Appello per il giornalista palestinese Mohammed Al-Qeeq i

Feb 23, 2016 | Notizie

Rete Romana di Solidarie con il Popolo Palestinese
Senatore Luigi Manconi
Presidente della Commissione Straordinaria Diritti Umani
Senato della Repubblica
Onorevole Pia Elda Locatelli
Presidente Comitato Diritti Umani
Camera dei Deputati
dirittiumani@senato.it, com_affari_esteri@camera.it
Signor e Signora Presidente.
ci permettiamo di attirare la Loro attenzione sul gravissimo caso del giornalista palestinese
Mohammed Al-Qeeq, illegalmente imprigionato in regime di detenzione amministrativa, ormai
alle soglie della morte dopo 87 giorni di sciopero della fame.
Al-Qeeq è stato arrestato il 21 novembre nella sua casa di Ramallah dalle forze di occupazione
israeliane, nel corso di un raid notturno. Dopo aver atteso invano per quattro giorni che gli venisse
contestato un capo di imputazione, ha iniziato uno sciopero della fame ad oltranza, per protestare
per essere stato torturato durante gli interrogatori e contro il regime di detenzione amministrativa
che, apertamente violando la Carta dei Diritti Umani, è illegale, come da tutti riconosciuto ed
anche dall’ organizzazione israeliana per i Diritti Umani B’Tselem, (http://bit.ly/24aTzeH).
Di recente, la richiesta di Al-Qeeq di essere trasferito in un ospedale palestinese è stata
respinta dalla Corte Suprema Israeliana.
Egli è solo uno dei 660 palestinesi in detenzione amministrativa, sui complessivi 7000
prigionieri politici detenuti da Israele, ma per la sua notorietà e per la dichiarata sua intenzione di
non por fine allo sciopero della fame se non con la liberazione o la morte, è divenuto un simbolo
della Resistenza del Popolo Palestinese, sicché il suo decesso, tanto più se ancora imprigionato,
avrebbe un fortissimo impatto sulla opinione pubblica del suo paese.
Amnesty International, Reporter senza frontiere, la Federazione Internazionale dei giornalisti e
una delegazione di parlamentari dell’UE sono intervenuti nei confronti del Governo Israeliano
chiedendo di porre termine alla sua detenzione. E’ notizia di stamane che anche il Coordinatore
Speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Nicola Mladenov, ha chiesto
ad Israele di liberarlo
Confidiamo che anche Loro vogliano urgentemente intervenire nei confronti del Governo
Israeliano, attraverso i canali che riterranno più opportuni, per chiedere in nome del rispetto dei
Diritti Umani l’immediato rilascio di Al-Qeeq.
In fiduciosa attesa di una Loro pronta iniziativa e di un cortese risposta, porgiamo i nostri saluti
La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese
Anna Farkas
Loretta Mussi
Roma 18 Febbraio 2016.
Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese – c/o Un Ponte per… p.za Vittorio 132 00185 Roma
reteromanapalestina@gmail.com
info 333 8312194; 339 3310021

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA