Il Ministro Gentiloni fermi la demolizione della Scuola di Gomme di Khan Al Ahmar

Ago 24, 2016 | Notizie

Appello della Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

Roma 18 Agosto 2016

Al Ministro per gli Affari Esteri

On. Paolo Gentiloni

ministero.affariesteri@cert.esteri.it

 

Signor Ministro,

confidiamo vivamente che il Governo Italiano non voglia rimanere inerte di fronte alla minaccia che il 23 agosto venga distrutta la Scuola di Gomme di Khan Al Ahmar,   realizzata dalla ong italiana  Vento di Terra su progetto architettonico di ARCò – Architettura e Cooperazione.

scuola 1

La distruzione della scuola – frequentata da 187 bambini e bambine, distribuiti/e in 8 classi – rientra in una più ampia operazione di sgombero di una vasta zona, che prevede  il trasferimento forzoso della Comunità Beduina che vi risiede, decisa dal Governo  Israeliano per consentire l’ampliamento della colonia israeliana di Kfar Adumin.

Ella è certamente al corrente che la  realizzazione di tale disegno  costituirebbe una violazione gravissima del Diritto Internazionale, poiché l’area in questione è parte dei Territori Palestinesi, che  illegittimamente sono mantenuti sotto occupazione,  e tutti gli insediamenti dei coloni, quindi anche  quello di Kfar Adumin, sono illegali, come dichiarato dall’ONU e dalla UE. Ma c’è di più  la deportazione o il trasferimento di tutta o di parte della popolazione del territorio occupato all’interno o all’esterno di tale territorio>  costituisce un crimine di guerra ai sensi del IV comma dell’articolo 8 dello Statuto della Corte Penale Internazionale.

scuola 2

E’ possibile tollerare che impunemente tutto ciò avvenga?

Fino a quando la comunità internazionale, e,  in essa,  la Repubblica Italiana  assisteranno senza alcuna reazione a violazioni tanto gravi?

Auspichiamo perciò  fortemente, Signor Ministro,  un Suo tempestivo ed efficace intervento  che inviti  il Governo Israeliano a  desistere  da questo suo proposito.

 Ci auguriamo che questo nostro appello non resti inascoltato e che Ella voglia darci un cenno di riscontro.

In fiduciosa attesa porgiamo i nostri saluti.

p. La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

Luisa Morgantini di AssopacePalestina

Loretta Mussi di BDS Roma

Meri Calvelli del Centro di Scambi Culturali Italo-Palestinesi, Gaza

Marco Ramazzotti Srockel di Ebrei Contro l’Occupazione

Nino Lisi di Per Non Dimenticare Gaza

Anissa Manca di Rete Radié Resh

Anna Farkas di U.S. Citizens for Peace &Justice

Flavia  Donati, Luisa Moruzzi, Marco Di Renzo, Rossana Platone

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio