APPELLO dal mondo del cinema per Mohammed Bakri

Gen 20, 2021 | Iniziative

Noi sottoscritti, membri della comunità cinematografica mondiale, esprimiamo la nostra indignazione a

seguito della decisione del tribunale israeliano di vietare la proiezione o la distribuzione del film

documentario “Jenin, Jenin” ed esprimiamo la nostra solidarietà al suo autore, nostro collega, l’eminente

regista e attore palestinese Mohammed Bakri.

Nella sua scioccante decisione, la corte afferma di aver ritenuto che alcune delle scene del film – che

descrive gli eventi che si sono svolti per circa due settimane nel campo profughi palestinese di Jenin

nell’aprile 2002 – non sono vere. Mohammed Bakri, il regista del film, che è stato implacabilmente

molestato e perseguitato dal governo israeliano negli ultimi 17 anni, documenta, senza commenti o voci

fuori campo, l’indomani della brutale distruzione del campo profughi di Jenin commessa dall’esercito

israeliano nel 2002, dedicando il film al suo produttore Iyad Samoudi, ucciso dall’IDF nel Governatorato

di Jenin poco dopo la conclusione delle riprese.

Oltre a vietare qualsiasi proiezione del film in Israele, il tribunale ha ordinato di confiscare le 24 copie del

film e ha ordinato il pagamento da parte del regista di 175.000 NIS ($ 55.000) di danni a un ufficiale

riservista dell’esercito israeliano che appare per pochi secondi nel film di 54 minuti, oltre a 50.000 NIS ($

15.500) di spese legali.

Vogliamo esprimere la nostra piena solidarietà a Mohammed Bakri, vincitore del Free Speech Award al

Festival di Berlino 2010.

Chiediamo alla famiglia allargata del cinema mondiale di alzare la voce e denunciare il sostegno delle

autorità e del Ministro della Cultura israeliano a questo chiaro tentativo di censura, limitazione della

libertà di parola e attacco alla libertà di creazione artistica.

Ricordando a tutti che la soggettività e il punto di vista individuale sono al centro dello sforzo artistico e

cinematografico, chiediamo ai nostri colleghi israeliani di unirsi a noi nel denunciare le accuse contro

Bakri e i tentativi delle autorità israeliane di mettere in pericolo la libertà di parola e la libertà artistica di

registi e artisti palestinesi.

Infine, chiediamo fermamente la revoca totale dell’inaccettabile decisione del tribunale israeliano, che

minaccia di creare un precedente ed è un attacco diretto al diritto dei registi e degli artisti palestinesi di

esprimere liberamente il loro punto di vista e raccontare le loro storie.

FIRMATE l’appello sul sito change.org:

https://www.change.org/p/israeli-state-lift-the-ban-on-jenin-jenin-by-mohammed-bakri?signed=true

SENZA DONARE SOLDI! In tal caso la donazione andrà al sito change.org e non alla causa di Mohammed Bakri.

È già stato firmato da molti cineasti trovate i loro nomi nella petizione

e inviate la vostra firma anche alla mail : conbakri2@gmail.com

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio