Il VIAGGIO della LIBERTÀ 2016 del FREEDOM THEATRE

Nov 24, 2015 | Info dal mondo, Iniziative

Il VIAGGIO della LIBERTÀ 2016

del FREEDOM THEATRE

21 Marzo – 1 Aprile 2016

Palestina Occupata

FreedomBus

Nel 2016, il Freedom Theatre compirà il suo decimo anniversario. Durante gli ultimi 10 anni, ci siamo impegnati in quella che il nostro compianto co-fondatore Juliano Mer Khanis chiamava “l’intifada culturale” – un movimento che sfrutta la forza della creatività e l’espressione artistica nella ricerca della libertà, della giustizia e dell’uguaglianza.

Per celebrare questo importante decimo anniversario, chiediamo agli amici e compagni di tutto il mondo di partecipare con noi all’annuale Viaggio della Libertà (Freedom Ride) – un’iniziativa organizzata attraverso il progetto dell’Autobus della Libertà del Freedom Theatre, in cooperazione con i comitati di lotta popolare di tutta la Palestina Occupata.

Il Freedom Ride 2016 rappresenta un’occasione di incontro tra artisti e attivisti impegnati nei diversi movimenti di tutto il mondo. Insieme ci impegneremo in scambi attraverso racconti, discussioni, dibattiti, teatro interattivo e altre azioni culturali, in alcune delle principali aree di oppressione e resistenza all’interno della Palestina Occupata.

I posti nell’Autobus della Libertà sono limitati a 35 persone. Per partecipare, vi preghiamo di mandare una mail a freedombus@thefreedomtheatre.org. Sarà quindi nostra premura inviarvi il modulo di partecipazione.

ITINERARIO

Il Freedom Ride 2016 inizierà a Jenin il 21 marzo. Passeremo quindi nella Valle del Giordano, dove rimarremo per diversi giorni prima di spostarci nell’area di Betlemme e nelle colline a sud di Hebron. Il viaggio terminerà il 1 aprile.

A differenza del passato, e proprio basandoci sulle esperienze precedenti, vi chiediamo di partecipare solo se vi potete impegnare per l’intero tragitto. Questo per favorire il lavoro di gruppo e la qualità delle attività svolte durante il viaggio.

CONDIZIONI

Il Freedom Ride si concentrerà sulle comunità indigenti, per cui le condizioni di vita durante il viaggio saranno molto semplici. Alcune comunità che ci ospiteranno mancano di servizi basilari come corrente elettrica, linee telefoniche, acqua corrente, fognature, così come scuole e cliniche. L’alloggio sarà spartano, in camere condivise o spazi comuni. Impianti doccia potrebbero non essere sempre disponibili e in alcuni casi dovremo usufruire di servizi igienici all’esterno.

In breve, questo viaggio richiederà un alto livello di tolleranza e bisognerà essere pronti ad affrontare situazioni che potrebbero essere percepite come stressanti. Dovrete essere disposti a fronteggiarle con un atteggiamento calmo e solidale. In cambio, otterrete un’esperienza diretta del tutto unica della vita nella Palestina Occupata e potrete partecipare direttamente al movimento verso la libertà e la giustizia in Palestina!

COSTI

Partecipanti palestinesi: 550 NIS

Partecipanti non palestinesi: 550 Dollari US

La quota comprende:

  • Il trasporto durante il viaggio (i partecipanti devono organizzarsi singolarmente per raggiungere Jenin, luogo di partenza del viaggio).
  • 3 pasti al giorno (alternative vegetariane saranno sempre disponibili).
  • L’alloggio condiviso (se si preferisce una maggiore privacy, si consiglia di portare la propria tenda). Materassi e coperte saranno a disposizione, ma per la vostra comodità, vi consigliamo di portare un sacco a pelo.

La quota dovrà essere versata entro il 1 febbraio 2016, ma visto il numero limitato di posti si consiglia di effettuare il pagamento il prima possibile. Il pagamento può essere effettuato qui. Vi preghiamo di notare che la quota non può essere pagata tramite il nostro partner americano MECA come donazione deducibile dalle tasse, trattandosi di una quota partecipativa e non di una donazione.

Vi preghiamo inoltre di notare che non possiamo in nessun modo fornire sconti, in quanto la quota partecipativa copre a malapena le nostre spese per il Freedom Ride.

L’AUTOBUS DELLA LIBERTÁ

L’Autobus della Libertà è un’iniziativa del Freedom Theatre (www.thefreedomtheatre.org ). Dal dicembre 2011, l’Autobus della Libertà ha impegnato migliaia di Palestinesi e di persone provenienti da tutto il mondo in azioni che affrontano direttamente la pratica del colonialismo israeliano degli insediamenti, dell’occupazione militare e dell’apartheid. Gli eventi dell’Autobus della Libertà si tengono nei villaggi, città, campi profughi e comunità beduine di tutta la Palestina storica. In collaborazione con le cooperative dei villaggi, con i comitati di lotta popolari e le organizzazioni di base, organizziamo eventi di più giorni e viaggi della libertà. Questi eventi comprendono soggiorni in case private, dibattiti, proteste, azioni di disobbedienza civile, sessioni di racconti, teatro interattivo e azioni culturali. L’Autobus della Libertà è sostenuto da Ali Abunimah, Alice Walker, Angela Davis, l’Arcivescovo Desmond Tutu, John Berger, Judith Butler, Mazin Qumsiyeh, la defunta Maya Angelou, Noam Chomsky, Omar Barghouti, Peter Brook e Remi Kanazi, il Comitato Nazionale per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni (BNC) e la Campagna Palestinese per il Boicottaggio Accademico e Culturale di Israele (PACBI). Numerosi altri artisti, attivisti, accademici e organizzazioni hanno espresso il loro sostegno all’Autobus della Libertà.

Il Freedom Ride 2016 è organizzato in collaborazione con la Jordan Valley Solidarity (www.jordanvalleysolidarity.org ), il Comitato Popolare delle colline a sud di Hebron e una moltitudine di altre organizzazioni locali e di singoli individui.

SEGUICI
Blog: freedombuspalestine.wordpress.com
Facebook: www.facebook.com/thefreedombus
Twitter: www.twitter.com/FreedomBusPal

(Traduzione di Elisa Reschini)

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avviso ai lettori

Questo sito è attualmente interessato da un processo di aggiornamento e ristrutturazione, ma i contenuti rimangono quelli di sempre. Vi chiediamo di sopportare per alcuni giorni questi cambiamenti di forma, fino alla messa a punto della veste definitiva. Grazie!

Archivi

il 5X100 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio

Rapporti OCHA