“Tutto quello che posso fare è filmare, e mi si spezza il cuore”

Mar 13, 2021 | Notizie

di Basil al-Adraa,  

+972 magazine, 5 marzo 2021. 

Intere comunità a sud di Hebron sono minacciate di espulsione, mentre i soldati israeliani cercano di impedire agli attivisti come me di filmare le demolizioni.

I palestinesi perlustrano e controllano le macerie dopo che le forze israeliane demolirono la loro casa nella frazione di Khalet Al-Daba. 17 giugno 2019. (Wissam Hashlamon / Flash90)

Erano le 7 di mattina il martedì 2 marzo quando sono arrivati nuovi messaggi nel gruppo Whatsapp in merito a Masafer Yatta, l’area a sud di Hebron in cui vivo, che è sotto l’occupazione israeliana.

All’inizio, la gente si augurava l’un l’altro il buongiorno. Un minuto immediatamente dopo, un amico della vicina comunità di Umm al-Kheir ha inviato un messaggio vocale al gruppo, dicendo: “Bulldozer! Jeep dell’esercito! E auto bianche appartenenti all’amministrazione civile. Sono sulla strada per Masafer Yatta.”

Ho subito chiamato Nasser, un altro attivista palestinese, e abbiamo preparato le nostre telecamere. Siamo entrati in macchina e abbiamo iniziato a seguire le forze di distruzione che si erano radunate nel vicino insediamento israeliano di Ma’on.

Io e Nasser abbiamo cercato di indovinare cosa avrebbero demolito questa volta. La verità è che è difficile da sapere, dal momento che migliaia di ordini di demolizione sono stati consegnati nella nostra zona. Intere comunità in Masafer Yatta sono minacciate di essere demolite ed espluse. Ho detto a Nasser che pensavo che avrebbero demolito anche le strutture nelle frazioni di Al-Rakiz e Khalet Al-Daba.

Perché proprio lì? Poiché ieri, Ilan, un ispettore dell’amministrazione civile, ovvero il governo militare di Israele nei territori occupati, ha ricevuto una visita nella zona, facendo le foto ad alcune case e tende presenti in questi villaggi. Ilan è solito arrivare a scattare foto o distribuire ordini di demolizione uno o due giorni prima che si verifichino demolizioni su larga scala. Per me, in qualità di attivista, come per molti altri nella mia comunità, queste visite sono un segno minaccioso e spaventoso.

Alle 8:00, i bulldozer sono partiti da Ma’on verso Al-Rakiz. Negli ultimi sei mesi, hanno demolito la maggior parte delle case in questa comunità. È qui che, solo due mesi fa, hanno sparato al collo del mio amico Harun Abu Aram.

Le forze israeliane che demoliscono le strutture nella frazione di Khalet al-Daba. 2 marzo 2011. (Basilic Al-Adraa)

Ci siamo diretti di corsa verso la nostra auto con le telecamere in mano e seguivamo i bulldozer. Ho detto a Nasser: “Demoliranno sicuramente la tenda di Hatem.” Due settimane fa, l’Amministrazione civile ha consegnato ad Hatem un ordine di 96 ore; tali ordini sono destinati a ostacolare la nostra capacità di appello alla Corte per provare a fermare la demolizione, poiché le forze israeliane possono venire a distruggere le strutture quattro giorni dopo che viene dato l’ordine.

Siamo saltati fuori dalla macchina e correvamo verso la tenda di Hatem. Ma i Bulldozer non si fermavano – continuavano imperterriti sulla strada sterrata verso Khalet Al-Daba.

Sono tornato in macchina. Sono arrivati ​​anche tre giornalisti palestinesi di Hebron per fotografare la distruzione. Ho dato loro un montacarichi.

Mentre guidavamo, una jeep dell’esercito è rimasta indietro rispetto alla fila di veicoli militari, con il mirino per rallentarci. Ho provato a superarlo, ma continuava a bloccarmi. Ad un certo punto, la Jeep si è fermata e i soldati sono usciti fuori. Hanno eretto un checkpoint improvvisato per impedirci di andare avanti. Ho lasciato la mia macchina sul ciglio della strada e ho iniziato a correre verso Khalet Al-Daba.

Quando sono arrivato, ho visto soldati che cacciavano i residenti di tre case. Le case appartenevano a un giovane di nome Jaber e suo fratello Amer. Jaber è un buon amico e un altro attivista; abbiamo preso parte a molte proteste insieme, e persino dormito a Khan Al-Ahmar in segno di solidarietà con i residenti lì che stanno affrontando potenziali sfratti.

Le autorità israeliane demoliscono una casa nella frazione di Khalat Al-Daba. 17 giugno 2019. (Wissam Hashlamon / Flash90)

Era difficile guardarli demolire la casa di Jaber. Era la quinta volta che la sua casa e quella di Amer sono state distrutte; tuttavia non smette di costruire, perché non ha altra terra.

I bulldozer hanno cominciato a strappare le pareti della casa, così Jaber ha chiesto ai soldati di presentare un ordine di demolizione o qualsiasi altro documento. Ma tutto quello che hanno fatto è stato mostrargli un documento che dichiarava l’area una “zona militare chiusa”, prima di minacciare di arrestarlo.

Questi sono gli stessi soldati, parte della polizia di frontiera israeliana, che pochi mesi fa avevano visto Jaber guidare un taxi palestinese, lo hanno rimosso dal veicolo, trasportandolo con forza sul ciglio della strada e colpendolo senza pietà. Jaber mi ha rivelato che lo hanno fatto per pura vendetta, dopo che gli ha urlato contro quando sono venuti a demolire casa sua per la terza volta.

Ma Jaber è una persona coraggiosa, e quel martedì mattina, quando i soldati stavano distruggendo la sua casa per la quinta volta, ha chiesto di vedere un ordine di demolizione. Spinsero lui e la sua famiglia lontano dal sito. “Vai via da questa casa”, gli hanno detto. La madre di Jaber piangeva; ho visto la rabbia sul suo viso. I suoi figli si fermarono sul lato, le tenevano la mano, e piangevano insieme mentre i soldati stavano abbattendo la casa.

I palestinesi guardano le autorità israeliane demolire una tenda a Masafer Yatta. 25 novembre 2020. (Wissam Hashlamon / Flash90)

In qualità di attivista, ammetto che questi avvenimenti mi riempiono di disperazione. Sono stato lì, e tutto quello che posso fare è filmare, e mi si spezza il cuore al solo pensiero. Spero tanto che un giorno avrò la possibilità di aiutare veramente questi bambini.

Prima di tornare a distruggere il soggiorno e la cucina di Jaber, i bulldozer hanno cominciato a demolire la casa di Amer. Quando finalmente se ne sono andati, ho visto Jaber e i suoi fratelli che stavano cominciando a pulire le macerie che bloccavano l’ingresso alle antiche grotte di pietra sotterranee del villaggio.

Masafer Yatta è piena di queste strutture. La maggior parte delle famiglie in questa zona, tra cui quella di Jaber, una volta viveva in queste case di pietra. Oggi i residenti preferiscono vivere in case al di sopra del terreno e ad essere collegati all’elettricità e all’acqua. L’esercito rifiuta le richieste dei residenti dei permessi di costruzione e si rifiuta di sviluppare un piano generale per le comunità della zona. L’obiettivo è chiaro: espellerci a Yatta, la più vicina città palestinese.

Ora, Jaber non ha altra scelta che tornare nella caverna sotterranea, che non è abbastanza grande per la sua famiglia. Mi sono avvicinato a Jaber. Era agitato, stava indicando gli utensili da cucina – la metà di loro buttata via dai soldati, mentre l’altra metà è rimasta dentro, sepolta sotto le macerie.

Le forze israeliane demolenti strutture nella frazione di Khalet al-Daba. 2 marzo 2021. (Basilic Al-Adraa)

Jaber mi ha raccontato che da quando la sua casa è stata demolita l’ultima volta tre mesi fa, aveva dedicato gran parte del suo tempo e delle sue energie per ricostruirla. Mi ha rivelato di come Ilan, l’ispettore dell’Amministrazione civile, deliberatamente si sia preso la rivincita su di lui – questo infastidisce Ilan, Jaber ha detto che continuerà a costruire.

“Ilan non mi dà un ordine di demolizione”, mi ha detto Jaber. “Sta pazientemente aspettando che io finisca di costruire, come anche di investire tutti i miei soldi ed energie. Non appena accade… E’ proprio in questo istante che verrà a demolire, con lo scopo di massimizzare il danno”.

Sulla via del ritorno, ho visto i bulldozer fermi ad Al-Rakiz. Appena giunti lì, i soldati ci hanno fermato e ci hanno chiesto di mostrare le nostre carte d’identità, per trattenerci e impedirci di scattare foto.

Sebbene non vi sia legge che vieta la documentazione delle demolizioni delle case, ultimamente, i soldati hanno creato i checkpoint per impedirci di entrare nei villaggi, in modo che non possiamo filmare ciò che sta accadendo in loco.

Non vogliono che le persone sappiano che non si fanno scrupoli a sparare contro coloro che osano opporsi alle loro politiche, come hanno fatto al mio amico Harun a gennaio. Non vogliono che le persone vedano come giungano di soppiatto la notte e arrestino gli attivisti nonviolenti. Questo è quello che hanno fatto a mio padre, Nasser Al-Adraa, due settimane fa.

Basil al-Adraa, attivista e fotografo del villaggio di A-Tuwani, sulle colline a sud di Hebron

Traduzione ad opera di Rachele Manna – Palestina Cultura è Libertà

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio