I funzionari israeliani lavorano a tutto spiano per contrastare l’indagine della Corte Penale Internazionale su possibili crimini di guerra

Feb 10, 2021 | Notizie, Video

di Yumna Patel,

Mondoweiss, 8 febbraio 2021. 

In un video pubblicato durante il fine settimana, Netanyahu ha definito i crimini israeliani in questione “falsi crimini di guerra” e ha accusato la corte di prendere di mira specificamente Israele. Netanyahu ha promesso agli Israeliani che come primo ministro “combatterà questa perversione della giustizia con tutte le sue forze”, mentre agitava il pugno verso la telecamera.

La decisione della Corte Penale Internazionale (CPI) di venerdì, che conferma la sua giurisdizione sui crimini di guerra commessi nel territorio palestinese occupato (oPt), ha sollevato negli ultimi giorni un polverone in Israele, in Palestina e all’estero, mentre i leader israeliani lavorano senza sosta per screditare la Corte e respingere la decisione.

L’annuncio di venerdì è arrivato a seguito di una richiesta del gennaio 2020 da parte dell’Ufficio della Procuratrice della CPI di confermare che il mandato della Corte si estende alla Palestina. È stata ora confermata la giurisdizione territoriale della Corte, “ai territori occupati da Israele dal 1967, vale a dire Gaza e la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est “.

La Corte ha condotto indagini preliminari su potenziali crimini di guerra commessi da Israele nell’oPt dal 2014 poi, e nel dicembre 2019 la procuratrice capo dell’ICC Fatou Bensouda ha concluso che c’erano le basi per indagare su Israele e sulle autorità palestinesi per azioni criminali in Cisgiordania e Gaza.

In quell’occasione, Bensouda ha detto che “c’è motivo per credere che siano stati commessi crimini di guerra”, sottolineando l’offensiva israeliana del 2014 a Gaza, la costruzione di insediamenti in Cisgiordania e l’uccisione di manifestanti palestinesi sul confine di Gaza durante le proteste della Grande Marcia di ritorno del 2018.

La giurisdizione della Corte comprende anche potenziali crimini commessi a Gaza da fazioni armate palestinesi.

La Corte ha sottolineato che la decisione di venerdì, mentre spiana la strada a un’indagine formale su potenziali crimini di guerra in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est, non è una decisione sui confini e sull’esistenza o meno di uno stato palestinese.

Risposta palestinese

Sebbene un’indagine penale completa potrebbe avere implicazioni anche per i funzionari palestinesi, la leadership palestinese sia in Cisgiordania che a Gaza ha accolto con favore l’annuncio di venerdì.

Il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh ha elogiato la risoluzione “come una vittoria per la giustizia, l’umanità e la libertà” e “un messaggio agli autori dei crimini, che i loro crimini non saranno soggetti a uno statuto di limitazioni e non rimarranno impuniti.”

Il ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Malki ha espresso la volontà dell’Autorità Palestinese (AP) di collaborare con la Corte –una cosa che i loro omologhi israeliani hanno promesso di non fare– e ha elogiato la decisione per aver aperto la porta “al perseguimento della responsabilità penale per i crimini più eclatanti… che sono stati e continuano ad essere commessi contro il popolo palestinese”.

Il movimento di Hamas, che potrebbe essere direttamente implicato per potenziali crimini commessi contro cittadini israeliani, ha elogiato la decisione come “un passo importante” verso il raggiungimento della “giustizia per le vittime dell’occupazione sionista [israeliana]”.

“È giunto il momento che gli autori israeliani e palestinesi degli abusi più gravi –siano essi crimini di guerra commessi durante le ostilità o l’espansione di insediamenti illegali– affrontino la giustizia”, ​​ha affermato in una dichiarazione Balkees Jarrah, direttore associato per la giustizia internazionale di Human Rights Watch (HRW).

HRW ha aggiunto che l’incapacità dei funzionari israeliani e palestinesi di indagare e perseguire presunti gravi crimini tra le proprie forze serve solo a rafforzare il ruolo importante che la CPI potrebbe svolgere nel mettere gli autori di tali crimini di fronte alle proprie responsabilità.

Risposta israeliana

Anche se potrebbero passare anni prima che qualsiasi leader israeliano o funzionario dell’esercito e della polizia (sia passato che presente) venga accusato e processato per i suoi crimini davanti alla Corte, i funzionari israeliani sono esplosi in dichiarazioni di piena sfida alla decisione del tribunale.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha riproposto le sue precedenti critiche alla Corte per la sua insistenza a indagare sui crimini di guerra israeliani, e ha denunciato la decisione di venerdì come “puro antisemitismo”.

In un video pubblicato durante il fine settimana, Netanyahu ha definito i crimini israeliani in questione “falsi crimini di guerra” e ha accusato la Corte di prendere di mira specificamente Israele. Netanyahu ha promesso agli Israeliani che come primo ministro “combatterà questa perversione della giustizia con tutte le sue forze”, mentre agitava il pugno verso la telecamera.

Il ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi ha affermato che la decisione “distorce il diritto internazionale e trasforma questa istituzione in uno strumento politico di propaganda anti-israeliana”.

Domenica, il gabinetto di sicurezza israeliano ha raddoppiato le critiche di Netanyahu, descrivendo la sentenza “oltraggiosa” poiché “riduce la Corte a un organo politico, in linea con organizzazioni internazionali guidate da princìpi antisemiti”.

Il gabinetto ha sostenuto che la CPI non ha “alcuna autorità” per dichiarare la propria giurisdizione territoriale nell’oPt, perché Israele non è uno stato membro e la Palestina non è riconosciuta a livello internazionale come uno stato sovrano, ha riferito Haaretz.

Nonostante il rifiuto di riconoscere l’autorità del tribunale, i funzionari israeliani sono apparentemente ancora piuttosto turbati dalla decisione di venerdì, se Haaretz ha riferito domenica che “centinaia di alti funzionari della sicurezza israeliana, passati e presenti, potrebbero essere chiamati a deporre, con il rischio di poter essere arrestati all’estero”.

Il rapporto ha aggiunto che alcuni individui i cui nomi sono su un elenco riservato di funzionari potenzialmente ricercati per crimini di guerra dal tribunale, potrebbero essere invitati dai funzionari della sicurezza ad astenersi dal viaggiare all’estero per evitare l’arresto o il processo.

Nel frattempo, secondo quanto riferito, Israele sta lavorando duramente per evitare future indagini da parte della Corte Penale Internazionale, adoperandosi perché gli stati che sono suoi alleati e che hanno aderito allo Statuto di Roma facciano pressione sulla Corte affinché non prosegua nelle indagini penali contro i funzionari israeliani.

Secondo Haaretz, alcuni Stati membri della CPI hanno già accettato di avvertire in anticipo Israele di “qualsiasi intenzione di arrestare Israeliani al loro arrivo in quei paesi o nel caso venga emessa una richiesta di mandato di arresto contro di loro”.

Le speranze di Israele di contrastare un’indagine della CPI sembravano rafforzate dopo che gli Stati Uniti si erano opposti alla decisione del tribunale, con il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price che affermava: “Continueremo a sostenere il forte impegno del presidente Biden nei confronti di Israele e della sua sicurezza, e ci opporremo ad azioni che prendano ingiustamente di mira Israele”.

La risposta dell’amministrazione Biden alla decisione della CPI, unita al fatto che il nuovo presidente non ha ancora abrogato le sanzioni dell’era Trump contro il tribunale, aveva fornito un sollievo temporaneo per Israele.

“La CPI ha un ruolo fondamentale da svolgere come tribunale di ultima istanza in situazioni come la Palestina, dove il ricorso alla giustizia interna è stato precluso”, ha detto Jarrah di Human Rights Watch. “I paesi membri della Corte dovrebbero essere pronti a proteggere strenuamente l’indipendenza della CPI di fronte alle continue pressioni e ostilità verso un’indagine sulla condotta di Israeliani e Palestinesi”.

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio