accademiche e legali coinvolte nel radicamento delle politiche israeliane”.       

Docenti di Harvard , Yale , Princeton , Brown , Stanford , Georgetown , la City University di New York e l’Università della California Berkeley e Davis hanno rilasciato dichiarazioni. Lo United Educators of San Francisco, che rappresenta 6.200 insegnanti e impiegati, è diventato il primo sindacato degli insegnanti ad approvare il BDS.             

Nei Paesi Bassi, più di 40 dipartimenti e programmi universitarimusei e centri culturali hanno affermato la loro “responsabilità di parlare” contro le violazioni dei diritti umani da parte di Israele e hanno chiesto “azioni collettive” di solidarietà con la lotta palestinese. Quasi 600 accademici dei Paesi Bassi si sono impegnati a sostenere il boicottaggio delle università israeliane complici.      

In Belgio, 24 dipartimenti accademici, gruppi di ricerca, sindacati, organizzazioni studentesche e 1.300 docenti e membri del personale dell’Università di Gand hanno raccomandato il sostegno al boicottaggio e alle sanzioni contro Israele come “opzione concreta” per esprimere solidarietà ai Palestinesi.   

Nel Regno Unito, 1600 membri di facoltà, personale, studenti e alunni hanno  esortato l’Università di Cambridge a “troncare i legami e le collaborazioni formali” con le società e le istituzioni che perpetuano le ingiustizie di Israele contro i Palestinesi. La University and College Union ha invitato il governo del Regno Unito a “lavorare per sostenere i diritti inalienabili del popolo palestinese”. 

Dichiarazioni sono state rilasciate anche dalla Middle East Studies Association (MESA), dalla Middle East Librarians Association, dal Just Mathematics Collective, dalla UC Press e dagli editori del Middle East Journal of Culture and Communication.       

L’American Anthropological Association (AAA) harilasciato una dichiarazione in cui riconosce che decenni di “letteratura antropologica hanno dimostrato empiricamente le molte forme di violenza strutturale e quotidiana imposte dal governo israeliano alla popolazione palestinese” e ha invitato il governo degli Stati Uniti a prendere posizione.      

Più di 130 antropologi in Australia hanno chiesto la fine della “collusione australiana” nel commercio “omicida” di armi con Israele. 500 accademici in tutta l’Australia hanno esortato il governo a sospendere la cooperazione militare e il commercio e a rivalutare gli accordi commerciali con Israele. Sezioni della National Tertiary Education Union presso l’Università di Sydney e l’Università del New South Wales hanno approvato mozioni a maggioranza schiacciante che richiamano l’attenzione dei membri sul boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane complici.        

Più di 2.800 operatori sanitari, studiosi, ricercatori e studenti in Canada hanno denunciato la “distruzione delle strutture mediche” da parte di Israele e l’uccisione di medici e operatori sanitari palestinesi a Gaza e hanno invitato il Canada a “porre fine al suo sostegno militare a Israele”. 

In Sudafrica, più di 600 professionisti della salute, accademici e studenti hanno denunciato l’apartheid medica israeliana contro i Palestinesi e hanno approvato “l’appello al boicottaggio, al disinvestimento e alle sanzioni contro Israele”, esortando le istituzioni accademiche sudafricane a “tagliare tutti i legami con l’apartheid israeliano”.  

Il Centro irlandese per i diritti umani della National University of Ireland, Galway, ha chiesto sanzioni contro Israele e l’Irish Network for Middle Eastern and North African Studies (INMENAS) si è impegnato a “rifiutare qualsiasi collaborazione con la Ariel University”, un’università israeliana con sede in un insediamento illegale israeliano.    

In Danimarca, i docenti hanno invitato le università danesi a porre fine alle “collaborazioni istituzionali con le università e gli istituti di ricerca israeliani complici dell’occupazione e del militarismo israeliani”.  

La Campagna Palestinese per il Boicottaggio Accademico e Culturale di Israele (PACBI) chiede il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane complici, a causa del ruolo chiave che svolgono nella pianificazione, attuazione, copertura e giustificazione dell’occupazione militare israeliana e delle politiche di apartheid e il loro stretto rapporto con l’establishment militare e di sicurezza israeliano e con i produttori israeliani di armi.  

https://bdsmovement.net/news/unprecedented-numbers-university-departments-and-scholars-urge-end-israeli-apartheid

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio