Le famiglie di Sheikh Jarrah e numerose organizzazioni chiedono alla Corte Penale Internazionale di intervenire con urgenza

Mag 8, 2021 | Notizie

22 aprile 2021. 

AFP)

Sig.ra Fatou Bensouda, Procuratrice  

Ufficio del Procuratore, Corte Penale Internazionale   

Oude Waalsdorperweg 10   

L’Aia, Paesi Bassi 

Gentile Sig.ra Fatou Bensouda,

Noi sottoscritti siamo rappresentanti di 500 rifugiati palestinesi residenti nell’area di Karm Al-Ja’ouni del quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est occupata, Palestina, che sono a rischio di sgombero forzato da parte di Israele, la potenza occupante. In mezzo a questa pandemia globale, otto famiglie, per un totale di 87 Palestinesi, sono a rischio imminente di sgombero forzato. Applicando illegalmente la legge interna israeliana a un territorio occupato, i tribunali israeliani si sono pronunciati a favore delle azioni legali intraprese dalle organizzazioni dei coloni per sfrattare le otto famiglie palestinesi. Il tribunale distrettuale israeliano di Gerusalemme ha ordinato a quattro famiglie di lasciare le loro case entro il 2 maggio 2021 e ad altre tre famiglie entro il 1° agosto 2021. Per questo motivo, è necessaria un’azione immediata del suo Ufficio per prevenire lo sfollamento di queste famiglie palestinesi dalle loro case a Gerusalemme Est.

Noi, e le organizzazioni sostenitrici, chiediamo al suo Ufficio di includere l’imminente spostamento forzato di Palestinesi da Sheikh Jarrah come parte inegrante dell’indagine recentemente aperta, oltre ai relativi crimini di guerra e crimini contro l’umanità sul territorio della Palestina di cui questa azione non è che l’ultimo esempio. In particolare, le chiediamo di includere come parte dell’indagine: i crimini di guerra relativi al trasferimento forzato di parti della popolazione del territorio occupato (art. 8(2)(b)(viii) e 8(2)(a)(vii)), il trasferimento da parte della Potenza Occupante di parti della sua popolazione civile nel territorio che occupa (art. 8(2)(b)(viii)), la distruzione e l’appropriazione di proprietà non giustificate da necessità militari ed eseguite illegalmente (art. 8(2)(a)(iv)) e, poiché questi sgomberi forzati fanno parte di un attacco continuo, diffuso e sistematico contro i civili palestinesi, i crimini contro l’umanità di deportazione o trasferimento forzato (art. 7.1(d)), persecuzione (art. 7.1(h)), apartheid (art. 7.1(j)) e altri atti disumani che causano grandi sofferenze o gravi lesioni, tra l’altro, alla salute mentale (art. 7.1(k)).

Nel 2018, l’Ufficio del Procuratore ha rilasciato una dichiarazione in cui esprimeva preoccupazione per lo sfratto pianificato della comunità beduina di Khan al-Ahmar “e con esso le prospettive di ulteriore escalation e violenza”, e ha avvertito Israele che “l’ampia distruzione di proprietà senza necessità militari e il trasferimento di popolazione in un territorio occupato costituiscono crimini di guerra ai sensi dello Statuto di Roma“. Essendo stata confermata la giurisdizione della Corte sul territorio dello Stato di Palestina –Gaza e Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est– ed essendovi un’indagine in corso, chiediamo al suo Ufficio di concentrarsi con urgenza su questa componente dell’indagine, prima che i residenti palestinesi di Sheikh Jarrah subiscano un danno imminente e irreparabile a causa delle attività criminali legate agli insediamenti di Israele.

Quadro generale

Durante la guerra del 1948, siamo stati sfollati con la forza dalle nostre case in paesi, città e villaggi palestinesi che si trovano oggi all’interno della Linea Verde e, in seguito alla creazione dello Stato di Israele, ci è stato negato il nostro diritto inalienabile di tornare alle nostre case e proprietà. Nel 1956, 28 famiglie di profughi palestinesi si trasferirono nell’area di Karm Al-Ja’ouni di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, come parte di un accordo tra il governo della Giordania e l’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e il Lavoro (UNRWA). L’accordo prevedeva che il governo giordano avrebbe fornito la terra, che l’UNRWA avrebbe sponsorizzato la costruzione di unità abitative per noi su questo terreno e che avremmo ricevuto il titolo legale di proprietà dopo tre anni. Il titolo legale di proprietà non ci è mai stato trasferito. Anzi, da quando Israele ha occupato e illegalmente annessa Gerusalemme Est nel 1967, tutti i Palestinesi di Gerusalemme sono stati sottoposti a un ambiente coercitivo progettato per trasformare la composizione demografica di Gerusalemme, per garantire in tal modo il controllo ebraico-israeliano su Gerusalemme e cacciare i Palestinesi. Oggi, l’area di Karm Al-Ja’ouni ospita almeno 72 famiglie palestinesi di circa 500 persone, e tutti noi siamo sotto la minaccia di un secondo sfollamento forzato.

Gli ordini di sfratto da parte dei tribunali israeliani a favore dell’organizzazione di coloni Nahalat Shimon International nel nostro quartiere sono stati facilitati dalla Legge sulle Questioni Legali e Amministrative del 1970, che consente esclusivamente agli Ebrei israeliani di avanzare rivendicazioni su terreni e proprietà presumibilmente di proprietà della popolazione ebraica di Gerusalemme Est prima della costituzione dello Stato di Israele nel 1948. Utilizzando questa legge, il Custode Generale Israeliano trasferì nel 1972 la proprietà della terra di Karm Al-Ja’ouni, su cui risiediamo dal 1956, a due Comitati Ebraici. Negli anni ’90, i due comitati ebraici hanno venduto i loro diritti di proprietà a Nahalat Shimon International, un’organizzazione privata di coloni, che non ha legami con i presunti proprietari ebrei originari. L’organizzazione dei coloni ha lavorato vigorosamente per intentare cause di sfratto contro di noi.

Situazione attuale a Sheikh Jarrah: imminente spostamento forzato

Tre famiglie per un totale di 67 persone soino già state sgomberate con la forza dal nostro quartiere nel 2009, con il sostegno della polizia israeliana. A seguito di questi sgomberi, l’organizzazione dei coloni, Nahalat Shimon International, ha presentato un piano urbanistico alla Commissione di pianificazione locale di Gerusalemme del comune di Gerusalemme per l’istituzione di un nuovo insediamento nel nostro quartiere. Il Piano proponeva di sfrattare i residenti palestinesi, demolire le loro case e in seguito costruire 200 unità di insediamento per i coloni israeliani ebrei.

Oltre alla minaccia di perdere le nostre case, ci siamo dovuti sobbarcare una lunga, estenuante e insostenibile lotta legale per contestare le cause di sfratto intentate contro di noi dalle organizzazioni di coloni nei tribunali israeliani fin dal 1972. Data la natura discriminatoria e non trasparente della legge israeliana applicata al territorio occupato, ci viene sistematicamente negato l’accesso alla giustizia o qualsiasi rimedio concreto.

Se gli sgomberi forzati andranno avanti, saremo soggetti ad altre politiche israeliane che si traducono nel trasferimento diffuso e sistematico della popolazione palestinese di Gerusalemme. Se installiamo una tenda fuori dalle nostre case, le forze di occupazione israeliane la demoliscono, secondo una politica diffusa e sistematica di demolizione delle proprietà palestinesi. Se affittiamo una casa fuori Gerusalemme perché non possiamo permetterci di affittare a Gerusalemme, rischiamo che il nostro status di residente venga revocato e non ci sia più permesso di entrare a Gerusalemme, in conformità con la politica di revoca della residenza di Israele, che richiede ai gerosolimitani palestinesi di dimostrare costantemente che il loro “centro della vita” è nella città.

***

Accogliamo con favore l’annuncio del 3 marzo 2021 da parte del suo Ufficio sull’apertura di un’indagine penale completa sulla situazione in Palestina. Si tratta di un passo tanto atteso e di fondamentale importanza per garantire lo stato di diritto e porre fine all’impunità, garantendo nel contempo la responsabilità per i crimini di Israele nell’ambito della giurisdizione della Corte.

Nell’ambito di tale indagine, chiediamo al suo Ufficio di:

1. Condannare pubblicamente gli imminenti sgomberi forzati di Palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah e indagare con urgenza su questo caso nel contesto della situazione generale in Palestina;

2. Avvisare gli autori maggiormente responsabili della condotta in questione che le loro politiche e azioni nella Gerusalemme Est occupata, che mirano a manipolare il carattere demografico della città a favore della dominazione ebraico-israeliana, possono costituire crimini di guerra e crimini contro l’umanità all’interno della giurisdizione della Corte;

3. Operando ai sensi della Parte 9 dello Statuto di Roma, invitare la Giordania e la Palestina, in quanto Stati parti della CPI, a cooperare con il suo Ufficio nel fornire qualsiasi documento rilevante per le indagini sugli imminenti sgomberi forzati a Sheikh Jarrah;

4. Adottare ogni azione appropriata, entro i limiti dell’esercizio del suo mandato ai sensi dello Statuto di Roma, per impedire che la popolazione protetta palestinese nell’area di Karm Al-Ja’ouni di Sheikh Jarrah venga sfollata e espropriata per la seconda volta.

Restiamo a sua disposizione e siamo pronti a fornire ulteriori informazioni per assistere le indagini.

Cordiali saluti,

Le 28 famiglie del quartiere di Sheikh Jarrah nella Gerusalemme Est occupata

Elenco delle organizzazioni per i diritti umani palestinesi, israeliane, regionali e internazionali che sottoscrivono; coalizioni palestinesi che rappresentano oltre 150 organizzazioni della società civile palestinese; gruppi di solidarietà per la Palestina; gruppi basati sulla fede; gruppi indigeni; gruppi di giustizia razziale; e gruppi di studenti:

1. Academics for Palestine (Ireland)

2. ACT Conflict Resolution

3. Adalah Justice Project

4. Addameer. Prisoner Support and Human Rights Association

5. AISHA Association for Woman and Child Protection

6. Al Mezan Center for Human Rights

7. Al-Awda New York, The Palestine Right to Return Coalition

8. Al-Awda, The Palestine Right to Return Coalition (PRRC)

9. Al-Haq, Law in the Service of Man

10. Alrowwad Cultural and Arts Society

11. American Muslim Bar Association (AMBA)

12. American Muslims for Palestine

13. American Muslims for Palestine of New Jersey (AMP NJ)

14. American-Arab Anti-Discrimination Committee (ADC)

15. American-Arab Anti-Discrimination Committee Georgia Chapter

16. Applied Research Institute-Jerusalem

17. Arab Agronomists Association

18. Arab Canadian Lawyers Association

19. Arab Center for Agricultural Development (ACAD)

20. Arab Lawyers Association (UK)

21. Arab Organization for Human Rights (AOHR)

22. Asia Pacific Center for Integral Study of Life

23. Asociación Americana de Juristas

24. Association Belgo-Palestinienne WB

25. Association France Palestine Solidarité (AFPS)

26. Association Suisse-Palestine

27. AssoPacePalestina (Italy)

28. Australian Centre for International Justice

29. Avaaz

30. B’Tselem – The Israeli Information Center for Human Rights in the Occupied Territories

31. Bisan Center for Research and Development

32. Boycott from Within (Israeli citizens for BDS)

33. Broederlijk Delen

34. Cairo Institute for Human Rights Studies (CIHRS)

35. Canada Palestine Association

36. Canadian BDS Coalition

37. Canadians for Justice and Peace in the Middle East (CJPME)

38. Center for Constitutional Rights (USA)

39. Civil Liberties Defense Center

40. Coalition on Law and Representation at NYU Law

41. Columbia Law Students for Palestine

42. Columbia University South Asian Feminisms Alliance

43. Columbia University Students for Justice in Palestine

44. Columbia-Barnard Jewish Voices for Peace

45. Combatants for Peace

46. Comité de Solidaridad con la Causa Árabe (CSCA)

47. Community Action Center- Al-Quds University

48. Community Media Center

49. Council for Arab-British Understanding (Caabu)

50. CRED/GIGI (Center for Research and Elaboration on Democracy/International Legal Intervention Group)

51. Cultura è Libertà (Italy)

52. Diensten en Onderzoek Centrum Palestina (Netherlands)

53. Disabilities Representative Persons Network (Gaza)

54. Disciples Palestine Israel Network

55. Eclipse Rising

56. El-Wedad Society for Community Rehabilitation (WSCR)

57. End the Deadly Exchange—Seattle

58. European Legal Support Center

59. Faces of Feminism – Georgia State University

60. Falastiniyat Seattle

61. FIDH – International Federation for Human Rights

62. Filastiniyat Organization

63. Finnish-Arab Friendship Society

64. Forum Civil Peace Service

65. Friends of Sabeel North America – FOSNA

66. Gaza Action Ireland

67. Gaza Urban & Peri-urban Agriculture Platform (GUPAP)

68. Giovani Palestinesi d’Italia

69. Global Kairos Asia Pacific Solidarity for Palestine (GKAPS)

70. Global Kairos for Justice Coalition

71. Global Legal Action Network

72. Global Network of Movement Lawyers

73. Good Shepherd Collective

74. Grassroots Al-Quds

75. Grassroots International

76. Harvard Law School Palestine Trek

77. Horyzon (Switzerland)

78. Human Rights & Democracy Media Center (SHAMS)

79. ICAHD (The Israeli Committee Against House Demolitions)

80. ICAHD Finland

81. ICAHD UK

82. IECD (l’Institut européen de coopération et de développement)

83. IfNotNow

84. Independent Jewish Voices Canada

85. Indo-Palestine Solidarity Network

86. International Association of Democratic Lawyers (IADL)

87. International Jewish Anti-Zionist Network (IJAN)

88. International Organization for the Elimination of All Forms of Racial Discrimination (EAFORD)

89. Ireland-Palestine Solidarity Campaign

90. Israel Palestine Mission Network of the Presbyterian Church (USA)

91. Italian Association Democratic Jurists

92. Jewish Voice for Just Peace (Ireland)

93. Jewish Voice for Peace

94. Jewish Voice for Peace-New York City

95. Jews for Palestinian Right of Return

96. Just Peace Advocates/Mouvement Pour Une Paix Juste

97. Just Vision

98. Justice for Palestinians, Calgary

99. Kairos Palestine

100. Labor for Palestine

101. Lawyers for Palestinian Human Rights

102. MA’AN Development Center

103. Maghazi Community Rehabilitation Society (MCRS)/Community Development Foundation

104. Middle East Children’s Alliance

105. Na’amod: British Jews against Occupation

106. National Association of Democratic Lawyers (NADEL) – South Africa

107. National Lawyers Guild

108. National Lawyers Guild – NYU Chapter

109. National Lawyers’ Guild – Yale Law School chapter

110. National Lawyers Guild, Palestine Subcommittee

111. National Students for Justice in Palestine

112. New York University Law Women

113. Niagara Movement for justice in Palestine-Israel (NMJPI)

114. Norwegian People’s Aid

115. Norwegian Union of Municipal and General Employees – Fagforbundet

116. NOVACT — International Institute for Nonviolent Action

117. NY4Palestine

118. NYU Law Ending the Prison Industrial Complex

119. NYU Law International Refugee Assistance Project

120. NYU Law Students for Justice in Palestine

121. NYU Middle Eastern Law Students Association

122. NYU OUTLaw

123. Oakville Palestinian Rights Association

124. Observatori DESC (Barcelona)

125. Ontario BDS

126. Palestina Solidariteit vzw, Belgium

127. Palestine Action Committee of Texas

128. Palestine Solidarity Campaign UK

129. Palestine Solidarity Committee – Austin, Texas

130. Palestine Solidarity Network Edmonton

131. Palestine Writes

132. Palestinian Canadian Academics and Artists Network

133. Palestinian Centre for Human Rights (PCHR)

134. Palestinian Christian Alliance for Peace

135. Palestinian Family Planning and Protection Association (PFPPA)

136. Palestinian Non-Governmental Organizations Network (PNGO)

137. Palestinian Women Development Society

138. Palestinian Working Woman for Development (PWWSD)

139. Palestinian Youth Movement (PYM)

140. PAN Asia Pacific

141. Pax Christi Diözesanverband Rottenburg-Stuttgart

142. Pax Christi England and Wales

143. Pax Christi International

144. Pax Christi Nahostkommission, Germany

145. Paz con Dignidad (Spain)

146. Peace Alliance Winnipeg

147. Philippine Alliance of Human Rights Advocates, Inc. (PAHRA)

148. Project South

149. Ramallah Center for Human Rights Studies RCHRS

150. Rhode Island School of Design (RISD) Students for Justice in Palestine

151. Rochester Witness for Palestine, Inc.

152. Sadaka-the Ireland Palestine Alliance

153. Samidoun Palestinian Prisoner Solidarity Network

154. Scottish Palestine Solidarity Campaign

155. Sheffield Labour Friends of Palestine

156. Socio-Economic Rights Institute of South Africa

157. SODePAZ (Spain)

158. Solutions Not Punishment Collaborative (SNaP Co.)

159. South Asian Law Students Association, NYU School of Law

160. Stop the Wall – the Palestinian Grassroots Anti-Apartheid Wall Campaign

161. Students for Justice in Palestine at Occidental College

162. Students for Justice in Palestine Chicago

163. The Agricultural Development Association (PARC)

164. The Black and Brown Coalition of PHL

165. The Civic Coalition for Palestinian Rights in Jerusalem (CCPRJ)

166. The Jerusalem Legal Aid and Human Rights Center (JLAC)

167. The National Centre for Community Rehabilitation (NCCR)

168. The National Society for Rehabilitation- Gaza strip

169. The O’odham Anti- Border Collective

170. The Palestine Institute for Public Diplomacy

171. The Palestine Project

172. The Palestinian Center for Organic Agriculture

173. The Palestinian Developmental Women Studies Association (PDWSA)

174. The Palestinian Human Rights Organizations Council (PHROC)

175. The Palestinian Initiative for the Promotion of Global Dialogue and Democracy-MIFTAH

176. The Red Nation

177. The Rights Forum

178. Trade Union Friends of Palestine, Ireland

179. U.S. Palestinian Community Network (USPCN)

180. Ukrainian Association of Democratic Lawyers

181. Union of Palestinian Women Committees (UPWC)

182. Unite the Union Rep of Ireland

183. United Church of Christ Palestine Israel Network

184. United Methodists for Kairos Response (UMKR)

185. United Network for Justice and Peace in Palestine-Israel

186. US Campaign for Palestinian Rights

187. US Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel

188. Vegans for BDS

189. Vrede vzw

190. War on Want

191. Women’s Centre for Legal Aid and Counselling

https://www.alhaq.org/cached_uploads/download/2021/04/24/public-communication-letter-sheikh-jarrah-1619270622.pdf?fbclid=IwAR3SBP5VvZ6P6ALBpvtcVtYEivF3Ll3g6-mlyZOV2aXN-CvV_B2P2rdEN00

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio