Un giudice israeliano mantiene il divieto di movimento per un collaboratore di Amnesty International

Apr 14, 2021 | Notizie

di Yumna Patel,

Mondoweiss, 13 aprile 2021. 

Sono passati più di 500 giorni dall’ultima volta in cui il collaboratore di Amnesty International Laith Abu Zeyad ha potuto lasciare la Cisgiordania occupata, a causa di un divieto israeliano basato su prove segrete.

Laith Abu Zeyad

Sono passati più di 500 giorni dall’ultima volta in cui il collaboratore di Amnesty International Laith Abu Zeyad ha potuto varcare i confini della Cisgiordania occupata, a causa di un divieto israeliano che gli impedisce di uscire dal paese e di entrare in Israele o in Gerusalemme Est occupata. 

La scorsa settimana, un tribunale distrettuale israeliano ha rinnovato il divieto, infrangendo ogni speranza di Abu Zeyad che il suo incubo sarebbe finito presto. 

Il giudice Moshe Sobel del tribunale distrettuale di Gerusalemme ha respinto una petizione di febbraio presentata da Amnesty International in cui si chiedeva che il tribunale annullasse il “crudele” divieto di viaggio imposto ad Abu Zeyad, divieto che il gruppo sostiene sia un “attacco mirato” ad Abu Zeyad a causa del suo lavoro con l’organizzazione per i diritti umani. 

Il giudice Sobel ha deciso invece di mantenere il divieto, accettando la posizione dell’agenzia per la sicurezza israeliana, lo Shin Bet, secondo cui Abu Zeyad era una “minaccia alla sicurezza”. Lo scorso maggio 2020, il giudice Sobel aveva emesso una decisione simile, respingendo il ricorso presentato dagli avvocati di Abu Zeyad per l’annullamento del divieto. 

Le prove che dovrebbero dimostrare che Abu Zeyad è una presunta “minaccia alla sicurezza” sono rimaste finora in un fascicolo chiuso dello Shin Bet, e sono state presentate solo al giudice in una riunione a porte chiuse. 

Da quando, nell’ottobre 2019, ad Abu Zeyad è stato imposto il divieto fino ad oggi, né Abu Zeyad né i suoi avvocati sono stati in grado di conoscere le prove segrete utilizzate dallo Shin Bet per ottenere e mantenere il divieto contro di lui. 

“È assurdo che io e i miei avvocati siamo costretti a difenderci e discutere contro prove segrete che nemmeno noi abbiamo potuto conoscere”, ha detto Abu Zeyad a Mondoweiss dopo l’udienza in tribunale dello scorso 6 aprile. 

“Il giudice ha detto che spetta a noi contestare le prove, ma noi non sappiamo nemmeno in cosa consistano queste prove”, ha detto Abu Zeyad.

Mentre ad Abu Zeyad era stato negato il permesso di partecipare alla sua ultima udienza in tribunale nel maggio 2020, questa volta gli è stato concesso un permesso – il primo che ha ricevuto in quasi due anni – di entrare a Gerusalemme per il giorno dell’udienza. 

Quando è arrivato per lui il momento di esporre le sue ragioni, Abu Zeyad si è presentato davanti allo stesso giudice che aveva respinto la sua petizione un anno prima e ha tentato di discutere il suo caso. 

“Ho detto di sapere che le forze di sicurezza mi considerano una minaccia, ma io sono qui per dire che non sono una minaccia. Sto solo cercando di fare il mio lavoro di difensore dei diritti umani. Sono sotto un divieto di viaggiare da più di 500 giorni e spero che il tribunale mi restituirà la mia libertà”, ha detto Abu Zeyad. 

Ma, alla fine, quando il giudice ha annunciato che avrebbe accettato la posizione dello Shin Bet, mettendo ancora il suo timbro sul divieto, Abu Zeyad ha capito che tutti i suoi sforzi erano stati vani. 

“Sembrava che fosse tutto inutile”, ha detto. 

In risposta alla decisione del tribunale della scorsa settimana, Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International ha criticato le autorità israeliane, inclusa la magistratura, per il loro “totale disprezzo verso il diritto internazionale sui diritti umani”.

“Il divieto di movimento per Laith Abu Zeyad è una rappresaglia per il suo lavoro di difensore dei diritti umani. Ha impedito a Laith di svolgere attività di advocacy critica a livello internazionale e gli ha impedito di lavorare presso l’ufficio di Amnesty International a Gerusalemme Est occupata. La decisione di mantenere il suo divieto di spostarsi avrà tremende ripercussioni non solo per Laith, ma per tutti coloro che lavorano per i diritti umani contro le violazioni israeliane”. 

“È una tortura psicologica”

Da quando è stato privato del suo diritto alla libertà di movimento, Abu Zeyad ha subito gravi perdite personali, che sono state aggravate dal suo divieto di viaggiare. 

Nel settembre 2019, ad Abu Zeyad è stato negato il permesso per accompagnare sua madre a Gerusalemme, dove era in cura per il cancro. A causa del suo divieto di spostarsi, non è potuto stare con sua madre quando lei è morta nello stesso ospedale di Gerusalemme pochi mesi dopo. 

Nello stesso periodo, Abu Zeyad ha tentato di recarsi in Giordania per partecipare al funerale di un parente. A causa del divieto imposto ai suoi movimenti, gli è stato negato di passare il confine israeliano tra la Cisgiordania e la Giordania, ed è dovuto tornare a casa. 

Ora, Abu Zeyad potebbe perdere l’opportunità di una vita, quella di lavorare presso l’ufficio di Amnesty International a Londra, ancora una volta a causa del suo divieto di viaggio. 

“Dopo un rigoroso colloquio e un procedimento di candidatura, mi è stato offerto un nuovo incarico presso Amnesty International a Londra”, ha detto Abu Zeyad a Mondoweiss. “Ma quel lavoro richiede che io sia residente a Londra, cosa che non posso fare finché questo divieto è in vigore”.

Abu Zeyad ha detto che i suoi avvocati hanno portato la questione del suo lavoro a Londra dinanzi al tribunale durante l’udienza della scorsa settimana, nella speranza che ciò aiutasse il suo caso.

“I miei avvocati hanno essenzialmente chiesto al giudice: che tipo di pericolo potrei eventualmente presentare se dovessi lavorare in un altro paese?” ha detto Abu Zeyad, aggiungendo che il suo avvocato ha persino suggerito che le autorità gli permettessero di recarsi a Londra a condizione di non tornare in Palestina per un anno. 

Anche questa proposta, tuttavia, è stata respinta dal tribunale. “A questo punto, non si tratta solo di libertà di movimento, ma anche del mio diritto al lavoro”, ha detto Abu Zeyad. “Il mio diritto di lavorare e scegliere il mio futuro e quello che più mi si addice è stato violato, e mi stanno impedendo di perseguire questa opportunità di carriera”.

Per Abu Zeyad, la possibilità di dover rinunciare all’opportunità di lavoro a Londra è qualcosa a cui non vuole pensare.  

“Non si tratta solo di un lavoro, riguarda il mio futuro”, ha detto Abu Zeyad a Mondoweiss. “Per noi palestinesi è davvero difficile trovare un lavoro fuori dal paese. Non è solo un’opportunità di lavoro, ma apre anche altre opportunità come quella di immigrare, ecc.” 

“È una tortura psicologica”, ha detto. “Non avere controllo sul mio futuro o sul mio presente. È stato davvero frustrante per la mia salute mentale. Nessuno può affrontare senza conseguenze questo tipo di incertezze.”

Non c’è giustizia nel sistema giudiziario

Abu Zeyad e i suoi avvocati intendono presentare appello alla Corte Suprema israeliana, il passo successivo nel processo legale. 

Tale appello può essere presentato, tuttavia, solo una volta che il giudice del tribunale distrettuale ha pubblicato la sua decisione ufficiale, cosa che il giudice ha in genere tre mesi per fare. Una volta pubblicata la decisione, Abu Zeyad e i suoi avvocati hanno 45 giorni per presentare ricorso alla Corte Suprema. 

Dopo l’udienza del tribunale distrettuale dello scorso anno, in cui il giudice Sobel ha respinto la petizione di Abu Zeyad, lo stesso giudice ha impiegato più di sei mesi per pubblicare la sua decisione ufficiale, facendo sì che Abu Zeyad e i suoi avvocati perdessero il termine concesso dalla legge per appellarsi alla corte suprema .

Di conseguenza, questo mese sono stati costretti a tornare allo stesso tribunale distrettuale e ripetere lo stesso procedimento. Abu Zeyad ritiene che ci sia un piano coordinato da parte delle autorità israeliane per impedirgli di fare appello alla Corte Suprema, e che il giudice abbia volutamente ritardato di diversi mesi la pubblicazione della sua decisione. 

Ora teme che la stessa cosa possa accadere di nuovo. 

“Anche se speriamo di poter fare appello alla Corte Suprema il prima possibile, non è detto che ci riusciremo”, ha detto. “Se il giudice decide per qualche motivo di impiegare altri sei mesi per pubblicare la sua decisione, saremo costretti a riavviare dall’inizio il processo nei tribunali distrettuali”.

Anche se riuscisse a presentarsi alla Corte Suprema, Abu Zeyad ha detto di avere le sue riserve sul fatto che finalmente otterrà un processo equo. 

“Con la Corte Suprema, avremo tre giudici invece di uno, il che significa che ci sono più opportunità di dibattito e più probabilità che i giudici mettano in discussione le prove segrete dello Shin Bet”, ha detto Abu Zeyad. 

“Ma in fin dei conti, la Corte Suprema fa ancora parte dello stesso sistema giudiziario che è stato progettato per andare contro i Palestinesi e che ha preso di mira per decenni i difensori dei diritti umani”, ha detto.

 “Questa è persecuzione politica, non solo contro di me, ma contro il lavoro di Amnesty International e di innumerevoli altri attivisti politici palestinesi”.

Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio