Israele nega il vaccino anti Covid a una studentessa palestinese della Tel Aviv University

Mar 9, 2021 | Notizie

di Meron Rapoport

+972 magazine, 3 marzo 2021. 

Alla studentessa, che vive in Cisgiordania, è stato impedito di ricevere il vaccino dopo aver viaggiato per ore fino all’università per una campagna di vaccinazione in tutto il campus.

Una donna palestinese inocula il vaccino anti COVID-19 in un centro per le vaccinazioni a Petah Tikva, 27 gennaio 2021. (Miriam Alster/Flash90)

Il Ministero della Sanità d’Israele ha impedito a una donna palestinese della Cisgiordania occupata che studia alla Tel Aviv University di ricevere il vaccino anti COVID-19 durante la campagna vaccinale condotta in tutto il campus lo scorso mese.

A metà febbraio, la Tel Aviv University ha inviato un’email a studenti e docenti per annunciare l’apertura di un centro vaccinale nel campus per sostenere gli sforzi di Israele per “vaccinare la popolazione contro il coronavirus”, in cooperazione con il Magen David Adom, il servizio medico d’emergenza israeliano. Secondo l’email, “il vaccino sarà reso disponibile all’intera comunità universitaria, lavoratori e studenti, che devono ancora ricevere la prima dose”.

La studentessa palestinese, che ha chiesto di rimanere anonima per proteggere la sua sicurezza, ha detto che appena ha ricevuto l’email ha chiesto al suo programma se aveva diritto alla vaccinazione. Dopo aver ricevuto una risposta positiva, ha iniziato a pianificare il suo viaggio all’università, un viaggio che compie regolarmente per raggiungere le sue lezioni, in quanto palestinese che vive nei Territori Palestinesi Occupati con il permesso di viaggio autorizzato dall’esercito israeliano. Ha lasciato la casa alle 4 del mattino. “Sono passata attraverso sette posti di blocco, cambiato mezzi di trasporto otto volte, camminato sotto un clima folle e ho raggiunto l’università alle 9:30”.

Quando è arrivata, il personale medico le ha chiesto la carta d’identità o l’assicurazione sanitaria. “Dopo aver capito che sono palestinese, mi hanno detto che era impossibile, che non potevano inserire il mio nome nel sistema e che non potevo essere vaccinata”, ha detto. “Sono rimasta lì e ho guardato tutti ricevere il vaccino e andarsene”, ha continuato. “Sono stata l’unica a non essere stata vaccinata. Non è giusto stare lì a guardare tutti gli altri che si vaccinano”.

Non si sa se anche altri studenti palestinesi che non sono cittadini israeliani siano stati respinti.

In una lettera inviata all’amministrazione dell’università, la studentessa ha descritto come abbia aspettato al centro vaccinale allestito all’università per sei ore e come le siano state date una serie di scuse sul perché non poteva ricevere il vaccino, inclusa la mancanza di un’assicurazione sanitaria israeliana, l’impossibilità di ricevere tale assicurazione in quanto palestinese e persino i negoziati tra Israele e l’Autorità Palestinese sulla fornitura a quest’ultima di vaccinazioni per i Palestinesi della Cisgiordania.

Una clinica mobile del Magen David Adom fornisce vaccini anti COVID-19 alla Porta di Damasco nella Città Vecchia di Gerusalemme, 26 febbraio 2021. (Olivier Fitoussi/Flash90)

“Ieri, ho fatto esperienza di un risveglio tra i più duri, in cui ho saputo che per il sistema io sono meno di un umano, meno di uno studente e non sono portatrice degli stessi diritti”, ha scritto nella sua lettera.

“Durante quella lunga giornata, molti mi hanno avvicinato per esprimere il loro dispiacere”, ha scritto nella sua lettera all’università. “Non ho problemi con le persone, al contrario, devo dire che sono state tutte molto gentili e solidali”. Ha detto che un rappresentante dell’università si è persino offerto di rimborsarle le spese per il viaggio dalla Cisgiordania a Tel Aviv, un’offerta che la studentessa ha trovato insultante. “Voglio giustizia e uguaglianza, non carità”, ha scritto all’università.

Nonostante le richieste delle organizzazioni per i diritti umani in Israele, il governo israeliano ha rifiutato di procurare i vaccini per i Palestinesi in Cisgiordania e ha persino cercato di impedire il trasferimento di vaccini a Gaza.

All’inizio di febbraio, Israele ha iniziato a vaccinare persone senza permesso, compresi lavoratori stranieri e richiedenti asilo, tuttavia il Ministero della Sanità ha inizialmente dichiarato che la campagna vaccinale non avrebbe incluso i “Palestinesi che lavorano in Israele con o senza visto”. Domenica, a seguito di parecchie settimane di pressione pubblica, il governo israeliano ha approvato un piano di vaccinazione [NdT, che è stato però rinviato] dei circa 100.000 lavoratori palestinesi che vivono in Israele e nelle colonie in Cisgiordania.

Lavoratori stranieri e richiedenti asilo in attesa di ricevere il vaccino anti COVID-19 in una clinica di Tel Aviv Sud, 17 febbraio 2021. (Tomer Neuberg/Flash90)

Malgrado l’insistenza del Ministero della Sanità nel rifiutare di vaccinare la studentessa, lei ha detto che la Tel Aviv University ha fatto di tutto per cercare di farla vaccinare. Ha detto che un coordinatore dell’università ha parlato con il personale medico sul posto e ha chiamato il Ministero della Sanità mentre, a un certo punto, sono arrivati alti funzionari dell’università per cercare di aiutare, ma senza successo. Secondo la studentessa, il personale universitario ha anche parlato con l’amministrazione del Tel Aviv Souracky Medical Center, il maggiore ospedale della città, ma a nulla è servito. Le è anche stato detto, più tardi, che il rettore dell’università aveva inviato una lettera al Ministero della Sanità al riguardo.

In un commento a +972, il Ministero della Sanità ha affermato di non essere stato contattato dall’Università di Tel Aviv sulla questione, e che se l’università l’avesse contattato, si sarebbe fatta “un’eccezione” e vaccinato la studentessa.

“Non riesco a esprime come mi sento”, ha continuato nella sua lettera. “Sono una sostenitrice della cittadinanza globale e della coesistenza, eppure questa esperienza ha messo alla prova le mie convinzioni, lasciandomi impotente e incapace di difendere i miei argomenti. Sono veramente delusa e traumatizzata”.

L’Università di Tel Aviv ha fornito la seguente replica all’incidente:

L’università considera estremamente importante sia la prevenzione della malattia sia l’accessibilità al vaccino per tutta la comunità del campus, docenti e studenti, e perciò ha avviato una giornata di vaccinazione in collaborazione con il Magen David Adom. Sfortunatamente, il personale presente si è rifiutato di vaccinare una studentessa che vive in [Cisgiordania] alla luce di una generica politica stabilita dal Ministero della Sanità, che, finora, non consente di vaccinare i Palestinesi.

Subito dopo l’incidente, il rettore dell’università ha scritto, lo stesso giorno, una lettera al direttore generale del Ministero della Sanità, richiedendo un piano che consenta agli studenti palestinesi, con permessi di ingresso in Israele a scopo di studio, di essere vaccinati come tutti gli altri studenti. Speriamo che il cambio di approccio del Ministero della Sanità riguardo alla vaccinazione dei lavoratori palestinesi che è stata annunciata ieri, fornisca anche un piano per la vaccinazione degli studenti [palestinesi].

https://www.972mag.com/palestinian-student-covid-tau/?fbclid=IwAR25Rd4q74VBbV58Zf7oicp4Ag-GyxIAHiOO5EWxnBtVpAZzCEyavXfER44

Traduzione di Elisabetta Valento – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio