Richard Falk compie 88 anni e compone una poesia di auto-augurio.

13 novembre 2018: Una riflessione nel mio 88° compleanno.

Nota introduttiva. Ho partecipato questa sera ad un emozionante evento che si è svolto qui a Berlino a sostegno di tre attivisti, israeliani e palestinesi, che devono subire un processo per aver disturbato una riunione sionista in cui si negavano i crimini contro l’umanità compiuti da Israele. Due dei tre accusati sono Ebrei nati in Israele e il terzo è un Palestinese nato a Gaza; la famiglia di quest’ultimo era presente al nostro evento, compreso il padre che ha trascorso 18 anni in una prigione israeliana. È stata una serata stimolante, in cui si è discusso a fondo per individuare gli ostacoli che tuttora incontra in Germania chi sostiene i diritti dei Palestinesi, a causa del persistente senso di colpa tedesco nei confronti del passato nazista. Nel mio intervento, ho cercato di sostenere che l’unico modo per cancellare quel senso di colpa consiste nell’opporsi agli attuali crimini di stato di Israele, invece di diventarne complici col silenzio di fronte al male.

Voglio proporre qui dei versi che ho scritto oggi e che ho letto alla fine del mio intervento. Forse è un’auto-indulgenza vanitosa da parte mia, ma voglio farlo come un modo per ringraziare i tanti amici vicini e lontani che oggi mi hanno mandato i più commoventi auguri di compleanno. Questo mi ha fatto sentire che c’è una comunità in crescita fra tutti noi che sosteniamo la lotta palestinese, e che prima o poi riusciremo a far sì che i due popoli che ora abitano la Palestina possano finalmente vivere in pace e con uguale dignità. Siamo tutti convinti che la pace esisterà solo quando la struttura di apartheid dell’attuale stato israeliano sarà interamente smantellata e si affermerà e realizzerà uno spirito di vera uguaglianza tra Palestinesi ed Ebrei, non solo per chi vive oggi sotto occupazione, ma anche per i Palestinesi che sono ora confinati in più di 60 campi profughi, oltre che per i milioni di coloro che hanno subìto un lungo esilio involontario, nonché per la minoranza palestinese che vive in Israele.

 

Nel mio 88° compleanno: una riflessione

 

Aver quasi 90 anni

esser contento

in buona salute

ci si sente in colpa

in mezzo ad avvenimenti infernali

che suscitano immagini troppo oscure

per essere reali:

ragazzi di Gaza

colpiti a morte

un venerdì dopo l’altro

da vampiri armati;

l’assassinio di Khashoggi

crimine orrendo

ma solo un problema

per i duri uomini di potere.

Eventi così cupi

e così numerosi

che gettano ombre.

Sarà disperazione il nostro destino?

È davvero questo il nostro mondo?

Riusciremo almeno a sopravvivere?

La mia speranza: vivere

abbastanza a lungo per gridare

un ‘No’ senza fine

e che questo grido

sia la mia ultima parola

sia il mio testamento

di speranza per tutti gli esseri umani.

 

Richard Falk

Berlino, 13 novembre 2018

Traduzione di Donato Cioli

, ,

No comments yet.

Lascia un commento