Cosa pensano gli Americani della politica estera di Trump riguardo al Medio Oriente.

Un sondaggio, condotto dal prof. Shibley Telhami dell’Università del Maryland, USA, è stato pubblicato il 30 novembre 2017.

Cosa pensano gli Americani della politica estera di Trump

riguardo al Medio Oriente.

Allo scadere del primo anno di amministrazione del presidente Donald Trump, resta inattuato il suo impegno a raggiungere “l’accordo definitivo” ossia un’intesa globale di pace tra Israele e i Territori Palestinesi. Mentre cresce l’instabilità del Medio Oriente e la Casa Bianca si trova ad affrontare una moltitudine di sfide, i piani del presidente Trump restano evasivi. Questa inchiesta analizza gli atteggiamenti degli Americani riguardo ai problemi del Medio Oriente e i suoi risultati possono essere così riassunti:

 

Spostamento dell’Ambasciata USA. Una forte maggioranza degli Americani (63%), tra cui il 44% dei Repubblicani, sono contrari allo spostamento dell’Ambasciata USA da Tel Aviv a Gerusalemme.

Genero di Trump come inviato per il Medio Oriente. La stragrande maggioranza degli Americani (81%, tra cui il 71% dei Repubblicani) preferiscono che il presidente Trump si affidi a esperti di diplomazia mediorientale piuttosto che al suo genero ex-avvocato.

Ritiro dall’UNESCO. La maggioranza degli Americani (55%) non condivide il ritiro degli USA dall’UNESCO a seguito delle sue posizioni su Israele, mentre il 40% sostiene questa decisione. Mentre l’82% dei Democratici è contrario alla decisione, il 68% dei Repubblicani l’approva.

Diplomazia mediorientale. Riguardo al conflitto israelo-palestinese, la maggioranza degli Americani (59%) vuole che l’amministrazione Trump non favorisca nessuna delle due parti, ma il 57% pensa che in realtà la politica di Trump favorisca Israele.

Schieramento nei due campi opposti sul Medio Oriente. Il divario di opinioni sulla questione israelo-palestinese continua a crescere tra gli Americani. Tra i Democratici, quelli favorevoli a una neutralità USA sul conflitto sono cresciuti dal 69% dell’anno scorso al 77% di oggi, mentre il numero di quelli che vorrebbero schierarsi decisamente a favore di Israele è sceso dal 17% al 13%. Al contrario, la maggioranza dei Repubblicani (58%) vuole che gli USA si schierino a favore di Israele.

Posizione sugli insediamenti. La maggior parte dei Democratici (57%) vorrebbe vedere sanzioni o “provvedimenti più severi” contro la costruzione di insediamenti israeliani, secondo una tendenza già vista negli anni precedenti. In generale, il 43% degli Americani è favorevole ad imporre sanzioni o provvedimenti più severi.

 

Questi “Sondaggi su Questioni Critiche” indagano problemi statunitensi e internazionali che sono al centro del discorso politico, sotto la guida dei professori Shibley Telhami e Stella Rouse.

L’inchiesta è stata condotta online tra l’1 e il 6 novembre 2017 su un campione casuale di 2.000 adulti (di cui 1.042 tra 18-34 anni) fornito da Survey Sampling International. Il margine di errore è del 2,19%.

Traduzione di Donato Cioli

A cura di Assopace Palestina

, ,

No comments yet.

Lascia un commento