L’hanno detto i fondatori: il Sionismo è colonialismo.

Nov 12, 2017 | Riflessioni

Il Sionismo è, ed è sempre stato, un progetto coloniale. I leader sionisti avevano capito che l’unico modo per costruire una maggioranza ebraica in Palestina era quello di cacciar via i Palestinesi indigeni e insediare Ebrei al loro posto.

da: US Campaign for Palesinian Rights

https://www.facebook.com/endthe0ccupation/posts/10155470771464442

modificato a cura di AssopacePalestina

1 commento

  1. jeanpatrick

    “Cacciare la popolazione povera (gli arabi) aldilà della frontiera rifiutando loro il lavoro. Il processo d’espropriazione e di spostamento dei poveri deve essere dirette con discrezione e circospezione”, Teodore Herzl fondatore della organizzazione sionista mondiale 1895. “La colonizzazione sionista deve essere eseguita  contro la volontà della popolazione autoctona. E’ per quello che questa colonizzazione deve continuare solamente sotto la protezione di una potenza indipendente  della popolazione locale, tale un muro di ferro capace di resistere alla pressione della popolazione locale. Questa è nostra politica contro gli arabi” Vladimir Jabotinsky fondatore delle organizzazione sioniste, 1923. “Dobbiamo sfrattare gli arabi e prendere il loro posto” David Ben Gourion futuro primo ministro israeliano, 1937.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio