Bennett trova ostacoli nel suo tentativo di rinnovare il divieto di ricongiungimento familiare palestinese

Giu 21, 2021 | Notizie

di Noa Spigel,

Haaretz, 19 giugno 2021. 

Il regolamento di emergenza del 2003 consente a Israele di rifiutare il visto di soggiorno ai Palestinesi sposati con cittadini israeliani; il parlamentare del Meretz Friege dice che voterà contro il rinnovo del provvedimento

Manifestazioni contro la legge sulla cittadinanza, Tel Aviv, 2012. Moti Milrod

Il governo sta lavorando per rinnovare un ordine temporaneo che vieta ai cittadini palestinesi sposati con israeliani di vivere con proprio partner all’interno del territorio israeliano. Il processo di rinnovo del controverso provvedimento va avanti, nonostante le critiche dei parlamentari e dei consulenti legali della Knesset.

Sabato, il ministro della Cooperazione regionale Esawi Freige di Meretz ha dichiarato che voterà contro il rinnovo dell’ordine. In un’intervista con la radio Kan Bet, ha affermato che “Meretz ha votato contro questa legge per 18 anni e si è rivolto all’Alta Corte di giustizia contro di essa. È una legge che deve essere modificata in modo che tutte le parti siano soddisfatte”.

Ha chiarito che, nonostante la sua opposizione, “non voterò contro il governo, ma non voterò a favore della legge”.

Nell’intervista, Freige ha affermato che i partiti della coalizione sono in trattative per formulare una versione della legge con cui tutti siano d’accordo. “La discussione non è ancora finita e spero che arriveremo a un punto d’intesa che ciascuna parte possa accettare”, ha detto.

Freige ha aggiunto che il nuovo governo, guidato dal primo ministro Naftali Bennett, deve adottare politiche diverse dal suo predecessore. “Non abbiamo solo sostituito l’uomo (Netanyahu), ma dobbiamo vedere cosa possiamo fare”, ha detto. “Penso che questa legge possa essere cambiata e che tutti i partiti della coalizione saranno d’accordo”.

Il collega parlamentare di Meretz Mossi Raz ha twittato giovedì che “si oppone all’intenzione di estendere la legge sulla cittadinanza. Questa è una legge discriminatoria che pone limitazioni ai cittadini arabi e li relega a un gruppo che sarebbe una minaccia per la sicurezza e la demografia”. Nonostante la dichiarazione di Raz, fonti di Meretz hanno affermato di voler preservare la disciplina della coalizione in materia.

La coalizione sa che la Lista Araba Unita non sostiene il rinnovo della legge e ritiene che la mozione per il rinnovo passerà grazie ai voti del Likud e del Religious Sionism.

Il ministro della Cooperazione regionale Esawi Freige di Meretz. אמיל סלמן

Mercoledì, però, è diventato chiaro che i partiti di opposizione intendono opporsi al rinnovo della legge e la coalizione di governo ha deciso di congelare la discussione sull’argomento che avrebbe dovuto tenersi quel giorno nella Commissione per gli Accordi della Knesset. Il deputato del Likud Miki Zohar ha affermato che il suo partito sosterrà il rinnovo in cambio dell’approvazione dei provvedimenti per riconoscere gli avamposti costruiti illegalmente in Cisgiordania. 

Il ministro della Difesa Benny Gantz ha chiesto giovedì che il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu faccia in modo che il voto passi. “Questa è una legge necessaria per preservare la sicurezza nazionale e la natura ebraica e democratica dello stato”, ha scritto. “Mi aspetto che anche la coalizione di governo agirà in modo responsabile per approvare il disegno di legge”. 

Il partito Likud ha risposto: “Chi ha cara la sicurezza di Israele non forma un governo con la Lista Araba Unita. Chi ha cara la sicurezza di Israele fa qualcosa di concreto e lascia immediatamente questo governo”.

Dopo che il partito ha rilasciato la sua dichiarazione formale, un funzionario del Likud ha aggiunto che “Con una mossa avventata, Bennett ha posto Mansour Abbas (il presidente della United Arab List) a capo del Comitato degli Interni, che dovrebbe approvare la legge che vieta la forte immigrazione palestinese in Israele, e ora ha il coraggio di chiedere all’opposizione di salvarlo e far approvare la legge in un altro comitato. Cosa vuole da noi? Dovrebbe licenziare Abbas e approvare la legge”.

Prima della formazione dell’attuale governo, quando Netanyahu aveva il mandato di costruire una coalizione, anche lui cercò di convincere la United Arab List ad unirsi a loro.  

L’ordine sul ricongiungimento familiare è stato emesso come emendamento temporaneo alla legge sulla cittadinanza e l’ingresso in Israele nel 2003. Da allora, è stato rinnovato su base annuale e scadrà all’inizio del prossimo anno. La coalizione ha affermato che sta esaminando alternative legali e parlamentari che siano accettabili per i suoi diversi partiti. 

Prevede di passare la legge alla commissione temporanea per gli Affari Esteri e la Difesa, piuttosto che alla commissione mista per gli Affari Esteri, la Difesa e l’Interno come ha fatto in passato, poiché quest’ultima deve ancora essere costituita.  

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-bennett-faces-hurdles-in-attempts-to-renew-palestinian-family-reunification-ban-1.9920925

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio