Le forze di occupazione distruggono un oliveto palestinese nel villaggio di Bardala.

25 aprile 2018.

  

Alle 6 del mattino del 25 aprile 2018, le forze israeliane di occupazione hanno distrutto 320 alberi di olivo nel villaggio di Bardala nel nord della Valle del Giordano. Settanta soldati, oltre alla polizia di confine, sono arrivati su dieci mezzi militari e tre bulldozer JCB. I militari hanno bloccato un’area di sei chilometri, oltre al checkpoint di Tayasir, impedendo ogni accesso da e per la Valle del Giordano.

I soldati hanno puntato le armi verso gli abitanti palestinesi, mentre un lanciatore di gas lacrimogeni era pronto ad agire dal tetto di un automezzo. I soldati hanno abbattuto 100 olivi con i bulldozer e li hanno portati via con un rimorchio. Altri 220 olivi sono stati tagliati con una sega elettrica mentre un drone di sorveglianza filmava la scena dall’alto.

  

L’oliveto era coltivato dalla famiglia di Hussain Sawaftah, a cui era stato affidato dalla comunità di Bardala. Gli olivi avevano circa sette anni e molti di loro stavano producendo olive. Quando sono arrivati i soldati, Hussain si trovava nel locale di deposito vicino all’oliveto.

Il capo dell’Ufficio Israeliano di Coordinamento Distrettuale (DCO) e operai dell’Amministrazione Civile Israeliana (ICA) accompagnavano i militari. Hussain ha chiesto al funzionario del DCO di mostrargli l’ordine giudiziario che permetteva la distruzione degli olivi. Il funzionario ha risposto: “Sono io il tribunale, sono io il giudice, sono io quello che decide.”

Il giorno precedente, un funzionario dell’ICA era venuto al villaggio per avvertire la famiglia di Hussain che gli olivi sarebbero stati distrutti. Quarantotto giorni prima, la famiglia aveva anche ricevuto un decreto dell’ICA che ordinava di rimuovere gli olivi che si trovavano nell’area C del villaggio.

“Questa terra appartiene agli abitanti del villaggio. La distruzione degli olivi fa parte della strategia per cacciarci via dalla nostra terra,” ha detto Hussain a noi della Jordan Valley Solidarity. Abbiamo chiesto a Hussain se intende piantare nuovamente gli olivi. “Abbiamo solo questo terreno: naturalmente ci pianteremo di nuovo gli olivi.”

Abu Sakr, del Comitato Popolare della Valle del Giordano, ci ha detto che gli olivi devono avere dieci anni o più per produrre un raccolto completo. Anche se gli olivi vengono piantati nuovamente, ci vorranno anni prima che raggiungano la piena maturità.

Hussain ci ha detto che sugli alberi tagliati erano state spruzzate sostanze chimiche per impedire che fossero ripiantati.

Abu Sakr ci ha detto: “Gli abitanti del villaggio sono stati qui per centinaia di anni.” Ci ha spiegato che Bardala era una comunità agricola, ma che le forze di occupazione israeliane avevano preso di mira i produttori palestinesi, perché, ha detto, “vogliono riempire i nostri mercati della Cisgiordania con i prodotti israeliani, con grave danno per la nostra economia.” I prodotti palestinesi non possono reggere la competizione.

“Dieci anni fa,” ha proseguito Abu Sakr, “abbiamo cominciato a coltivare guaiva, uva e olive. Era una strategia per proteggere la nostra economia locale.” Queste sono derrate che non vengono comunemente prodotte dall’economia israeliana, per cui hanno ancora un mercato. “Le piante provvedono ai bisogni del nucleo familiare, fornendo frutta e olio di oliva.”

“Gli Israeliani hanno già distrutto il mercato delle verdure palestinesi e se dobbiamo comprare anche olive e olio saremo distrutti anche noi perché non ci rimarrà più un soldo. Se distruggono la nostra economia non potremo mandare i nostri figli a scuola, non potremo andare a farci curare dal dottore, e le nostre vite saranno distrutte interamente.”

Rashed Khudairy
Coordinatore della Jordan Valley Solidarity Campaign
www.jordanvalleysolidarity.org

, ,

No comments yet.

Lascia un commento