Settimana del libro palestinese dal 26 marzo al 2 aprile 2017

COMUNICATO STAMPA

Nell’ ambito di una vasta “Campagna per la Palestina” che si sta svolgendo  a Roma  e che durerà per tutto il  2017 per  approfondire  vari aspetti della realtà palestinese, viene  promossa dalla Rete Romana  di Solidarietà con il Popolo Palestinese in collaborazione con Arci Roma, Biblioteche di Roma, Cultura è Libertà, Gazzella onlus, Soccorso Sociale Palestinese, Ulaia Arte Sud  onlus,  una

  Settimana del libro palestinese dal 26 marzo al 2 aprile 2017

alla quale hanno assicurato la  partecipazione  le seguenti librerie:

Assaggi, Via degli Etruschi, 4;  Fahrenheit, Piazza Campo dei Fiori, 44;Giufà, Via degli Aurunci,38; Griot, Via di Santa Cecilia, 1; I Trapezisti, via L.Mantegazza, 37; L’Altracittà, Via Pavia, 106;  Libreria Leonina, Via dei Corridori, 16;; Libreria Paolina, Via del Castro Pretorio, 14; Nuova Libreria dei Ragazzi, Piazza Santa Cecilia, 18; Odradek, Via dei Banchi Vecchi, 57; Pucciarelli, Viale Tirreno, 228; Samarcanda, Via G. Bassani, 11; Todomodo, Via Bellegra, 46;Tuba, Via del Pigneto, 31.

Il programma della Settimana prevede:

26 marzo, ore 18. Libreria Fahrenheit, Piazza Campo dei Fiori, 44

Wasim Dahmash (Edizioni Q) – Simone Siblio (Università Ca’ Foscari)

Palestina: La letteratura come memoria

30 marzo, ore 18. Libreria Todomodo, Via Bellegra, 46

Leonardo Capezzone (Università La Sapienza) . Wasim Dahmash (Edizioni Q)

Palestina: Letteratura e resistenza

31 marzo, ore 20. Libreria Assaggi, Via degli Etruschi, 4

Isabella Camera D’Afflitto (Università La Sapienza)

Ghassan Kanafani e la Palestina del suo tempo

1 aprile, ore 18. Libreria Tuba, Via del Pigneto, 31

Maha Bader (IULM, Milano) – Cecilia Dalla Negra (Giornalista)

Sumud. Donne palestinesi tra resistenza ed esilio

2 aprile, ore 18,30. Libreria Griot, Via di Santa Cecilia, 1

Chiara Comito (arabista, bloger)

Piccola rassegna letteraria palestinese

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinse

Roma, 25 marzo 2015

No comments yet.

Lascia un commento