Durante la crisi Coronavirus, Israele confisca le tende destinate ad allestire una clinica nella Cisgiordania settentrionale

Mar 28, 2020 | Notizie

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:20200326_ibziq_confiscation_top.jpg

26 marzo 2020

Oggi, giovedì 26 marzo 2020, verso le 7:30, i funzionari dell’amministrazione civile israeliana in Cisgiordania sono arrivati con la scorta di una jeep militare, un bulldozer e due camion a pianale piatto con gru nella comunità palestinese di Khirbet Ibziq nel nord della Valle del Giordano. Hanno confiscato pali e teloni destinati a formare otto tende, due per una clinica da campo, e quattro per abitazioni di emergenza per i residenti evacuati dalle loro case, e due come moschee di fortuna. I militari hanno anche confiscato una baracca di latta che era sul posto da più di due anni, un generatore di corrente e sacchi di sabbia e cemento. Quattro pallet di blocchi di cemento destinati ai pavimenti delle tende sono stati portati via e altri quattro sono stati demoliti.

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:20200326_ibziq_confiscation1.jpg
I materiali da costruzione confiscati. (‘Aref Daraghmeh, B’Tselem, 26 marzo 2020)


Mentre il mondo intero combatte una crisi sanitaria paralizzante e senza precedenti, i militari israeliani stanno dedicando tempo e risorse a vessare le comunità palestinesi più vulnerabili della Cisgiordania, comunità che Israele ha cercato di cacciare dall’area per decenni. Il blocco di un’iniziativa di primo soccorso durante una crisi sanitaria è un esempio particolarmente crudele degli abusi che vengono regolarmente inflitti a queste comunità, e va contro i fondamentali principi umani e umanitari durante un’emergenza. A differenza delle politiche di Israele, questa pandemia non discrimina in base alla nazionalità, all’etnia o alla religione. È giunto il momento che il governo e i militari riconoscano che ora, come non mai, Israele è responsabile della salute e del benessere dei cinque milioni di Palestinesi che vivono sotto il suo controllo nei Territori Occupati.

Oltre alla sconcertante distruzione della clinica in costruzione, l’amministrazione civile continua la sua routine di demolizione. Oggi ha demolito tre case stagionali di contadini residenti a Gerusalemme, nel villaggio di ‘Ein a-Duyuk a-Tahta a ovest di Gerico.

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:20200326_ein_a_duyuk_a_tahta_demolition.jpg
Le macerie lasciate questa mattina a ‘Ein a-Duyuk a-Tahta (foto dei residenti della comunità)


Condizioni sociali delle comunità palestinesi costrette ad affrontare l’espulsioneIl 60% della Cisgiordania designata come Area C ospita comunità di pastori-agricoltori, composte da migliaia di Palestinesi. Per decenni, le autorità israeliane hanno perseguito una politica volta a scacciare queste comunità rendendo le condizioni di vita intollerabili, nel tentativo di indurre i residenti ad andarsene, apparentemente di loro spontanea volontà. Questa condotta illegale è motivata dalla volontà politica, pubblicamente dichiarata da vari funzionari, di far sì che con azioni sul terreno si arrivasse a una annessione di fatto che faciliterebbe a Israele la vera e propria annessione che dovrebbe poi far parte di un accordo sullo status definitivo.

Traduzione di Elisabetta Valento – Assopace Palestina

https://www.btselem.org/press_release/20200326_israel_confiscates_clinic_tents_during_coronavirus_crisis

Descrizione: Macintosh HD:Users:donatocioli:Desktop:B'Tselem.jpg

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA